Redazione

Redazione

Suspendisse at libero porttitor nisi aliquet vulputate vitae at velit. Aliquam eget arcu magna, vel congue dui. Nunc auctor mauris tempor leo aliquam vel porta ante sodales. Nulla facilisi. In accumsan mattis odio vel luctus.

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Si chiude la lunga settimana dello Sci-O che in Austria ha visto svolgersi 6 gare di grande livello. Gli azzurri hanno fatto del loro meglio e oggi, nella gara valida per il World Ranking Event, sono stati protagonisti con ottime prestazioni.

In Women Elite la migliore è ancora Stefania Corradini che si piazza 4^, in 32':57",  seppur frenata da un dolore intercostale che le ha negato il podio. Bene pure Alice Ventura che è 13^. Vittoria per Petra Hančová, in 30':57"

Al maschile in evidenza Davide Comai che chiude 5°, mentre è 9° Francesco Corradini. Il successo è andato ancora allo svizzero Gion Schnyder in 30':48".

Tra le giovani della D20 la migliore italiana è nuovamente Rachele Gaio, 7^, Alice Sartori, 9^ e Debora Dalfollo, 11^.

Il commento finale spetta al CT Nicolò Corradini: "In Elite gli atleti sono tutti molto vicini con distacchi contenuti. Direi che la partecipazione alle gare dello Ski-O Tour e le altre è stata molto importante per capire quale sia attualmente il nostro livello. Tutti i ragazzi sono soddisfatti dei propri risultati".

Per gli azzurri ora un nuovo impegno di carattere internazionale con la partecipazione ai Campionati Europei che si tengono in Turchia, a Sarikamis dal 6 all'11 di febbraio. Partenza il 4 febbraio da Malpensa. 

Ancora da stabilire il programma di avvicinamento visto il probabile annullamento dei Campionati Italiani di Monte Pana del prossimo week end a causa della carenza di neve.

DONNE ELITE:

1. Hančová Petra  E OK Lokomotiva Pardubice 30:57
2. Mechlová Lenka  E OK Slavia Hradec Králové 31:09 + 0:12
3. Neumannová Kateřina  E VSK Přírodní vědy Praha 32:37 + 1:40
4. Corradini Stefania  Italian Orienteering Federation 32:57 + 2:00

UOMINI ELITE:

1. Schnyder Gion  Swiss - Ski O - Team 30:48
2. Belomazhev Stanimi Bulgarian Orienteering Federation 30:53 + 0:05
3. Horvát Petr SK Severka Šumperk 31:05 + 0:17
4. Matuš Vojtěch  Sportovní klub ve Vrbně pod Pradědem 32:32 + 1:44
5. Comai Davide Italian Orienteering Federation 32:52 + 2:04

9. Corradini Francesko  Italian Orienteering Federation 34:14 + 3:26

 

CLASSIFICHE COMPLETE

Nonostante le bizzarre condizioni meteo con gli ingenti danni di fine ottobre ed un inverno a dir poco anomalo anche quest'anno siamo in grado di poter confermare lo svolgimento della 42^ Lavazeloppet, gara  in tecnica classica che precede di pochi giorni la Marcialonga di Fiemme e Fassa.

Le condizioni delle piste a Passo lavazè sono ottime, se pur ridotte nei chilometri, grazie al grande lavoro dello staff  del centro Fondo Lavazè e ciò ci ha consentito di predisporre un tracciato di gare, sulle piste Campiol (3 giri) e Variante Malga Varena ( 2 giri) di 17,5 Km . Un tracciato  ben preparato e considerato ottimo ultimo allenamento prima della gara di domenica.  

La partenza è fissata alle ore 9.30 di giovedì 24 gennaio con apertura dell'ufficio gare a Passo Lavazè da martedì pomeriggio dalle ore 14.00 sino a giovedì 24 con orario  08.30 . 18.00.

Iscrizioni 30 euro aperte anche via mail con invio copia bonifico bancario a:  USLAVAZE@LIBERO.IT  sino a Martedì 22.01 ore 12.00  -  a seguire a 35 euro solo presso l'ufficio gare a passo Lavazè.

Emuli dei campioni olimpici Paruzzi e Di Centa, Aurora Baron, Federico Flora e Aurora Morassi al successo

Gare molto combattute per le categorie Ragazzi e Allievi oggi in Val di Fiemme

Successo organizzativo per il GS Castello che mette in archivio una bella 36.a edizione

Soddisfatti anche i dirigenti di Kinder + Sport: ‘Joy of Moving’ motto perfetto

 

 

Temperature sotto zero ideali per la neve, oggi in Val di Fiemme, un bel cielo terso e sole caldo per i partecipanti alla seconda giornata del 36° Skiri Trophy XCountry, animata da Ragazzi e Allievi sulle piste iridate di Lago di Tesero.

Un’autentica invasione di colori e “scoiattoli” sugli sci stretti, con tifo vivace e risultati tecnici di ottimo livello per entrambe le categorie, e vera esaltazione dello slogan “Joy of Moving” dell’importante partner dello Skiri Trophy, Kinder + Sport.

Per gli organizzatori del GS Castello un altro bel goal, con complimenti da parte di tutti, del resto 1300 concorrenti di 11 nazioni tra cui Australia, Brasile e Argentina sono davvero un bel riconoscimento.

Di solito gli stranieri, soprattutto sloveni e croati, lasciano il segno in queste competizioni, stavolta i portacolori italiani hanno fatto incetta di podi, ma i trentini e padroni di casa sulle piste fiemmesi hanno dovuto farsi da parte, sia oggi che ieri.

Quella di oggi è stata la giornata dei friulani. Prima è scattata la gara della categoria Ragazzi al femminile. Aurora Baron, friulana di Paularo, vicino alla ben più nota Paluzza, ha gestito tatticamente la gara rimanendo nascosta nel gruppetto delle prime dieci. Anche al primo giro di boa dentro lo stadio di Lago di Tesero era decima, poi nel finale ha dato fuoco alle polveri ed è andata a vincere d’un soffio sulle cuneesi Giulia Piacenza ed Aurora Giraudo che si sono disputate argento e bronzo allo sprint. Soddisfatta ovviamente Aurora Baron al traguardo: “Mi alleno forte con lo sci club Aldo Moro, i miei idoli sono Giorgio e Manuela (Di Centa) e Gabriella (Paruzzi) – ha detto al microfono – e spero un giorno di imitarli anche nei risultati”.

Federico Flora della Polisportiva Timau Cleulis è un conoscitore di queste gare e piste. È arrivato in Val di Fiemme con la convinzione di fare la differenza e c’è riuscito. È uscito bene al lancio della mass start, ma alla prima salita in 5 o 6 lo hanno braccato, sulla successiva discesa, grazie anche a due missili ai piedi, ha allungato, ancora ripreso in salita e via così per tutta la gara. I più temibili erano Scandolara, transitato proprio insieme a Flora al primo giro di boa, quindi Carollo e Rocca. Determinazione e sci perfetti lo hanno sospinto verso una meritata vittoria, con una manciata di secondi sui due cuneesi Carollo e Rigaudo. Flora è di Paluzza come Giorgio Di Centa, ovviamente suo idolo.

Nessun break in pista, quindi al via si sono presentate le Allieve. Il detto ‘non c’è due senza tre’ ha funzionato anche in questo caso e infatti a balzare sul gradino più alto del podio ancora una friulana, Aurora Morassi della Polisportiva Timau Cleulis. Arriva da Cercivento, famosa località per aver dato i natali ad Alessandro Pittin. Aurora non ha certo indugiato ed ha voluto subito mettere in chiaro le proprie intenzioni. È partita forte, incurante delle avversarie, ed è sempre stata in testa. A Lago ha già vinto in passato le gare Baby e Cuccioli e così ha confezionato un bel tris di successi. Poco da fare per la veronese Maria Sole Cona, seconda, e per la cuneese Elisa Gallo finite nell’ordine per un non nulla. A salire sul podio ci ha provato anche la croata Ana Smole, medaglia di legno per 2/10.

Mentre il sole era sempre più alto e la temperatura diventava gradevole, toccava all’ultima gara di giornata, la Allievi maschile. In passato le bandiere di Frassinoro hanno sventolato spesso allo Skiri Trophy – o Trofeo Topolino che dir si voglia - grazie soprattutto a Martina Vignaroli ma non solo. Terra famosa anche per il grande fondista Tonino Biondini e oggi un suo lontano parente, stesso cognome e stessa grinta, ha gratificato lo sport modenese. È stata la gara di Matteo Biondini, che ormai ha partecipato in tutte le categorie del Trofeo. Ha voluto chiudere in bellezza, anche se nel primo giro è stato attaccato da rivali come Giraudo e Artusi che avevano idee bellicose. Poi nel finale ha trovato la giusta strategia e grazie a sci veloci ha infilato la dirittura d’arrivo con due lunghezze di vantaggio, che ha mantenuto fino alla corona d’alloro messagli al collo dalla coordinatrice del C.O. Nicoletta Nones, anche lei parente di un campione illustre, quel Franco Nones che era a bordo pista ad applaudire. Due cuneesi in scia, Davide Ghio e Samuele Giraudo.

Finire così presto prima di mezzogiorno è quasi stato un peccato, di sicuro le gare non hanno stancato i tanti spettatori, davvero quattro contese vivaci. Nella speciale classifica per società miglior punteggio per Alpi Marittime davanti ad Alta Valtellina ed a Ski Pgz (CRO).

Tra vincitori e vinti applausi, strette di mano e abbracci, il “fair play” domina in questo genere di manifestazioni proprio secondo lo spirito di Kinder + Sport, che intende rafforzare la partnership: “Un’altra bella esperienza qui in Val di Fiemme, è andata molto bene, siamo molto contenti di questo evento perché sposa al 100% i nostri valori, che sono l’amicizia, il fair play, tutti quei momenti di festa e gioia che ti dà lo sport. È evidente che i partecipanti gradiscono l’organizzazione, l’ambiente e per noi è importante supportare soprattutto questi sport di nicchia, ma con tanti giovanissimi” ha detto Alejandro Hurtado, responsabile del team Kinder + Sport.

L’evento fa parte anche dell’iniziativa FIS World Snow Day che coinvolge il GS Castello ormai da tempo, oltre che della speciale combinata Skirilonga insieme alla mitica Marcialonga. Il GS Castello ha ricevuto elogi “a manetta”, forse è già ora di pensare alla 37.a edizione, grazie anche al supporto delle amministrazioni pubbliche locali e di tanti partner commerciali.

Info: www.skiritrophy.com

 

Download immagini TV:

www.broadcaster.it

 

 

Ragazzi maschile

1. Flora Federico Polisportiva Timau Cleulis 14.05,4; 2. Carollo Michele S.C. Alpi Marittime 14.07,8; 3. Rigaudo Alberto S.C. Alpi Marittime 14.10,5; 4. Scandolara Simone S.C. Bosco 14.20,6; 5. Rocca Nicholas Asd Sporting Club Livigno 14.24,7; 6. Ferrari Luca U.S. Dolomitica 14.25,5; 7. Goss Andrea U.S. Lavaze' 14.38,2; 8. Anarbe Peio Fed. Spagnola Fedi 14.42,5; 9. Di Santo Leonardo S.C. Opi 14.43,1; 10. Seppi Samuele A.S.V. Prad Raiffeisen Werbering 14.43,5

 

Ragazzi femminile

1. Baron Aurora U.S. Aldo Moro 10.27,6; 2. Piacenza Giulia S.C. Alpi Marittime 10.29,6; 3. Giraudo Aurora S.C. Valle Stura 10.30,2; 4. Dal Ben Giorgia S.C. Bosco 10.30,4; 5. Comensoli Vanessa Polisportiva Le Prese 10.33,7; 6. Gautero Carlotta S.C. Alpi Marittime 10.36,1; 7. Frigo Kristel U.S. Asiago Sci 10.49,5; 8. Corti Giulia Sci Nordico Varese 10.52,2; 9. Ghiddi Annamaria Polisportiva Pavullese Sci Fondo 10.52,5; 10. Laurent Beatrice S.C. Sestriere 10.54,1

 

Allievi maschile

1. Biondini Matteo S.C. Piandelagotti 17.48,0; 2. Ghio Davide S.C. Alpi Marittime 17.49,4; 3. Giraudo Samuele S.C. Valle Stura 17.51,9; 4. Artusi Aksel S.C. Primaluna Giovani XxIII 17.52,1; 5. Massella Alex S.C. Bosco 17.52,2; 6. Doliana Denis A.S. Cauriol 17.52,3; 7. Garcia Nicolò S.C. Sestriere 17.53,5; 8. Gastaldi Andrea S.C. Valle Pesio 17.53,7; 9. Franzoni Matteo Polisportiva Molina 17.57,0; 10. Rigaudo Gabriele S.C. Alpi Marittime 18.02,4

 

Allievi femminile

1. Morassi Aurora Polisportiva Timau Cleulis 14.38,0; 2. Cona Maria Sole S.C. Bosco 14.39,2; 3. Gallo Elisa S.C. Alpi Marittime 14.39,5; 3. Smole Ana Tsk Valkarton Logatec 14.39,5; 5. Logonder Anna-Maria Union Rosenbach 14.39,9; 6. Laurent Nadine S.C. Gressoney Monte Rosa 14.41,7; 7. Salvadori Manuela Polisportiva Le Prese 14.53,4; 8. Plosch Astrid S.C. Weissenfels 14.55,0; 9. Jagecic Nika Ski Club Sljeme Zagreb 14.59,0; 10. Cenci Roberta U.S. Enego Lisser 15.02,4

 

Classifica Società

1 S.C. Alpi Marittime p.153; 2 S.C. Alta Valtellina 116; 3 Ski Association Pgz 114; 4 S.C. Bosco 88; 5 S.C. Valle Stura 70

Sono Kristine Stavaas Skistad e Alexander Terentev i nuovi campioni mondiali juniores nella sprint di sci di fondo. Prima giornata di gare a Lahti. La norvegese ha battuto in finale la polacca Monika Skinder e la finlandese Anita Korva, il russo ha preceduto due norvegesi, Ansgar Evensen e Haakon Skaanes.

Nicole Monsorno è stata la migliore delle azzurre nella gara femminile: l'atleta classe 2000 si è qualificata con l'undicesimo tempo e ha superato anche i quarti chiudendo seconda dietro la svedese Frida Karlsson la propria batteria, dov'era impegnata anche la compagna Rebecca Bergagnin (sesta ed eliminata). In semifinale la sua corsa si è fermata e alla fine ha chiuso undicesima. Trentesimo posto per Bergagnin, sono rimaste fuori dalla fase a eliminazione diretta Valentina Maj (39ª) e Noemi Glarey (46ª).

Ha centrato la top ten Stefano Dellagiacoma nella gara maschile: secondo dietro Evensen ai quarti, in semifinale ha chiuso al quinto posto ed è rimasto fuori dalla lotta per il podio. Ha superato le qualificazioni anche Davide Graz che per un pelo non è andato avanti, perdendo al fotofinish la volata con il russo Zhul ai quarti. Gli altri due azzurri Riccardo Bernardi e Giovanni Ticco hanno chiuso rispettivamente 38° e 40°. Lunedì altre gare sprint, per la categoria Under 23.

Ordine d'arrivo sprint femminile Mondiali Juniores Lahti (Fin)

1 SKISTAD Kristine Stavaas 1999 NOR

2 SKINDER Monika 2001 POL

3 KORVA Anita 1999 FIN

11 MONSORNO Nicole 2000 ITA

30 BERGAGNIN Rebecca 1999 ITA

39 MAJ Valentina 2000 ITA

46 GLAREY Noemi 1999 ITA

Ordine d'arrivo sprint maschile Mondiali Juniores Lahti (Fin)

1 TERENTEV Alexander 1999 RUS

2 EVENSEN Ansgar 2000 NOR

3 SKAANES Haakon 1999 NOR

9 DELLAGIACOMA Stefano 1999 ITA

14 GRAZ Davide 2000 ITA

38 BERNARDI Riccardo 2000 ITA

40 TICCO Giovanni 2000 ITA

I risultati completi: https://www.fis-ski.com/DB/general/event-details.html?sectorcode=CC&eventid=43363&seasoncode=2019

Seconda giornata di Coppa Italia Fiocchi sulle nevi di Brusson. Il programma di oggi prevede una gara sprint sotto l’organizzazione dello Sci Club Bionaz Oyace ed in assenza dei convocati per i Mondiali Junior-Giovani in partenza per Osrblie in Slovacchia.

 

Nella categoria senior podio tutto appannaggio del CS Esercito: vittoria per il livignasco Saverio Zini con un doppio zero al poligono davanti a Nicola Romanin e all’altro livignasco Paolo Rodigari. Un altro doppio zero permette all’alpino di Bionaz Mattia Nicase di salire sul gradino più alto del podio nella categoria junior precedendo il vincitore dell’individuale di ieri, Jan Kuppelwieser (Martello) e il Carabiniere Daniele Fauner, saldamente leader di graduatoria generale. Al femminile conquista la vittoria Nicole Del Fabbro (Fornese) sulla leader di Coppa Italia Fiocchi, Francesca Viviani (Alta Valtellina) e Irene Borettaz (Champorcher).

 

Rimanendo al femminile ma scendendo alla categoria giovani, vittoria e nuovo pettorale di leader conquistato da Laura Sciarpa dello Sci Club Sarre. Completa il podio Sara Cesco Fabbro (Carabinieri) e Magdalena Wierer (Esercito). Prima vittoria stagionale per l’alpino valtellinese Michele Molinari che la spunta per pochi secondi su Nicolò Giraudo (Entraque) e David Zingerle (Carabinieri).

 

Infine nella categoria aspiranti Linda Zingerle (Anterselva) nonostante due errori a terra sale sul gradino più alto del podio precedendo sul traguardo di oltre un minuto la valtellinese Daniela Gaglia che gira tre volte nella serie in piedi e la valdostana Sabrina Borettaz (Amis de Verrayes). Rimane a Federico Leone il pettorale blu di leader di categoria aspiranti grazie al secondo posto conquistato oggi. Marco Barale (Entraque) vince in 14’51’’ mentre raggiunge il terzo posto il livignasco Mattia Rodigari.

 

LEADER COPPA ITALIA FIOCCHI

Senior Maschile: ROMANIN NICOLA (C.S. ESERCITO)

Junior Maschile: FAUNER DANIELE (C.S. CARABINIERI)

Junior Femminile: VIVIANI FRANCESCA (SC ALTA VALTELLINA)

U19 Maschile: GIACOMEL TOMMASO (FIAMME GIALLE)

U19 Femminile: SCIARPA LAURA (SC SARRE)

U17 Maschile: LEONE FEDERICO EMILIO (AMIS DE VERRAYES)

U17 Femminile: ZINGERLE LINDA (ANTERSELVA)

 

Classifiche e graduatorie aggiornate di Coppa Italia Fiocchi scaricabili al seguente link:

http://www.coppaitalia.org/index.php/sport/news/item/1053-20-01-19-tutti-i-risultati-della-sprint-di-coppa-italia-fiocchi-di-brusson-ex-bionaz

13.a Moonlight Classic il 23 gennaio sull’Alpe di Siusi in Alto Adige

Il gruppo musicale Pamstiddn Kings si esibirà al tendone riscaldato di Compatsch

Iscrizioni ancora aperte a 60 euro per entrambi i percorsi di 15 e 30 km

 

La Moonlight Classic si disputerà mercoledì 23 gennaio in Alto Adige, e regalerà una giornata tutta da vivere, ad accompagnare il prestigioso appuntamento serale con la tredicesima edizione dell’evento di sci di fondo altoatesino. I pettorali di partenza saranno a disposizione presso l’Ufficio gare sull’Alpe di Siusi (area partenza/arrivo) martedì 22 dalle 15.00 alle 18.00 e mercoledì 23 a partire dalle ore 9.00, prima di ritrovarsi nella zona di partenza di Compatsch sulle note musicali dei Pamstiddn Kings, ad esibirsi nel tendone riscaldato poco distante: “Relax. Breathe in. Breathe out. There are no concerts you can miss!”, cantautori e polistrumentisti che renderanno ancor più viva l’atmosfera. Il vivace sestetto altoatesino si esibirà con i propri fiati all’insegna di musiche jazz-funk interessanti e coinvolgenti. Alle ore 20 la Mass Start della Moonlight Classic, con arrivo dei primi concorrenti della 15 km previsto alle ore 20.35 e del vincitore della 30 km alle ore 21.15. A seguire flower ceremony e premiazione dei vincitori alle ore 22. La neve di certo non manca sull’Alpe di Siusi, sono infatti arrivati altri dieci centimetri e la zona dispone di tutte le comodità del caso. Si potrà giungere fino al tendone di Compatsch con la propria macchina dopo le ore 17.00, ricordando agli spettatori che potranno salire dalle ore 18 in poi gratuitamente in cabinovia (aperta e a disposizione fino alle ore 1), mentre agli atleti la cabinovia è aperta – sempre gratuitamente – per tutta la giornata. Hanno chiesto informazioni sulla gara anche partecipanti del calibro di Anders Aukland, oro olimpico e mondiale, e Tord Asle Gjerdalen, il titolato fondista con i Ray-Ban, due volte campione mondiale. I due futuri concorrenti della prossima Marcialonga di Fiemme e Fassa potrebbero così ‘riscaldarsi’ alla Moonlight Classic, sontuosa passeggiata in notturna di 15 o 30 km, illuminata da 1.000 fiaccole che renderanno elettrizzante l’atmosfera. Da quest’anno la manifestazione è anche “Just for Fun”, la gara vuole infatti essere aperta a tutti da parte dell’APT Alpe di Siusi, una sfida emozionante e troppo bella per non essere vissuta a fondo anche dai non agonisti, in modo sereno e ‘fuori classifica’. I fuori…classe potranno invece sfruttare l’altitudine, “ricercata” per migliorare le proprie performance sportive. La location è stata anche sede di arrivo di una tappa del Giro d’Italia, nel 2009 durante la quinta tappa partita da San Martino di Castrozza con la vittoria del russo Denis Menchov. Partecipare alla Moonlight Classic è ancora possibile, alla cifra di 60 euro, l’altopiano per tutte le stagioni accoglie ogni tipo di fondista, dal primo all’ultimo.

Miriade di campionissimi al via tra stelle del fondo e di altre discipline

 

Il prossimo 27 gennaio la Marcialonga trentina festeggerà la 46.a edizione di una narrazione di lungo corso, ma che mai come quest’anno potrebbe avere al via campioni di ogni sorta, dai titolatissimi del passato ai fuoriclasse di oggi, sino alle stelle olimpiche di altre discipline rispetto allo sci di fondo; ma la Marcialonga è prima di tutto Valli di Fiemme e Fassa, un’unione metaforica completata con largo anticipo.

Il presidente Angelo Corradini può infatti annunciare fieramente che il tracciato di 70 km da Moena a Cavalese è stato portato a termine grazie ad un grandissimo lavoro, ed ora resta solamente l’attesa per l’arrivo dei fiocchi innevati previsto a giorni perché, si sa, la Marcialonga imbiancata è qualcosa di speciale. Saranno ben 7.500 i fondisti, in gran parte “bisonti”, come vengono simpaticamente soprannominati i concorrenti della Marcialonga, ma tra di essi si celano alcune delle figure che hanno fatto la storia dello sport, nostrano ed internazionale, cominciando dai campioni olimpici di ciclismo (Paolo Bettini), sci di fondo (Cristian Zorzi),  canoa (Antonio Rossi) e anelli (Jury Chechi), fino all’ex portiere della nazionale italiana Francesco Toldo. Un parterre dei più variegati, contando anche il cantante rock svedese Anders Wendin e l’ex calciatore dei gialloblù Patrik Andersson.

A comandare le classifiche Visma Ski Classics – il circuito delle migliori granfondo a livello mondiale - vi è Petter Eliassen, di ritorno dopo essersi fermato per qualche tempo ma già in grande spolvero. I suoi compagni del Team BN Bank non sono tuttavia da meno e a seguire si trovano Simen Oestensen e Morten Eide Pedersen, a detronizzare apparentemente anche il team di Gjerdalen (attualmente il norvegese si trova in 6.a posizione). Andreas Nygaard è settimo, nono Ilya Chernousov, vincitore della passata Marcialonga. I trentini Mauro Brigadoi e Francesco Ferrari sono rispettivamente 25° e 28° nel ranking Visma Ski Classics.

“Marcialonga è tutto ciò a cui penso durante l’anno”, parole del vincitore delle edizioni 2015, 2016 e 2017 Tord Asle Gjerdalen, due ori mondiali e due bronzi, uno ciascuno ottenuti proprio in Val di Fiemme: “Lo scorso gennaio non sono stato forte abbastanza sulla salita di Cascata – afferma Gjerdalen, - non era proprio il mio giorno ed ora farò tutto ciò che posso per prepararmi e tornare più forte”.

A fargli compagnia in gara ci sarà il veterano e compagno di squadra del ‘sergente’ con i Ray-Ban, Anders Aukland, oro olimpico e mondiale: “Marcialonga è indubbiamente la gara più importante dell’anno, spero che il nostro team possa fare bene”. Diverse le ‘sfide nella sfida’ all’interno della ski-marathon, come quella che coinvolgerà gli svizzeri Giachem Guidon, pettorale 2599, e Andi Grunenfelder, pettorale 2690, quest’ultimo anche bronzo olimpico. La sfilza di campioni ed ex campioni è letteralmente infinita, e Aleksandr Panžinskij, argento olimpico, non mancherà ai nastri di partenza, così come Alexandr Legkov, altro campione olimpico. Risponderanno presente anche Jerry Ahrlin, tre volte vincitore della Marcialonga (2007, 2009, 2011), lo svedese Jörgen Brink, il ceco Stanislav Řezáč e il campione mondiale Anders Gløersen.

Tra le donne al comando non poteva che esserci la svedese Britta Johansson Norgren, questa volta però con un distacco più risicato rispetto all’inseguitrice Astrid Oyre Slind, sorella della titolata Kari di Coppa del Mondo. Dovesse migliorare nei rush finali, il primo piazzamento della Norgren non sarebbe poi così tanto sicuro. Terza la sempre ottima Katerina Smutna, quinta Justyna Kowalczyk che alla Marcialonga come uno squalo potrebbe attaccare le specialiste del double poling. La nostra Chiara Caminada, più volte vincitrice della Combinata Punto3 Craft, è invece sedicesima in classifica generale.

L’emozione nel partecipare sarà tanta, sia per i fondisti italiani sia per gli atleti internazionali, perchè Marcialonga è la sfida più ambita dell’anno e per accoglienza fiemmesi e fassani non sono secondi a nessuno, facendo sentire come tra le mura domestiche anche fondisti distanti migliaia di chilometri dalla propria terra natale. Marcialonga è - ora più che mai - capitale dello sci di fondo nel mondo.

A inizio febbraio MarciaGranParadiso, Italiani Assoluti e Coppa Italia: tre giorni di fuoco per gli sci stretti

Di neve dal cielo, neanche a parlarne. Ora però le temperature sono andate sotto lo zero e l’impianto per la neve programmata è a pieno regime. A Cogne (Valle d’Aosta) si lavora giorno e notte per regalare una cartolina indimenticabile ai tifosi che seguiranno da vicino il ritorno della Coppa del Mondo di fondo del 16 e 17 febbraio. Le immagini di Cogne saranno trasmesse in diretta in tutto il mondo. In Italia troveranno spazio niente meno che su Rai 2: ora è ufficiale, la sprint in tecnica libera e la sfida stellare tra il norvegese Johannes Høsflot Klaebo e l’atleta di casa Federico Pellegrino, sarà trasmessa in diretta sulla seconda rete della tivù pubblica. Immagini che cattureranno l’attenzione non solo degli appassionati di sport, ma di tanti altri telespettatori. Il tutto a una manciata di giorni dall’inizio dei Campionati Mondiali di Seefeled.

 

Prima di andare in mondovisione con il grande evento internazionale, la località del Gran Paradiso avrà tre giorni di fuoco (1-3 febbraio), dedicati sempre agli sci stretti. Una gara dentro l’altra perché in settantadue ore sui Prati di Sant’Orso andranno in scena la 37a edizione della MarciaGranParadiso, la Mini MarciaGranParadiso, il Vitalini Speed Contest, i Campionati Italiani Assoluti e la Coppa Italia. Un programma intensissimo, ideale per testare l’intera macchina organizzativa che dovrà poi essere impeccabile per le due giornate della Coppa del Mondo.

 

Venerdì 1 si inizierà con la 25 chilometri skating della Marcia e con le gare sprint che assegneranno i titoli italiani Assoluti. Sabato spazio alla long distance valida per i tricolori e ai bambini con la Mini Marcia e il Vitalini Speed Contest, un format ideato dall’azienda valtellinese di abbigliamento sportivo che coniuga il fondo e la velocità. Un evento che lo scorso anno venne accolto con entusiasmo e che quest’anno avrà due testimonial d’oro: Stefania Belmondo e Marco Albarello, quest’ultimo direttore tecnico della World Cup. Domenica il gran finale con la tradizionale Marcia di 25 e 45 chilometri da percorrere in tecnica classica, prova utile anche per stilare le classifiche della Coppa Italia Sportful e di quella Master.

 

IL PROGRAMMA - 1-3 FEBBRAIO 2019

 

VENERDÌ 1° FEBBRAIO

ORE 9.00 - MarciaGranParadiso - skating 25 km

ORE 13.30 - Qualifiche Campionati Italiani Assoluti - sprint skating femminile e maschile

ORE 15.00 - Batterie finali Campionati Italiani Assoluti - sprint skating femminile e maschile

 

SABATO 2 FEBBRAIO

ORE 9.00 - Campionati Italiani Assoluti - 10 km femminile/15 km maschile - tecnica classica

ORE 12.30 - Mini MarciaGranParadiso

A SEGUIRE - Vitalini Speed Contest con Stefania Belmondo e Marco Albarello

 

DOMENICA 3 FEBBRAIO

ORE 10.00 - MarciaGranParadiso - 25 km e 45km - tecnica classica

Gara valida per la Coppa Italia Sportful e Coppa Italia Master

A SEGUIRE - pranzo della Proloco e premiazioni in piazza Chanoux

Pagina 3 di 523
Top