Redazione

Redazione

Suspendisse at libero porttitor nisi aliquet vulputate vitae at velit. Aliquam eget arcu magna, vel congue dui. Nunc auctor mauris tempor leo aliquam vel porta ante sodales. Nulla facilisi. In accumsan mattis odio vel luctus.

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il salto stravolge i pronostici e promuove l’inatteso Kjelbotn (NOR)

Nel fondo Gruber (AUT) allunga nel finale e conquista l’Individuale Gundersen di oggi

Bravo Bauer 8°, Pittin recupera nel fondo ma è solo 16°

Domani in Trentino si replica con la Team Sprint

 

Pronostici volati via sulle ali del vento, quello che stamattina dopo una fitta nevicata ha costretto gli organizzatori della prima giornata di Coppa del Mondo di Combinata Nordica in Val di Fiemme (TN) ad annullare la prova di salto, e utilizzare i punteggi del Provisional Competition Round di qualifica per stilare i distacchi dell’Individual Gundersen di oggi. Alla fine, dopo il salto a Predazzo e il fondo a Lago di Tesero, l’austriaco Bernhard Gruber ha fatto valere la propria esperienza portandosi a casa la prima delle tre tappe trentine di Coppa del Mondo davanti ai due norvegesi Jan Schmid e Jörgen Graabak.

Ma andiamo con ordine. Atleti sotto la neve al mattino in occasione del salto, e così il “provisional round”, quello che doveva essere il salto di prova, è diventato il salto di gara. Infatti, quando mancavano ancora 12 atleti al termine della sessione di salto, il direttore di gara Fabio Morandini ha dovuto annullare il salto di gara a causa delle bizze del vento che soffiava in tutte le direzioni e impediva agli atleti di librarsi dal trampolino.

E così il norvegese Thomas Kjelbotn, a punti solo nella tappa di Coppa del Mondo di Lillehammer, si è ritrovato inaspettatamente primo. Dietro di lui il connazionale Andersen, quindi l’austriaco Bieler, uno che di esperienza, per non dire di anni, ne ha da vendere. Eric Frenzel, quello che potrebbe già girare con la “Coppa” in tasca, ha… volato basso nella giornata in cui davvero, assente il suo maggior antagonista Watabe, poteva fare il gran balzo. È finito solo 19°. Meglio di lui ha fatto Armin Bauer (13°), mentre gli altri azzurri sono finiti lontani dai primi. Mattia Runggaldier 36°, Alessandro Pittin 42° e ancora più lontani Maierhofer (45°), Costa (46°) nonostante la febbre, e 48° Lukas Runggaldier.

Dopo l’annullamento del salto di gara, tutti a Lago di Tesero. Nel frattempo la neve si è calmata e la gara di Lago è partita nelle condizioni ottimali: 10 km ad inseguimento con le partenze degli atleti separate dai distacchi calcolati dopo la sessione di salto. Kjelbotn è partito con un margine che poteva consentirgli la gara della vita, 26’’ sul connazionale Andersen, 47’’ su Gruber e ancora 54’’ su Schmid e 1’40’’ sul leader di Coppa Frenzel. Dopo 7 km, però, il norvegese aveva il fiato degli inseguitori sul collo e, all’inizio del quarto e ultimo giro dell’anello di Lago, ha iniziato a rallentare mentre Schmid, Gruber e gli altri austriaci Schneider, Denifl, Druml e Seidl erano con il piede a tutta sull’acceleratore. Frenzel, intanto, non stava a guardare: partito a 1’40” dal primo, il leader di Coppa del Mondo ha sciato con convinzione e assieme al norvegese Moan era deciso a risalire la china, mentre sulle code dei due big si incollava anche il norvegese Graabak. Sempre nelle retrovie, si distingueva anche il nostro Alessandro Pittin che giro dopo giro si mangiava uno dopo l’altro i suoi rivali diretti, pur essendo partito con un gap di 2’30’’ da Kjelbotn.

L’ultimo giro è stato quello decisivo: Bernhard Gruber dopo aver risposto ad un attacco di Schmid, allungava deciso nella salita finale riuscendo così a tagliare il traguardo per primo, con una manciata di secondi (7”8) su Schmid, ma chi sorprendeva maggiormente era proprio Graabak che agguantava la terza posizione allungando addirittura su Frenzel, 6° alle spalle di Schneider e Kokslien nella volata per il terzo posto.

Grabaak faceva segnare la seconda miglior prestazione nel fondo (era partito a 1’52”), ma la bella sorpresa era quella di Armin Bauer, alla fine ottavo e miglior azzurro. Forte della terza miglior prestazione del fondo, Pittin risaliva fino al 16° posto che, se da un lato era positivo per il recupero, non lasciava soddisfatto il friulano per il risultato finale. Bernhard Gruber, al traguardo, era felice per il suo primo successo stagionale colto proprio nell’ultimo week end di Coppa del Mondo prima dei Campionati del Mondo di Falun. “Questa pista della Val di Fiemme mi piace molto. Nell’ultima salita mi sono ricordato delle medaglie ai mondiali 2013 (2 argenti - ndr) e ho attaccato deciso. Non era stato facile tenere il ritmo di Schmid, ma oggi le mie gambe giravano bene. Il salto di stamattina non è stato facile, ma lo staff ha lavorato bene con gli aspiratori e i binari erano in perfette condizioni. Mi piace molto anche il trampolino di Predazzo e senza dubbio quella di oggi è stata una gara regolare”. Tutti oltre la zona punti gli altri azzurri, con Mattia Runggaldier 33°, Lukas Runggaldier 38° e Manuel Maierhofer 40°.Dopo la tappa di oggi Frenzel si conferma al comando nella classifica di Coppa del Mondo con 861 punti davanti all’assente Watabe (JAP) a 541, ora tallonato da Gruber a quota 540.

Domani è in programma la Team Sprint (2x 7,5 km) che vedrà gli atleti impegnati alle 9.00 a Predazzo nel salto di prova, mentre alle 10.00 sarà di scena la sessione di salto a squadre dal trampolino HS 134 seguita alle 13.00 dalla staffetta sugli sci stretti, che vedrà i due frazionisti impegnati per 5 giri ciascuno nell’anello di 1,5 km dello stadio del fondo di Lago di Tesero. Questa sera alle 20.00 a Predazzo ci sarà spazio per la musica e la cucina tradizionale della Winterfest, mentre domani mattina a partire dalle 9.00 gli spettatori dello stadio del salto potranno gustarsi la colazione gratuita Jump in the Breakfast.

La regia della tre giorni di Coppa del Mondo in Val di Fiemme è, come sempre, nelle sapienti mani del comitato Nordic Ski Fiemme presieduto da Bruno Felicetti.

La Team Sprint di domani sarà trasmessa live da Rai Sport 2, con dirette e differite previste anche per le prove di domani, mentre Sky Sport manderà in onda gli highlights durante tutto il week end. Le immagini delle tappe fiemmesi di Coppa del Mondo verranno diffuse anche in Europa e nel resto del mondo con dirette, differite e highlights in Austria, Germania, Svizzera, Finlandia, Norvegia, Russia, Stati Uniti, Giappone e sui broadcaster internazionali Eurosport e Eurosport Asia.

Info: www.fiemmeworldcup.com

 

download immagini TV:

http://www.broadcaster.it/events/fis-world-cup-nordic-combined

 

Gundersen LH HS134/10.0 K

 

1 GRUBER Bernhard AUT 29:13.9; 2 SCHMID Jan NOR +7.8; 3 GRAABAK Joergen NOR +10.2; 4 SCHNEIDER Sepp AUT +10.6; 5 KOKSLIEN Mikko NOR +11.0; 6 FRENZEL Eric GER +11.2; 7 MOAN Magnus H.NOR +15.5; 8 BAUER Armin ITA +17.6; 9 SEIDL Mario AUT +20.1; 10 DENIFL Wilhelm AUT +26.3

16 PITTIN Alessandro ITA +57.3; 33 RUNGGALDIER Mattia ITA +2:54.0; 38 RUNGGALDIER Lukas ITA +3:44.5; 40 MAIERHOFER Manuel ITA +4:46.4

Coppa del Mondo Team Sprint oggi a Predazzo e a Lago di Tesero (TN)

Nel salto svettano gli austriaci e i tedeschi, i norvegesi ottimi nel fondo

Bauer e Pittin recuperano un minuto, poi cedono e finiscono ottavi

Domani nuova gara individuale con la 10 km Gundersen

 

Norvegia, Germania e Austria, come prevedibile anche se qualcuno, all’Italia, un pensierino lo faceva.

È successo oggi alla prova Team Sprint di Combinata Nordica, seconda giornata di Coppa del Mondo in Val di Fiemme (TN). Giornata da incorniciare  quella di oggi a Predazzo e Lago di Tesero, con la prova finale, quella di fondo, combattuta e vivacissima.

Mattinata fredda (-10°), con il pubblico infoltito da alcune classi di studenti festosi e sollecitati anche dalla simpatica iniziativa del marketing di Nordic Ski Fiemme “Jump in the Breakfast”, ovvero brioches e cappuccino a go-go per tutti gli spettatori. Una sessione di salto per i due componenti i teams,  con l’Austria subito a dettar legge col vincitore di ieri Gruber. Schneider (AUT) invece nel suo salto si piazzava dietro Faisst e così l’Austria guadagnava un punto, ovvero due secondi sulla Germania, mentre i norvegesi erano costretti a rincorrere e finivano ad oltre 30” con Graabak e Schmid e a quasi 40” con Norvegia2 di Moan e Andersen. Ovvio che ci si aspettava una prova di orgoglio degli azzurri, ma Bauer e Pittin non riuscivano a fare meglio di un ottavo posto che li avrebbe condizionati nel fondo col distacco di 1’23”. Italia2 con i due Runggaldier finiva 13.a a 2’20”.

La gara di fondo, alle 13.00, era una sfilata nello stadio soleggiato di Lago di Tesero, dieci giri sull’anello di 1,5 km con cambio ad ogni tornata. Partiti uno a ridosso dell’altro, Gruber e Riessle per tre giri hanno guidato la gara da soli, poi da dietro Austria1, Austria2, Francia, Norvegia2 e Slovenia si sono accodati ed è iniziata una fase tattica e di studio. C’è stato qualche tentativo di allungo, sempre però ribattuto dagli avversari e solo nel finale si sono sfilati in tre, per andare a concludere allo sprint un podio ambito da molti. Graabak di Norvegia1 negli ultimi metri ha trovato il guizzo vincente, 9” che gli hanno permesso di girarsi e controllare il testa a testa tra Riessle (GER) e Gruber (AUT), finiti nell’ordine.

Bauer e Pittin hanno infervorito il pubblico. Partiti a 1’23” dai leaders, i due azzurri hanno dato l’anima arrivando addirittura a 16”7 vedendo il gruppo di testa poco lontano. Poi Bauer ha pagato lo sforzo ed in un sol giro il ritardo è piombato a 24” e da lì la resa. Un ottavo posto finale per i nostri a 59”5, con la consolazione del quarto tempo nel fondo. Decimi gli altri due azzurri Lukas e Mattia Runggaldier.

La Coppa del Mondo per nazioni riconferma al comando la Germania con 3541 punti, avvicinata ora dalla Norvegia (3474) e dall’Austria (2263).L’Italia si deve accontentare del settimo posto con 746 punti.

Domani ancora una gara individuale, i favoriti sono gli stessi che oggi hanno messo il sigillo al podio, Austria, Norvegia e Germania. Salto a Predazzo alle 10.00, 10 km Gundersen alle 14.00 a Lago di Tesero, con la solita regia del comitato Nordic Ski Fiemme.

Ovvio che la speranza di un acuto di Pittin e Bauer è sempre nel cuore degli sportivi. Sandro Pertile, responsabile tecnico del settore Sci Nordico, non dispera: “Con i ragazzi stiamo lavorando molto, soprattutto sulla parte salto perché sappiamo che lì dobbiamo migliorare molto. Il salto è storicamente il nostro tallone d’Achille. Continuo a credere che questa squadra abbia delle potenzialità molto più elevate di quello che si è visto in questa stagione e ieri Bauer l’ha dimostrato. Il trampolino di Predazzo è difficile per noi e i ragazzi si sono difesi bene”.

Info: www.fiemmeworldcup.com

 

download immagini TV:

http://www.broadcaster.it/events/fis-world-cup-nordic-combined

 

Team Sprint HS 134/2x7.5 km

 

1 NORWAY I 0.0 (SCHMID Jan - GRAABAK Joergen); 2 GERMANY +0.9 (FAISST Manuel -RIESSLE Fabian); 3 AUSTRIA I +1.6 (SCHNEIDER Sepp - GRUBER Bernhard); 4 AUSTRIA II +6.4 (KLAPFER Lukas - ORTER Philipp); 5  FRANCE I +12.4 (LACROIX Sebastien - BRAUD Francois); 6 NORWAY II +17.4 (ANDERSEN Espen - MOAN Magnus H.); 7 SLOVENIA +25.6 (BERLOT Gasper - JELENKO Marjan); 8 ITALY I +59.5 (BAUER Armin - PITTIN Alessandro); 9 FRANCE II +2:22.3 (LAFARGE Geoffrey - LAHEURTE Maxime); 10 ITALY II +2:23.1 (RUNGGALDIER Lukas - RUNGGALDIER Mattia) 

La neve fresca caduta nella giornata di ieri sulle piste Trois Villages di Brusson ha reso faticosa la sciata degli atleti, che oggi si sono cimentati in una gara sprint.
Grande prestazione per l'atleta di casa Cedric Christille, che ha letteralmente dominato nella categoria Aspiranti, lasciandosi alle spalle a più di un minuto Daniele Fauner (CS Carabinieri) e Kevin Gontel (Granta Parey).
Tra le Aspiranti è Beatrice Trabucchi (Brusson) ad aggiudicarsi la vittoria sulle nevi di casa. Secondo posto per Martina Zappa (Granta Parey) e terzo posto per Sophia Messner di Anterselva.
È meno di un secondo il distacco fra i primi due atleti della categoria Giovani. Michael Durand (CS Esercito) sale per la prima volta in questa stagione sul gradino più alto del podio e si lascia alle spalle Egger Harald (ASD Anterselva) e Davide Mancin Majoni (US Val Padola).
Non sono i tre errori al poligono a fermare Michela Carrara (Cs Esercito), che con un ottima prestazione sugli sci vince fra le Giovani davanti alle due atlete delle Fiamme Gialle Irene Lardschneider e Samuela Comola.
Doppietta per il CS Esercito nella categoria Junior/Senior con Rudy Zini e Xavier Guidetti, che precedono il Carabiniere Christian Martinelli.
Tra le donne vince, nonostante cinque giri di penalità, la poliziotta Carmen Runggaldier. Seconda Ginevra Rocchia e terza Rachele Fanesi, entrambe di Entraque.
Nella mattinata di domani si svolgeranno le gare ad inseguimento. Questi gli orari di partenza: 
10.00 Aspiranti-Giovani Maschile
10.50 Aspiranti-Giovani Femminile
11.50 Senior/Junior Maschile e Femminile

Nordic Focus

Martin Fourcade inarrestabile nella mass start di Ruhpolding. Il francese mette la firma sulla vittoria per la quarantatreesima volta. In questa occasione si è riproposto il classico duello con Emil Hegle Svendsen che ha però buttato via l'occasione di contendere il successo con tre clamorosi errori all'ultimo poligono. La piazza d'onore è quindi stata conquistata dal regolare Ondrej Moravec, bravissimo al tiro che lo ha visto protagonista di uno shootout. Terzo posto per un pimpantissmo Tarjei Boe, tre giri di penalità, ma un passo sugli sci di assoluto valore. Non erano presenti italiani al via. Fourcade allunga così in classifica generale proprio su Svendsen e sembra sempre più avviato alla conquista dell'ennesima sfera di cristallo. La settimana prossima la Coppa del Mondo rimarrà a Ruhpolding per la tappa "ufficiale", questa infatti rappresentava la sostituzione di Oberhof rimasta a corto di neve in queste settimane.

Classifica di Coppa del Mondo

POS NAME NAT SCORE
1 FOURCADE Martin FRA 541
2 SVENDSEN Emil Hegle NOR 422
3 BOE Tarjei NOR 408
4 BJOERNDALEN Ole Einar NOR 366
5 FILLON MAILLET Quentin FRA 363

 

Classifica 15km mass start uomini

POS BIB   NAME NAT. SHOOTING T RESULT  
1 1 y FOURCADE Martin FRA 0+1+0+0 1 34:07.2 0.0
2 19   MORAVEC Ondrej CZE 0+0+0+0 0 34:20.9 +13.7
3 3   BOE Tarjei NOR 2+0+1+0 3 34:36.9 +29.7
4 17   PIDRUCHNYI Dmytro UKR 0+2+0+0 2 34:38.6 +31.4
5 14   PEIFFER Arnd GER 1+0+0+0 1 34:40.5 +33.3
6 21   FOURCADE Simon FRA 0+0+1+0 1 34:44.1 +36.9
7 7   GARANICHEV Evgeniy RUS 1+0+0+1 2 34:45.6 +38.4
8 5   FILLON MAILLET Quentin FRA 0+0+2+0 2 34:53.6 +46.4
9 27   RASTORGUJEVS Andrejs LAT 0+1+2+0 3 34:55.9 +48.7
10 8   BOE Johannes Thingnes NOR 0+1+0+1 2 34:56.1 +48.9
11 13   DOLL Benedikt GER 1+1+0+1 3 34:57.3 +50.1
12 4   BJOERNDALEN Ole Einar NOR 2+0+0+1 3 34:57.6 +50.4
13 2   SVENDSEN Emil Hegle NOR 1+0+0+3 4 35:19.5 +1:12.3
14 9   BIRNBACHER Andreas GER 1+1+1+0 3 35:20.6 +1:13.4
15 6   SHIPULIN Anton RUS 1+2+1+0 4 35:21.8 +1:14.6
16 23   BAILEY Lowell USA 0+0+1+2 3 35:22.4 +1:15.2
17 26   SLESINGR Michal CZE 1+0+1+0 2 35:23.1 +1:15.9
18 22   MALYSHKO Dmitry RUS 0+2+1+1 4 35:25.2 +1:18.0
19 20   TSVETKOV Maxim RUS 0+1+0+2 3 35:30.0 +1:22.8
20 12   DESTHIEUX Simon FRA 0+1+1+0 2 35:35.9 +1:28.7
21 10   EDER Simon AUT 1+3+0+0 4 35:39.3 +1:32.1
22 29   EBERHARD Julian AUT 3+1+1+0 5 35:46.6 +1:39.4
23 15   LANDERTINGER Dominik AUT 2+1+1+1 5 36:04.3 +1:57.1
24 25   GROSSEGGER Sven AUT 0+1+1+2 4 36:09.6 +2:02.4
25 11   SMITH Nathan CAN 1+2+3+0 6 36:30.6 +2:23.4
26 18 r BEATRIX Jean Guillaume FRA 0+0+2+4 6 36:31.1 +2:23.9
27 28   KRCMAR Michal CZE 0+3+1+0 4 36:50.4 +2:43.2
28 16   LINDSTROEM Fredrik SWE 1+0+2+2 5 37:08.2 +3:01.0
29 30   ANEV Krasimir BUL 2+0+2+1 5 37:09.4 +3:02.2
30 24   SLEPOV Alexey RUS 2+2+2+2 8 37:45.7 +3:38.5
 
Nordic Focus

Sesto successo in carriera per Laura Dahlmeier che si conferma dopo l'inseguimento di ieri fuori dalla portata delle avversarie. La giovane tedesca è semplicemente letale al poligono e dotata di un ultimo giro mostruoso. Nulla ha potuto una combattiva Marie Dorin Habert, un errore, e rimasta a tiro dell'avversaria fino all'uscita dall'ultimo poligono. La norvegese Tiril Eckhoff ha dimostrato una grande forma, terminando in terza posizione nonostante due errori. Beffa per la transalpina Anais Bescond che è stata battuta in volata.

Gara abbastanza anonima per le azzurre. Karin Oberhofer è rimasta in lizza per il podio fino a metà gara, ma tre errori in piedi l'hanno relegata al quindicesmo posto. Lontana Doro Wierer che sbaglia troppo e conclude venticinquesima. La settimana prossima si rimane a Ruhpolding per quella che è la tappa ufficiale dopo il recupero di Oberhof.

Classifica di Coppa del Mondo

POS NAME NAT SCORE
1 SOUKALOVA Gabriela CZE 503
2 DORIN HABERT Marie FRA 468
3 HILDEBRAND Franziska GER 423
4 DAHLMEIER Laura GER 405
5 MAKARAINEN Kaisa FIN 382
6 WIERER Dorothea ITA 368
7 VITKOVA Veronika CZE 339
8 PIDHRUSHNA Olena UKR 322
9 ECKHOFF Tiril NOR 319
10 DZHIMA Yuliia UKR 300
11 PODCHUFAROVA Olga RUS 269
12 HINZ Vanessa GER 259
13 PREUSS Franziska GER 256
14 HAUSER Lisa Theresa AUT 239
15 BESCOND Anais FRA 222
16 SKARDINO Nadezhda BLR 217
17 OBERHOFER Karin ITA 212

 

Classifica 12,5km mass start donne

POS BIB   NAME NAT. SHOOTING T RESULT  
1 6   DAHLMEIER Laura GER 0+0+0+0 0 33:17.7 0.0
2 2   DORIN HABERT Marie FRA 1+0+0+0 1 33:33.0 +15.3
3 9   ECKHOFF Tiril NOR 0+0+1+1 2 33:39.6 +21.9
4 17   BESCOND Anais FRA 0+0+0+0 0 33:39.6 +21.9
5 8   PIDHRUSHNA Olena UKR 0+0+0+0 0 33:48.2 +30.5
6 23   DUNKLEE Susan USA 0+0+1+0 1 33:49.1 +31.4
7 1 y SOUKALOVA Gabriela CZE 0+0+1+1 2 34:06.9 +49.2
8 19   GWIZDON Magdalena POL 0+0+0+0 0 34:08.4 +50.7
9 7   VITKOVA Veronika CZE 0+0+3+0 3 34:26.7 +1:09.0
10 30   TACHIZAKI Fuyuko JPN 0+0+0+0 0 34:30.1 +1:12.4
11 10   DZHIMA Yuliia UKR 0+0+0+1 1 34:30.1 +1:12.4
12 25   HOJNISZ Monika POL 0+0+2+0 2 34:32.9 +1:15.2
13 5 r MAKARAINEN Kaisa FIN 1+1+1+1 4 34:44.1 +1:26.4
14 26   FIALKOVA Paulina SVK 0+0+2+1 3 34:44.4 +1:26.7
15 16   OBERHOFER Karin ITA 0+0+2+1 3 34:45.1 +1:27.4
16 21   PUSKARCIKOVA Eva CZE 1+0+0+0 1 34:48.0 +1:30.3
17 3   HILDEBRAND Franziska GER 0+1+2+0 3 34:48.6 +1:30.9
18 11   PODCHUFAROVA Olga RUS 0+0+1+1 2 35:04.4 +1:46.7
19 12   HINZ Vanessa GER 0+1+1+2 4 35:10.3 +1:52.6
20 29   LAUKKANEN Mari FIN 1+0+0+1 2 35:12.7 +1:55.0
21 15   SKARDINO Nadezhda BLR 0+1+0+0 1 35:13.0 +1:55.3
22 20   GUZIK Krystyna POL 0+0+2+2 4 35:22.4 +2:04.7
23 13   HAUSER Lisa Theresa AUT 0+1+2+0 3 35:28.1 +2:10.4
24 22   GOESSNER Miriam GER 0+2+2+1 5 35:31.3 +2:13.6
25 4   WIERER Dorothea ITA 1+2+2+0 5 35:32.8 +2:15.1
26 18   ABRAMOVA Olga UKR 0+0+3+1 4 35:35.6 +2:17.9
27 24   CHARVATOVA Lucie CZE 2+1+1+1 5 35:46.8 +2:29.1
28 27   VIROLAYNEN Daria RUS 0+0+2+3 5 36:03.2 +2:45.5
29 28   GEREKOVA Jana SVK 1+1+0+1 3 36:32.3 +3:14.6
30 14   HAMMERSCHMIDT Maren GER 3+0+2+2 7 37:09.0 +3:51.3

Simpatico siparietto con i nostri biathleti impegnati nella preparazione dei cantuccini toscani per la TV dell'IBU molto divertente e.. utile per massaie e golosi.

Serge Schwan

L'Italia femminile del biathlon continua a macinare podi. Dopo la storica vittoria di Hochfilzen a dicembre, le azzurre si confermano ancora ai vertici con un ottimo terzo posto nonostante l'entrata di Alexia Runggaldier al posto dell' influenzata Federica Sanfilippo. Sulla carta più precisione ma meno consistenza nel fondo.

Davanti l'Ucraina si mantiene al vertice per tutta la gara nonostante il giro di penalità di Semerenko in terza frazione. La Germania in seconda frazione sembra tagliata fuori con il disastro a terra di Goessner, ma Hammerschmidt e Dahlmeier a chiudere vanno quasi a riprendere l'Ucraina. La gara delle azzurre è regolare: Vittozzi al lancio è affidabilissima e come in occasione dei Mondiali 2015 e della vittoria di dicembre mantiene l'Italia in quota, Oberhofer è solida in seconda frazione, Runggaldier concede sugli sci ma rimane a contatto col podio e Wierer regola la Russia nel finale. E' il settimo podio complessivo per l'Italia femminile. La settimana prossima si va ad Anterselva con tutta l'intenzione di confermarsi e si spera in una crescita anche da parte degli uomini.

Classifica 4x6km donne

POS BIB   NAME NAT. SHOOTING T RESULT  
1 3   UKRAINE UKR 1+3  0+1 1+4 1:16:14.2 0.0
  3-1   VARVYNETS Iryna   0+0  0+0      
  3-2   DZHIMA Yuliia   0+0  0+0      
  3-3   SEMERENKO Valj   1+3  0+1      
  3-4   PIDHRUSHNA Olena   0+0  0+0      
2 2   GERMANY GER 2+6  0+5 2+11 1:16:15.4 +1.2
  2-1   HORCHLER Karolin   0+1  0+1      
  2-2   GOESSNER Miriam   2+3  0+2      
  2-3   HAMMERSCHMIDT Maren   0+2  0+1      
  2-4   DAHLMEIER Laura   0+0  0+1      
3 1   ITALY ITA 0+2  0+8 0+10 1:16:58.0 +43.8
  1-1   VITTOZZI Lisa   0+1  0+2      
  1-2   OBERHOFER Karin   0+0  0+3      
  1-3   RUNGGALDIER Alexia   0+1  0+2      
  1-4   WIERER Dorothea   0+0  0+1      
4 9   RUSSIA RUS 0+0  2+7 2+7 1:16:59.1 +44.9
  9-1   SHUMILOVA Ekaterina   0+0  0+3      
  9-2   VIROLAYNEN Daria   0+0  2+3      
  9-3   YURLOVA Ekaterina   0+0  0+1      
  9-4   PODCHUFAROVA Olga   0+0  0+0      
5 8   NORWAY NOR 0+7  1+6 1+13 1:17:25.7 +1:11.5
  8-1   OLSBU Marte   0+1  0+0      
  8-2   BIRKELAND Fanny Horn   0+2  1+3      
  8-3   SOLEMDAL Synnoeve   0+1  0+0      
  8-4   ECKHOFF Tiril   0+3  0+3      
6 6   CZECH REPUBLIC CZE 0+2  3+9 3+11 1:18:01.9 +1:47.7
  6-1   PUSKARCIKOVA Eva   0+0  1+3      
  6-2   LANDOVA Jitka   0+2  0+1      
  6-3   CHARVATOVA Lucie   0+0  2+3      
  6-4   VITKOVA Veronika   0+0  0+2      
7 5   FRANCE FRA 2+10  0+3 2+13 1:18:05.0 +1:50.8
  5-1   BRAISAZ Justine   0+2  0+1      
  5-2   CHEVALIER Anais   1+3  0+1      
  5-3   BESCOND Anais   1+3  0+0      
  5-4   AYMONIER Celia   0+2  0+1      
8 4   POLAND POL 1+6  0+8 1+14 1:18:07.2 +1:53.0
  4-1   GWIZDON Magdalena   1+3  0+3      
  4-2   HOJNISZ Monika   0+1  0+2      
  4-3   NOWAKOWSKA Weronika   0+1  0+2      
  4-4   GUZIK Krystyna   0+1  0+1      
9 10   CANADA CAN 0+3  0+4 0+7 1:18:13.7 +1:59.5
  10-1   RANSOM Julia   0+0  0+3      
  10-2   CRAWFORD Rosanna   0+0  0+0      
  10-3   TANDY Megan   0+3  0+0      
  10-4   KOCHER Zina   0+0  0+1      
10 13   SLOVAKIA SVK 0+2  0+7 0+9 1:18:15.1 +2:00.9
  13-1   FIALKOVA Paulina   0+1  0+0      
  13-2   GEREKOVA Jana   0+1  0+2      
  13-3   POLIAKOVA Terezia   0+0  0+2      
  13-4   FIALKOVA Ivona   0+0  0+3      
11 11   SWEDEN SWE 0+5  0+1 0+6 1:18:27.8 +2:13.6
  11-1   PERSSON Linn   0+1  0+0      
  11-2   MAGNUSSON Anna   0+1  0+0      
  11-3   BRORSSON Mona   0+0  0+0      
  11-4   ANDERSSON Ingela   0+3  0+1      
12 14   KAZAKHSTAN KAZ 0+2  0+3 0+5 1:18:30.2 +2:16.0
  14-1   POLTORANINA Olga   0+0  0+1      
  14-2   VISHNEVSKAYA Galina   0+0  0+0      
  14-3   KISTANOVA Anna   0+1  0+2      
  14-4   RAIKOVA Alina   0+1  0+0      
13 7   BELARUS BLR 0+1  0+4 0+5 1:18:54.2 +2:40.0
  7-1   SKARDINO Nadezhda   0+1  0+0      
  7-2   KRYUKO Iryna   0+0  0+1      
  7-3   PISAREVA Nadzeya   0+0  0+1      
  7-4   YURKEVICH Darya   0+0  0+2      
14 12   SWITZERLAND SUI 2+8  0+5 2+13 1:20:26.7 +4:12.5
  12-1   GASPARIN Aita   0+2  0+2      
  12-2   GASPARIN Selina   0+1  0+2      
  12-3   HAECKI Lena   2+3  0+0      
  12-4   CADURISCH Irene   0+2  0+1      
15 22   CHINA CHN 0+2  0+5 0+7 1:20:47.1 +4:32.9
  22-1   ZHANG Yan   0+1  0+0      
  22-2   TANG Jialin   0+0  0+0      
  22-3   WANG Xuelan   0+1  0+3      
  22-4   CHU Yuanmeng   0+0  0+2      
16 15   USA USA 1+5  2+6 3+11 1:21:54.0 +5:39.8
  15-1   COOK Annelies   1+3  0+1      
  15-2   DUNKLEE Susan   0+1  0+1      
  15-3   EGAN Clare   0+0  0+1      
  15-4   REID Joanne   0+1  2+3      
17 19   ROMANIA ROU 0+4  0+6 0+10 1:23:07.1 +6:52.9
  19-1   TOFALVI Eva   0+1  0+2      
  19-2   PISCORAN Luminita   0+2  0+2      
  19-3   FORIKA Reka   0+1  0+0      
  19-4   CIRSTEA Florina Ioana   0+0  0+2      
LPD 17   AUSTRIA AUT 0+1  0+5 0+6    
  17-1   HOFFMANN Susanne   0+0  0+1      
  17-2   SCHWAIGER Julia   0+1  0+1      
  17-3   KUPFNER Simone   0+0  0+0      
  17-4   KURZTHALER Susanna   0+0  0+3      
LPD 16   SLOVENIA SLO 0+6  2+6 2+12    
  16-1   GREGORIN Teja   0+0  0+1      
  16-2   MALI Andreja   0+2  0+0      
  16-3   ERZEN Anja   0+3  2+3      
  16-4   POJE Urska   0+1  0+2      
LPD 20   LITHUANIA LTU 1+4  0+2 1+6    
  20-1   PAULAUSKAITE Natalija   1+3  0+0      
  20-2   RASIMOVICIUTE-BRICE Diana   0+0  0+1      
  20-3   KOCERGINA Natalija   0+0  0+0      
  20-4   LESCINSKAITE Gabriele   0+1  0+1      
LPD 21   ESTONIA EST 0+3  0+3 0+6    
  21-1   LEHTLA Kadri   0+0  0+1      
  21-2   VIIGIPUU Kristel   0+0  0+0      
  21-3   OJA Regina   0+1  0+1      
  21-4   GAIM Grete   0+2  0+1      
LPD 18   BULGARIA BUL 0+3  3+11 3+14    
  18-1   YORDANOVA Emilia   0+0  0+2      
  18-2   POPOVA Stefani   0+0  1+3      
  18-3   STOYANOVA Desislava   0+2  2+3      
  18-4   KOEVA Dafinka   0+1  0+3      

La Norvegia sale sul gradino più alto del podio nella Gundersen dei Mondiali juniores di combinata nordica dal trampolino HS100 di Almaty grazie all'imopresa di Jarl Magnus Riiber cghe al termine dei 10 km di fondo ha preceduto di 7"3 l'austriaco Paul Gerstgraser, che allo sprint ha soffiato l'argento al tedesco Jakob Lange. Fuyori dai venti i tre azzurri rpesenti: Raffaele Buzzi è finito ventiduesimo, Luca Gianmoena ventiseiesimo e Aaron Kostner (reduce dal quarto posto alle Universiadi) ventisettesimo. Il prossimo appuntamento con la combinata nordica è previsto sabato 7 febbraio con una Gundersen sulla distanza dei 5 km. 

Ordine d'arrivo Gundersen HS100/10 km Mondiali juniores Almaty (Kaz):
 1 RIIBER Jarl Magnus      1997      NOR       25:54.2      
 2 GERSTGRASER Paul      1995      AUT       26:01.5      +7.3
 3 LANGE Jakob      1995      GER       26:01.8      +7.6
 4 FLASCHBERGER Bernhard      1996      AUT       26:20.3      +26.1
 5 BURAAS Lars      1995      NOR       26:35.6      +41.4
 6 MRAZ Noa Ian      1996      AUT       26:39.1      +44.9
 7 RIIBER Harald Johnas      1995      NOR       26:45.6      +51.4
 8 GERARD Antoine      1995      FRA       26:59.0      +1:04.8
 9 HANF Paul      1995      GER       27:02.2      +1:08.0
 10 PORTYK Tomas      1996      CZE       27:07.3      +1:13.1
 
22 BUZZI Raffaele      1995      ITA       28:48.7      +2:54.5
 26 GIANMOENA Luca      1997      ITA       29:07.6      +3:13.4
 27 KOSTNER Aaron      1999      ITA       29:08.1      +3:13.9

Fonte: www.fisi.org

Top