Riccardo Dallio

Riccardo Dallio

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

L'inseguimento maschile di Salt Lake City va al francese Quentin Fillon Maillet, protagonista di una prestazione al poligono da fantascienza grazie alla quale è riuscito a portarsi a casa la prova. Seconda piazza per il vincitore della sprint di ieri, il norvegese Christiansen, che coglie un altro preziosissimo piazzamento dopo il primo trionfo in carriera. Completa il podio Simon Desthieux, a testimonianza del grande valore raggiunto dall'intera squadra transalpina.

E' Quentin Fillon Maillet il cecchino di giornata sull'anello olimpico americano teatro dei Giochi invernali del 2002. Il ventiseienne francese, che sta disputando una grandissima stagione, compie un vero e proprio capolavoro al poligono in una giornata dalle forti folate di vento che hanno causato non pochi problemi alla maggior parte dei biatleti in gara. Partito in 6a posizione ad oltre 40" dalla vetta, Fillon Maillet ha guadagnato giro dopo giro sfruttando dapprima il ritmo forsennato imposto da J.T.Boe e poi i numerosi bersagli mancati dai battistrada che sono risultati decisamente più fallosi lungo le quattro serie di tiro. Nulla ha potuto, nel giro conclusivo, Vetle Sjaastad Christiansen. Lo scandinavo, coetaneo di Fillon Maillet, dopo essersi aggiudicato la sprint non è riuscito a confermarsi quest'oggi per via di un vertiginoso crollo fisico negli ultimi due chilometri. Con la seconda posizione in tasca, il norvegese si è limitato a controllare la situazione dopo aver commesso un solo errore nella seconda delle due serie a terra. Il trionfo dei "galletti" viene impreziosito dal terzo posto di Simon Desthieux. Nonostante il mediocre 17/20 in piazzola, Desthieux conquista un bel podio sfruttando gli errori dei più immediati inseguitori e, in particolare, del leader della classifica di Coppa del Mondo Johannes Boe, alle prese con ben cinque giri di penalità.

Citando i numerosi errori degli inseguitori, non possiamo non analizzare la brutta prova del team azzurro. Il migliore al traguardo è ancora una volta Lukas Hofer, giunto 12mo. Il carabiniere di San Lorenzo è apparso in affanno al poligono soprattutto per via della lenta sequenza di rilascio dei colpi in tutte e quattro le serie. Nonostante il diverso tempo preso in fase di puntamento, Lukas ha commesso quattro errori totali mostrando al contempo una condizione sugli sci in calo rispetto al mese di gennaio. Dominik Windisch è il secondo dei nostri e, dopo gli incoraggianti risultati delle ultime tappe, compie purtroppo un passo indietro terminando solamente 24mo con 7 giri di penalità. In particolar modo, sulla prova del bronzo olimpico pesano i tre bersagli mancati nella seconda serie a terra. Si conferma sui suoi standard, invece, Thomas Bormolini (4), che passa dalla 30ma alla 28ma piazza, mentre non va oltre il 43mo posto l'aostano Thierry Chenal (7), autore di una performance deludente alla pari di Windisch.

CLASSIFICA INSEGUIMENTO MASCHILE SOLDIER HOLLOW

1 6 FILLON MAILLET Quentin FRA FRANCE 0+0+0+0 0 30:55.8
2 1 CHRISTIANSEN Vetle Sjaastad NOR NORWAY 0+1+0+0 1 +25.9
3 2 DESTHIEUX Simon FRA FRANCE 0+1+1+1 3 +47.3
4 5 BOE Johannes Thingnes NOR NORWAY 0+0+2+3 5 +1:37.7
5 4 LESSER Erik GER GERMANY 0+0+2+2 4 +1:55.1
6 8 WEGER Benjamin SUI SWITZERLAND 0+2+1+0 3 +2:11.4
7 28 LOGINOV Alexander RUS RUSSIA 0+2+0+1 3 +2:16.5
8 44 GOW Christian CAN CANADA 0+0+0+0 0 +2:21.2
9 13 DOLL Benedikt GER GERMANY 0+1+1+3 5 +2:22.7
10 14 DOHERTY Sean USA USA 0+3+0+0 3 +2:22.8
11 10 DALE Johannes NOR NORWAY 0+0+2+1 3 +2:33.2
12 7 HOFER Lukas ITA ITALY 0+0+2+2 4 +2:39.2
13 37 EDER Simon AUT AUSTRIA 0+0+1+1 2 +2:43.9
14 33 PIDRUCHNYI Dmytro UKR UKRAINE 0+1+2+1 4 +2:48.8
15 23 FOURCADE Simon FRA FRANCE 0+1+2+1 4 +2:51.5
16 16 CLAUDE Fabien FRA FRANCE 1+0+2+3 6 +3:05.7
17 9 GUIGONNAT Antonin FRA FRANCE 0+0+4+2 6 +3:09.4
18 3 REES Roman GER GERMANY 1+1+0+3 5 +3:28.5
19 29 RASTORGUJEVS Andrejs LAT LATVIA 2+0+0+3 5 +3:33.0
20 21 L'ABEE-LUND Henrik NOR NORWAY 2+0+1+3 6 +3:33.1
21 22 LEITNER Felix AUT AUSTRIA 0+1+1+3 5 +3:36.0
22 12 NAWRATH Philipp GER GERMANY 0+1+0+3 4 +3:38.9
23 27 BJOENTEGAARD Erlend NOR NORWAY 1+1+1+3 6 +3:46.0
24 11 WINDISCH Dominik ITA ITALY 0+3+2+2 7 +3:48.4
25 17 GOW Scott CAN CANADA 1+1+2+0 4 +3:58.5
26 32 JAEGER Martin SUI SWITZERLAND 0+1+2+2 5 +4:03.2
27 46 EBERHARD Julian AUT AUSTRIA 1+0+3+1 5 +4:08.3
28 30 BORMOLINI Thomas ITA ITALY 0+2+2+0 4 +4:08.4
29 38 ZAHKNA Rene EST ESTONIA 1+1+0+1 3 +4:12.6
30 35 JACQUELIN Emilien FRA FRANCE 0+3+2+2 7 +4:16.6
31 49 ILIEV Vladimir BUL BULGARIA 3+0+0+2 5 +4:34.7
32 24 POVARNITSYN Alexander RUS RUSSIA 0+2+1+2 5 +4:36.6
33 18 KUEHN Johannes GER GERMANY 1+2+5+1 9 +4:42.5
34 41 CLAUDE Florent BEL BELGIUM 1+1+1+0 3 +4:44.2
35 26 KRCMAR Michal CZE CZECH REPUBLIC 2+1+3+2 8 +4:47.2
36 34 FINELLO Jeremy SUI SWITZERLAND 1+0+2+2 5 +4:59.7
37 52 PUCHIANU Cornel ROU ROMANIA 0+0+2+2 4 +5:14.5
38 42 DOLDER Mario SUI SWITZERLAND 0+2+2+2 6 +5:20.0
39 20 MILLAR Aidan CAN CANADA 2+0+1+2 5 +5:25.1
40 50 FEMLING Peppe SWE SWEDEN 2+1+0+1 4 +5:25.2
41 25 DOVZAN Miha SLO SLOVENIA 1+1+4+2 8 +5:37.6
42 56 BUTA George ROU ROMANIA 1+0+2+1 4 +5:40.2
43 31 CHENAL Thierry ITA ITALY 2+1+3+1 7 +5:49.2
44 45 EBERHARD Tobias AUT AUSTRIA 2+1+2+3 8 +5:53.4
45 48 LATYPOV Eduard RUS RUSSIA 1+0+3+2 6 +6:18.8
46 40 SINAPOV Anton BUL BULGARIA 3+1+2+3 9 +6:28.5
47 55 SHOPIN Yury RUS RUSSIA 1+1+2+2 6 +6:32.8
48 39 YEREMIN Roman KAZ KAZAKHSTAN 1+2+4+1 8 +6:49.7
49 53 VARABEI Maksim BLR BELARUS 2+1+1+4 8 +7:07.1
50 36 WIESTNER Serafin SUI SWITZERLAND 1+1+2+4 8 +7:13.2

Doppietta tedesca sulle nevi olimpiche di Salt Lake City (Utah): Denise Herrmann si conferma la più in forma del momento e conquista un meritatissimo successo in rimonta sulla compagna Franziska Hildebrand. Terza piazza per Kaisa Maekarainen davanti a Marte Olsbu Roeiseland ed Anastasia Kuzmina. Buon 6o posto di Lisa Vittozzi, in lizza per il podio fino all'ultimo poligono. Giornata nera per Dorothea Wierer, solamente 20ma con addirittura otto giri di penalità compiuti durante l'arco dei dieci chilometri.

Non smette di stupire l'ex fondista teutonica Denise Herrmann, che sulle nevi americane conferma l'ottimo stato fisico dimostrando ancora una volta la propria superiorità sugli sci stretti. Perfetta al tiro nella prima parte di gara, la Herrmann manca due bersagli nelle serie in piedi senza compromettere la sua prova, visti i numerosi giri di penalità in cui incorrono tutte le avversarie più accreditate. Non solo "fondo", dunque, nel successo odierno della trentenne nativa della Sassonia, ma anche una solidità al poligono che fa davvero paura in vista degli imminenti Mondiali di Oestersund, una delle sue piste preferite dove ha già colto in passato più di un trionfo. Alle sue spalle, come già accennato, Franziska Hildebrand, a lungo in fuga prima di essere raggiunta e superata a velocità doppia all'interno dell'ultimo chilometro. Lo squadrone tedesco sembra definitivamente aver ritrovato smalto ed è pronto a dare battaglia nei prossimi appuntamenti, che vedranno l'innesto della fuoriclasse Laura Dahlmeier per imporre la propria egemonia. Il terzo ed ultimo gradino del podio se lo aggiudica la veterana finlandese Kaisa Maekarainen, bravissima nel finale a scrollarsi di dosso il duo formato da Marte Olsbu, sposata Roeiseland, e Anastasia Kuzmina, entrambe meno precise rispetto alle ultime uscite con quattro errori a testa.

Cambia l'ordine delle azzurre in testa alla classifica generale: la sappadina Lisa Vittozzi sfrutta la giornata di litigio fra Dorothea Wierer e le sagome di Soldier Hollow scavalcando quest'ultima, in testa praticamente da inizio stagione, e limitando i danni rispetto alle citate Roeiseland-Kuzmina. 6o posto finale per la ventiquattrenne dei carabinieri, entrata al terzo posto all'ultimo poligono prima di incappare in due giri di penalità. La giornata nera dell'altoatesina, invece, si conclude con il 20mo posto ad oltre 2' dalla vincitrice. Wierer è autrice di una prova di carattere sugli sci stretti, grazie alla quale ha limitato i danni rispetto agli otto bersagli mancati. Due posti più avanti della portacolori dell Fiamme Gialle si piazza una buona Nicole Gontier, 18ma dopo aver rimontato ben ventuno posizioni. Miglior risultato stagionale per Alexia Runggaldier, 25ma nonostante la molta fatica dimostrata nella componente del fondo, che evidenzia ancora una volta un livello molto lontano da quello medio della competizione.

CLASSIFICA INSEGUIMENTO FEMMINILE SOLDIER HOLLOW

1 7 HERRMANN Denise GER GERMANY 0+0+1+1 2 28:03.4
2 3 HILDEBRAND Franziska GER GERMANY 0+0+0+1 1 +4.2
3 2 MAKARAINEN Kaisa FIN FINLAND 2+0+1+0 3 +16.5
4 1 ROEISELAND Marte Olsbu NOR NORWAY 1+2+1+0 4 +27.0
5 5 KUZMINA Anastasiya SVK SLOVAKIA 0+2+2+0 4 +27.0
6 12 VITTOZZI Lisa ITA ITALY 0+0+0+2 2 +55.6
7 4 HOJNISZ Monika POL POLAND 0+0+2+1 3 +59.9
8 6 ZUK Kamila POL POLAND 1+1+0+0 2 +1:16.0
9 19 VITKOVA Veronika CZE CZECH REPUBLIC 0+0+0+0 0 +1:19.5
10 11 AYMONIER Celia FRA FRANCE 0+1+2+0 3 +1:27.9
11 20 KAISHEVA Uliana RUS RUSSIA 0+0+0+0 0 +1:28.8
12 32 DAVIDOVA Marketa CZE CZECH REPUBLIC 0+0+0+0 0 +1:29.4
13 27 HAUSER Lisa Theresa AUT AUSTRIA 0+1+0+0 1 +1:38.0
14 15 TOMINGAS Tuuli EST ESTONIA 0+0+2+1 3 +1:51.4
15 14 VASILEVA Margarita RUS RUSSIA 1+1+0+0 2 +1:54.8
16 9 HOEGBERG Elisabeth SWE SWEDEN 1+0+1+1 3 +1:58.0
17 17 BRAISAZ Justine FRA FRANCE 0+1+1+1 3 +2:09.3
18 39 GONTIER Nicole ITA ITALY 1+1+0+0 2 +2:14.8
19 35 TANDREVOLD Ingrid Landmark NOR NORWAY 0+0+2+0 2 +2:22.1
20 8 WIERER Dorothea ITA ITALY 3+1+1+3 8 +2:22.2
21 16 GASPARIN Elisa SUI SWITZERLAND 1+0+0+1 2 +2:24.3
22 23 PUSKARCIKOVA Eva CZE CZECH REPUBLIC 0+1+0+1 2 +2:27.9
23 13 SIMON Julia FRA FRANCE 2+2+0+2 6 +2:31.2
24 40 BESCOND Anais FRA FRANCE 1+1+1+0 3 +2:32.2
25 36 RUNGGALDIER Alexia ITA ITALY 1+0+0+0 1 +2:32.9

 

VAL CASIES TERRA DEL SOLE E DELLA NEVE

KOWALCZYK E KARDIN INARRESTABILI ALLA GRAN FONDO

 

Gran Fondo Val Casies oggi e domani in Alto Adige

La stella Ski Classics Oskar Kardin tiene a bada gli azzurri Brigadoi e Ferrari

La leggenda Kowalczyk nettamente davanti a Franziska Mueller

Non è finita qui: domani 30 e 42 km in tecnica libera

 

 

Oggi andava in scena una 36.a edizione della Gran Fondo Val Casies tra le più interessanti di sempre, visti i nomi di prestigio e la curiosità per la nuova “invenzione” del comitato organizzatore altoatesino, a tenere tutti in fibrillazione. La Val Casies è la terra del sole e della neve e l’ha dimostrato ancora una volta, i fondisti hanno così trovato in Alto Adige uno scenario magnifico nel quale competere, con tutti soddisfatti del nuovo start verso Santa Maddalena, e la splendida giornata ad illuminare il manto innevato. Nessuna sorpresa per quanto riguarda i risultati, Oskar Kardin è uno dei migliori atleti del challenge Visma Ski Classics e l’ha fatto vedere nel percorso di 42 km in classico della Gran Fondo: “Ci stiamo allenando in altitudine prima della Vasaloppet, ho visto questa bella gara e ho deciso di competervi. Riferirò anche ai miei compagni di squadra perché merita veramente”, dando qualche metro agli azzurri del Team Trentino Robinson Mauro Brigadoi e Francesco Ferrari. Il team azzurro ha tuttavia rubato la scena con la regina polacca dello sci di fondo Justyna Kowalczyk, autrice letteralmente di un’altra gara, ad imporsi - per usare un eufemismo - sulla tedesca Franziska Mueller. Nella 30 km ancora festeggiamenti per il Team Trentino Robinson con Lorenzo Busin più veloce di Simone Varesco e Lorenzo Cerutti, e Chiara Caminada ad avere la meglio su Petra Tanner (AUT) e Federica Simeoni. Pronti, via, lo start in località San Martino è in salita, contrariamente alla discesa delle passate edizioni, una novità che è piaciuta a tutti: “Molto meglio così, il gruppo si sgrana subito e si evitano rischi inutili”, diranno i partecipanti in coro. Dopo lo start gli undici binari per griglia sono diventati 9, a seguire 7 e 5, in direzione Santa Maddalena per 1.8 km sino al giro di boa ai piedi della salita, tornando a tre binari fino alla partenza del percorso della 42 km e proseguendo – sempre sul tracciato inedito – fino ai grandi prati nei pressi della vecchia partenza al km 5.7 circa, innestandosi verso il percorso tradizionale in direzione Colle dopo una divertente discesa. Nel ritorno dopo il giro di boa i fondisti si sono leccati i baffi con tre nuove salite, la prima con pendenza del 10%, la seconda al 12% e la terza al 7%. Sin dalle prime fasi si capisce come andrà a finire nella prova femminile, Justyna Kowalczyk guadagna infatti una decina di metri appena dopo la partenza, e arriverà in scioltezza sul traguardo nemmeno affaticata. Una prima volta per lei in Val Casies: “Difficile partire dopo i maschi e trovarseli davanti poco dopo, ho pensato solo a divertirmi e a non guardare dove fossero le altre ragazze (non le crediamo…). È la prima volta per me qui, quest’area è molto suggestiva”, dirà la campionessa sul traguardo, la quale ha avuto tutto il tempo di andarsi a cambiare aspettando l’arrivo della seconda classificata Franziska Mueller: “Impossibile star dietro a Justyna, lei è una leggenda dello sci di fondo”, e Asia Patini, sul gradino più basso del podio. Qualche cambio di posizione c’è stato invece al maschile, soprattutto con Mauro Brigadoi a tentare di mettere i bastoni tra le ruote allo svedese, con il trentino a trovarsi davanti a Kardin al traguardo Alperia di Tesido, e anche Busin – poi vincitore della 30 km, in seconda posizione, prima di pagare pegno da Kardin allo sprint Südtirol. Una strategia impeccabile quella di Bruno Debertolis, coach del Team Trentino Robinson, schierando le frecce al proprio arco in gare differenti anzichè tutte nella stessa, così da portarsi a casa un maggior numero di successi: “Più di così non potevamo chiedere, nonostante fossimo solo io e Loris Frasnelli a gestire la squadra. Tutti ci hanno fatto i complimenti per gli sci incredibili. La strategia nostra, pur sacrificando qualche atleta che voleva cimentarsi con la 42 km, ha pagato”. Nella 30 km l’ottimo Busin si prende dunque lo scettro di migliore, con Varesco a mollare le redini sul finale: “Pista fantastica, a metà gara si è spezzato il gruppo e ho provato a tirare gli ultimi 10 km, portando la vittoria a casa”, dirà Busin. A completare il quadro l’azzurra Visma Ski Classics Chiara Caminada: “è andata bene, pista perfetta e sci veloci, nonostante il mal di schiena, più di così non potevo sperare”.

La Gran Fondo Val Casies, prova del circuito Euroloppet, non si ferma qui e domani si gareggerà in tecnica libera, a partire dalle ore 9 con gli élite maschi che precederanno donne e concorrenti Just for Fun, e con Rai Sport a trasmettere le immagini dalle 7.47 alle 9.45 e dalle 13.45 alle 14.10.

La prima delle due giornate dedicate allo sci di fondo in Val Casies meglio di così non poteva andare, per la gioia del presidente Walter Felderer, di volontari e addetti ai lavori.  

 

42 km CT maschile

1. Kardin Oskar Team Ragde Eiendom 1:51.05,7; 2. Brigadoi Mauro Team Trentino Robins. 1:51.41,7; 3. Ferrari Francesco Team Trentino Robins. 1:53.04,6; 4. Amhof Manuel Team Futura 1:53.43,0; 5. Eriksson Robert Björkfors GoIF 1:56.46,5; 6. Mich Stefano Team Futura 1:57.59,3; 7. Conti Tiziano US Cornacci Tesero 1:58.01,2; 8. Solli Tarjei Forsøk IL, Norway 2:05.57,1; 9. Defrancesco Mathias U.S.D.Cermis 2:06.27,5; 10. Giovanelli Luca Us Stella Alpina Car. 2:06.45,3

 

42 km CT femminile

1. Kowalczyk Justyna Team Trentino Robins. 2:04.09,4; 2. Müller Franziska SC Immenstadt /Team . 2:21.56,5; 3. Patini Asia Società Sportiva Fo. 2:41.26,5; 4. Maccagnan Anna G.S. Castionese 2:49.36,8; 5. Evangelist Julia A-Grundlsee 3:03.00,5; 6. Uber Carlotta G.S. Brentonico 3:05.20,3; 7. Perenzoni Elisa SottoZero Nordic Team 3:14.59,4; 8. Ladini Chiara Vasabroke Poiana 3:21.08,2; 9. Messner Maria USV Thalgau 3:31.36,9; 10. Piazzi Annamaria Ski Team Fassa 3:33.38,0

 

30 km CT maschile

1. Busin Lorenzo Team Trentino Robins. 1:17.42,4; 2. Varesco Simone Team Trentino Robins. 1:17.53,1; 3. Cerutti Lorenzo Team Rossignol 1:20.20,0; 4. Kargruber Reinhard Team Futura 1:20.20,2; 5. Mich Riccardo Team Futura 1:20.33,2; 6. Duci Patrick Skimarathon Team Aus. 1:22.05,1; 7. Peshkov Iurii PeshSkiRow 1:23.14,5; 8. Schwingshackl Matthias Team Futura 1:23.16,2; 9. Siegel Jonas WSV Schönsee 1:23.37,8; 10. Lorenzi Christian Sci club valle Pesio 1:24.01,5

 

30 km CT femminile

1. Caminada Chiara Team Trentino Robins. 1:36.50,3; 2. Tanner Petra Skimarathon Team Aus. 1:39.48,7; 3. Simeoni Federica Sport Auer Obertill. 1:41.40,8; 4. Felderer Barbara A.S.V. 5V Loipe 1:43.59,9; 5. Huber Silvia ASV 5V Loipe Volksbank 1:46.05,4; 6. Moroder Judith ASC Gröden 1:46.34,9; 7. Mayer Melina Xc-ski.de AIN Skimar. 1:47.05,2; 8. Otto Grit Sportcollection  1:55.54,4; 9. Stoll Brigitte RG 5V Loipe 1:55.58,6; 10. Merilo Helen Karupesa Team 1:57.58,0

Presentata la «Bondone Nordic Ski Marathon»
Il 23 e 24 febbraio grandi firme alle Viote

Mai come in questa edizione la «Bondone Nordic Ski Marathon» potrà contare su un'arena spettacolare. La quinta edizione della gara organizzata dall'Asd Charly Gaul Internazionale con il supporto dell'APT Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi, di Asis e della Scuola Sci Fondo Viote, presentata questa mattina nella sede dell'azienda di promozione turistica cittadina, potrà infatti contare su piste tirate a lucido, grazie alle abbondanti nevicate di fine gennaio, e porterà i concorrenti ad attraversare un paesaggio molto suggestivo.
La due giorni dedicata agli sci stretti è ormai un appuntamento fisso nel calendario nazionale, dato che la doppia gara in tecnica classica in programma sabato 23 e la doppia gara in tecnica libera in programma domenica 24 febbraio assegneranno anche questa volta punti per la classifica di Coppa Italia Rossignol Master e Cittadini. Quelle del sabato pure per il Campionato italiano Master e Cittadini.
L'orario di partenza è fissato per le 10 in entrambe le giornate, le competizioni utilizzeranno un anello lungo 15 km, chi affronterà quella distanza lo percorrerà una volta, chi si cimenterà su quella doppia due volte, ma vi sarà anche chi deciderà di figurare in entrambe le classifiche. La partenza sarà al solito allestita sulla piana adiacente alla Capanna Viote, poi i concorrenti si muoveranno in direzione della pista rossa «Val del Merlo», che verrà coperta per intero, fino a quando si immetteranno sulla pista blu «Gervasi», con passaggio in zona Focolari, per poi riportarsi nella zona della partenza, dove compiranno il giro di boa sulla pista nera «Cercenari», che seguiranno per soli tre chilometri, riportandosi poi sulla linea del traguardo. Ad impreziosire il roster dei partenti ci sarà il Team Trentino Robinson Trainer quasi al completo, nonché atleti di spicco del Team Futura, ma per le iscrizioni ci sono ancora dieci giorni tempo, quindi la lista definitiva è destinata ad allungarsi.

«Il Monte Bondone e le opportunità che offre agli ospiti per praticare tante diverse attività sportive sono uno dei perni della nostra offerta turistica – ha affermato questa mattina il presidente dell'APT Trento Monte Bondone, Valle dei Laghi Franco Bertagnolli – ci auguriamo che questo evento organizzato con grande cura possa far conoscere sempre più il bellissimo centro per il fondo delle Viote».
«Possiamo garantire ai concorrenti che le piste si presenteranno in condizioni perfette – ha affermato la direttriceElda Verones – grazie alla recente nevicata, ma anche al lavoro di chi gestisce l'area. Poiché nelle passate edizioni i percorsi erano stati molto apprezzati dagli atleti li abbiamo solo ritoccati, senza apportare significativi cambiamenti, i concorrenti si divertiranno molto lungo i 15 chilometri sui quali correranno il 23 e 24 febbraio. Anche questa volta ci attendiamo di vedere al via tanti big della specialità».
Tiziano Uez, assessore comunale di Trento, ha spostato il mirino su un alto aspetto: «In questi giorni si sta parlando molto del possibile collegamento fra la città e il Monte Bondone attraverso una nuova funivia, eventi come questo ci aiutano a valorizzare la montagna e quindi a fare valere le ragioni a favore di questo nuovo impianto».
Antonio Divan, presidente di Asis, ha accolto con favore le ottime parole spese nella circostanza per il Centro del Fondo delle Viote, ma ha anche aggiunto: «A questo punto sarà nostra responsabilità fare in modo che le piste si presentino in condizioni davvero perfette fra dieci giorni, ma sono sicuro che il nostro personale lavorerà al meglio».
Nicola Fruner, direttore della Scuola Italiana Fondo Viote, ha descritto nel dettaglio il tracciato, spiegando che ne è stato ridotto il dislivello in modo da renderlo più divertente anche per gli amatori, mentre l'ex atleta Luca Orlandi, ora allenatore del G.S. Marzola, si è augurato di poter contribuire a far crescere nuovi talenti da lanciare in gare come questa.
Infine Marco Zoller, consigliere del Comitato Trentino della Fisi, non ha avuto timore di sbilanciarsi: «Questa è una gara che merita di entrare nei circuiti più importanti, secondo me non le manca nulla per diventare addirittura tappa della Coppa del Mondo».

Va ricordato che l'APT Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi ha confezionato due pacchetti vacanza, uno studiato per chi partecipa ad una sola competizione ed un secondo per chi sarà in gara nell'intero weekend. Il costo del primo parte da 99 euro, quello del secondo da 159 euro. Chi vuole iscriversi alla competizione deve utilizzare la procedura messa disposizione del sito www.endu.net. Ha tempo fino alle ore 12 di giovedì 21 febbraio. Oltre al pettorale riceverà un pacco gara con prodotti tipici e gadget tecnico, avrà diritto all'assistenza medico-sanitaria, ai ristori, ad un parcheggio riservato in località Viote e al voucher per il pranzo.

Lo sci di fonodo internazionale fa ritorno nel "Bel Paese" a distanza di oltre un mese dopo il gran finale del Tour de Ski disputato sulle nevi trentine della Val di Fiemme. Sarà la località aostana di Cogne, il prossimo 16 e 17 febbraio, ad ospitare la Coppa del Mondo. Il programma prevede sabato la sprint in tecnica libera con i beniamini di casa Federico Pellegrino e Greta Laurent attesi protagonisti, mentre la domenica scenderanno in pista gli uomini distance con le gare ad intervalli in tecnica classica. Rimanendo in tema sci nordico, il salto con gli sci farà tappa a Willingen con le qualificazioni previste già nella giornata di venerdi'; la combinata nordica, invece, lascerà esclusivamente spazio ai circuiti minori di Alpen Cup (Kranj, Slovenia) e Continental Cup (Rena, Norvegia). Passando al biathlon, i campioni con la carabina saranno nuovamente impegnati oltre oceano: nello Utah, Dorothea Wierer, Lisa Vittozzi e compagni gareggeranno nell'ordine nella sprint, nell'inseguimento e nelle staffette miste (singola e doppia).

SCI DI FONDO
Lun. 11/02 - Eyof - 7,5 km TC femminile e 10 km TC maschile Sarajevo (Bih)
Mar. 12/02 - Eyof - 5 km TL femminile e 7,5 km TL maschile Sarajevo (Bih)
Gio. 14/02 - Eyof - Sprint TC maschile e femminile Sarajevo (Bih)
Ven. 15/02 - Eyof - Staffetta mista Sarajvo (Bih)
Sab. 16/02 - Cdm - Sprint TL maschile e femminile Cogne (Ita) - ore 12.30, diretta tv Raisport ed Eurosport
Dom. 17/02 - Cdm - 10 km TC femminile e 15 km TC maschile Cogne (Ita) - ore 09.45 e 12.45, diretta tv Raisport ed Eurosport

SALTO CON GLI SCI
Ven. 15/02 - Cdm - Qualificazioni HS145 mashcile Willingen (Ger) - ore 18.00, diretta tv Eurosport
Ven. 15/02 - CoC - HS140 maschile Oberstdorf (Ger)
Ven. 15/02 - Alpen Cup - HS109 maschile Kranj (Slo)
Sab. 16/02 - CoC - HS140 mashcile Oberstdorf (Ger) 
Sab. 16/02 - Alpen Cup - HS109 maschile Kranj (Slo)
Sab. 16/02 - Cdm - HS145 mashcile Willingen (Ger) - ore 16.00, diretta tv Eurosport
Sab. 16/02 - Cdm - HS137 femminile Oberstdorf (Ger) - ore 13.00

COMBINATA NORDICA
Sab. 16/02 - Alpen Cup - Gundersen HS109/10 km Kranj (Slo)
Sab. 16/02 - CoC - Gundersen HS111/5 km femminile e 10 km maschile Rena (Nor)
Dom. 17/02 - CoC - Gundersen HS111/5 km femminile e 10 km maschile Rena (Nor)
Dom. 17/02 - Alpen Cup - Gundersen HS109/5 km Kranj (Slo)

BIATHLON
Mar. 12/02 - Eyof - Sprint maschile e femminile Sarajevo (Bih)
Mer. 13/02 - Eyof - Pursuit maschile e femminile Sarajevo (Bih)
Gio. 14/02 - Cdm - Sprint femminile Soldier Hollow (Usa) - ore 19.15, diretta tv Eurosport e streaming www.biathlonworld.com
Ven. 15/02 - Cdm - Sprint maschile Soldier Hollow (Usa) - ore 19.15, diretta tv Eurosport e streaming www.biathlonworld.com
Ven. 15/02 - Eyof - Staffetta mista Sarajevo (Bih)
Sab. 16/02 - Cdm - Pursuit maschile e femminile Soldier Hollow (Usa) - ore 18.05 e 22.05, diretta tv Eurosport
Sab. 176/02 - Coppa Italia sr/U22/U19/U17- Mass start maschile e femminile Isolaccia (So)
Dom. 17/02 - Cdm - Staffetta singola e staffetta mista Soldier Hollow (Usa) - ore 18.10 e 22.05, diretta tv Eurosport
Dom. 17/02 - Coppa Italia - Staffetta maschile e femminile Isolaccia (So)

Il direttore tecnico Marco Selle ha ufficializzato la composizione della squadra che prenderà parte alla tappa di Coppa del mondo di Cogne (Ao). Nella sprint in tecnica libera di sabato 16 febbraio saranno al via Federico Pellegrino, Francesco De Fabiani, Mirco Bertolina, Stefan Zelger e Claudio Muller fra gli uomini ed Elisa Brocard, Greta Laurent, Ilaria Debertolis e Lucia Scardoni fra le donne. Domenica 17 febbraio toccherà invece ad una 15 km TC maschile con Francesco De Fabiani, Maicol Rastelli, Dietmar Noeckler, Giandomenico Salvadori, Stefano Gardener e Stefan Zelger, mentre le donne si cimenteranno in una 10 km con Caterina Ganz, Anna Comarella, Sara Pellegrini, Elisa Brocard, Ilaria Debertolis e Lucia Scardoni.

Altri atleti saranno presenti grazie al contingente nazionale e soprattutto nella sprint, un buon risultato potrebbe aprire loro la possibilità di partecipare ai Mondiali di Seefeld che cominceranno pochi giorni dopo. Lo staff tecnico ha dato spazio soprattutto agli atleti più meritevoli delle squadre under 23 e juniores, che avranno la possibilità di fare un'esperienza importante. Ecco i loro nomi: per la sprint presenti Enrico Nizzi, Michael Hellweger, Giacomo Gabrielli, Florian Cappello, Francois Vierin, Michael Abram, Daniele Serra, Mattia Armellini, Davide Graz, Stefano Dellagiacoma, Alice Canclini, Francesca Franchi, Chiara De Zolt, Francesca Baudin, mentre le gare distance vedranno Francesca Franchi, Cristina Pittin, Paolo Ventura, Martin Coradazzi, Paolo Fanton, Michael Abram, Gilberto Panisi, Daniele Serra, Lorenzo Romano e Luca Del Fabbro.

Fonte: www.fisi.org

Il circuito Visma Ski Classic ha ripreso la propria marcia dopo l'annullamento della Dobbiaco - Cortina di domenica scorsa. Protagonista di questa tappa è stata la Republica Ceca con la nota Jizerska 50 ad ospitare i grandi interpreti del double poling. Non tutti però: numerose le defezioni per malanni di stagione. Le più importanti hanno visto i favoriti Petter Eliassen e Astrid Øyre Slind essere costretti a rinunciare alla competizione. Non sono tuttavia mancate le sorprese. Lina Korsgren del Team Ramudden ha raccolto la seconda vittoria in carriera dopo quella strepitosa alla Vasaloppet dello scorso anno; Andreas Nygaard, che rientrava alle corse dopo l'influenza, coglie un insperato successo; il finlandese Ari Luusua è il primo sciatore del suo paese a terminare sul podio una gara del circuito.

CLASSIFICA FEMMINILE

CLASSIFICA MASCHILE

Giornata conclusiva del trittico di Alpen Cup sulle nevi di Planica (Slovenia) dove nella mattinata sono andate in scena le Mass Start in tecnica libera sia delle categorie junior sia di quelle senior. Non sono mancati i risultati di rilievo per i nostri colori: su tutti spicca la bella vittoria di Ilaria Debertolis, capace di precedere in una volata a ranghi compatti la francese Chamiot Maitral, Elisa Brocard e Sara Pellegrini. Una gran prova di squadra per tre atlete che cercano di trovare la miglior condizione possibile dopo un buio periodo, che, per motivi di salute, le ha tenute lontane dai vertici. 

La prova maschile ha visto il successo dell'austriaco Max Hauke davanti al polacco Dominik Bury ed al compagno Bernhard Tritscher al termine di una entusiasmante progressione finale. Miglior azzurro Simone Daprà, 11mo assoluto ed autore dell'essima prestazione positiva in stagione. Il trentino, dopo aver corso un buon mondiale U23, si candida seriamente per un posto in Coppa del Mondo nella tappa di Cogne, località dove l'Italia può sfruttare il contingente nazionale in qualità di paese organizzatore. Top 20 anche per Martin Coradazzi e Paolo Ventura, rispettivamente 15mo e 16mo.

10 km TL Junior Femminile

15 km TL Senior Femminile

15 km TL Junior Maschile

30 km TL Senior Maschile

Pagina 1 di 29
Top