Redazione

Redazione

Suspendisse at libero porttitor nisi aliquet vulputate vitae at velit. Aliquam eget arcu magna, vel congue dui. Nunc auctor mauris tempor leo aliquam vel porta ante sodales. Nulla facilisi. In accumsan mattis odio vel luctus.

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Settima medaglia per l'Italia in un'edizione dei Giochi Olimpici Giovanili Invernali sempre più a tinte azzurre. Dopo il bronzo nella competizione a squadre colto nello slittino da Marion Oberhofer, Fabian Malleier e Schwarz/Gufler, tocca a Lara Malsiner arricchire il medagliere di casa nostra con un convincente bronzo nella prova di salto femminile. La non ancora sedicenne nativa a Vipiteno ma residente a Ortisei, tesserata per lo Sci Club Gardena, ha totalizzato 231,6 punti, un punteggio sopravanzato solamente dalla slovena Ema Klinec con 249,3 che ha preceduto la russa Sofia Tikhonova con 237,6. Il salto con gli sci diventa così la quarta disciplina dopo sci alpino, snowboard e slittino ad andare a segno nella rassegna giovanile norvegese. 

La prova maschile è andata invece allo sloveno Bor Pavlovic che ha preceduto il norvegese Marius Lindvik e il tedesco Jonathan Siegel, diciottesimo posto per il trentino di Predazzo Alessio Longo, tesserato per l'Unione Sportiva Dolomitica.

Ordine d'arrivo HS100 femminile YOG Lillehammer (Nor):
1 KLINEC Ema     SLO    249.3
2 TIKHONOVA Sofia     RUS    237.6
3 MALSINER Lara     ITA    231.6
4 REISCH Agnes     GER 219.4
5 HUBER Julia     AUT    204.7
6 STROEM Anna Odine     NOR    192.4
7 RAJDA Kinga     POL 181.7
8 DIEU Romane     FRA 177.4
9 TRAMBITAS Andreea Diana     ROU    176.9
10 PESATOVA Zdenka     CZE 176.7

Ordine d'arrivo HS100 maschile YOG Lillehammer (Nor):
1 PAVLOVCIC Bor     SLO 262.8
2 LINDVIK Marius     NOR    251.0
3 SIEGEL Jonathan     GER 236.0
4 ITO Masamitsu     JPN    234.7
5 LEAROYD Jonathan     FRA 231.8
6 ALAMOMMO Andreas     FIN    221.5
6 LARSON Casey     USA    221.5
8 SERGEEV Maksim     RUS    218.2
9 LEITNER Clemens     AUT 217.7
10 HOLIK Frantisek     CZE    208.7
18 LONGO Alessio     ITA    125.8

fonte: www.fisi.org

Sono quattro gli azzurrini convocati per i Mondiali juniores di combinata nordica in programma a Rasnov (Rom) dal 22 al 28 febbraio. Tre le gare complessive nelle quali verranno assegnate le medaglie (Gundersen sui 10 km e 5 km e prova a squadre), alle quali prenderanno parte Aaron Kostner (1999, SC Gardena), Luca Gianmoena (1997, US Lavazè), Martin Taschler (1997, Amateurskiclub Toblach) e Mirco Sieff (1998, US Lavazè). 

Il programma delle gare:
Mer. 24/02 - Gundersen HS100/10 km 
Ven. 26/02 - Tea HS100/4x5 km 
Dom. 28/02 - Gundersen HS100/5 km

Sono quattro gli azzurrini convocati per i Mondiali juniores di salto in programma a Rasnov (Rom) dal 22 al 28 febbraio. Quattro le gare complessive nelle quali verranno assegnate le medaglie: le prove individuali maschile e femminile, la gara a squadre maschile e la gara a squadre mista alle quali prenderanno parte Alex Insam (1997, SC Gardena), Joy Senoner (1997, SC Gardena), Lara Malsiner (2000, SC Gardena) e Manuela Malsiner (1997, SC Gardena).

Il programma delle gare:
Gio. 25/02 - HS100 maschile e femminile
Sab. 27/02 - Team HS100 maschile
Dom. 28/02 - Team mista HS100

fonte: fisi.org

Ben 60 atleti in 15 nazioni ai nastri di partenza del trittico fiemmese

Eric Frenzel saldamente in testa alla classifica di Coppa

Manifestazioni sportive abbinate a numerosi eventi di contorno

 

Tre giorni da dedicare alla particolare ed elettrizzante disciplina della combinata nordica, tre giorni da passare in Val di Fiemme, dal 26 al 28 febbraio, tre giorni che potrebbero essere fondamentali nel determinare la gerarchia degli atleti di Coppa del Mondo.

Si tratta della tappa di Coppa con il maggior numero di nazioni accreditate, ben 15 con la curiosa partecipazione della Korea, non proprio una presenza tradizionale nelle sfide di combinata nordica, e l’aggiunta in extremis della Russia. Saranno al via ben 60 atleti, con il team azzurro schierato con i sette combinatisti Armin Bauer, Raffaele Buzzi, Samuel Costa, Manuel Maierhofer, Alessandro Pittin, Lukas e Mattia Runggaldier. 

Nella valle trentina è tutto pronto e allestito con la solita e riconosciuta professionalità per ospitare i combinatisti, l’ultima neve ha dato il tocco finale ad impianti di assoluta eccellenza, aperti ed agibili da molti mesi, tant’è che, durante la ‘pausa forzata’ dagli impegni di Coppa del Mondo a causa delle non idonee condizioni meteo in  altre località, molti campioni sono venuti ad allenarsi proprio in Val di Fiemme, in attesa di riprendere ciò che meglio sanno fare, volare verso il cielo e planare nel parterre per cimentarsi poi con altrettanta grinta nello sci di fondo.

Il via alle qualificazioni si terrà giovedì 25 febbraio, il venerdì sarà dedicato alla Team Sprint dal Large Hill – HS134, cui seguiranno 7,5 km di fondo a Lago di Tesero (5 x 1.5 km). Sabato 27 febbraio un nuovo salto dal trampolino maggiore e Individual Gundersen di 10 km (4 x 2.5 km), identico programma che animerà la giornata domenica 28 febbraio.

La classifica attuale di Coppa del Mondo vede saldamente al comando il fenomeno tedesco nonché campione in carica Eric Frenzel, uno scalino più in basso il giapponese Akito Watabe, di una manciata di punti davanti all’altro atleta germanico Fabian Riessle.

Dopo le tappe austriache di Seefeld, nelle quali Eric Frenzel ha dominato ottenendo il terzo successo consecutivo alla “Triple” della tappa tirolese di Coppa del Mondo, le gare norvegesi di Oslo e Trondheim hanno visto una risalita prepotente degli atleti di casa, con le vittorie di Jarl Magnus Riiber su Watabe e Frenzel in quel di Oslo, ed il bis ‘norge’ a Trondheim di Jørgen Graabak, su Frenzel e nuovamente Riiber. Questa volta non si tratta di un comune modo di dire, Jarl Magnus Riiber e Jørgen Graabak sono nati per davvero nei luoghi in cui hanno recentemente trionfato, di Oslo il primo, di Trondheim il secondo.

Ma il regno della combinata nordica sembra essere nuovamente pane per i denti di Eric Frenzel, il quale si appropria della seconda giornata di gare a Trondheim, aggiudicandosi la prova primeggiando su Watabe, contro il quale le sfide si stanno facendo memorabili, e Graabak. Miglior azzurro Samuel Costa con due sedicesimi posti in quest’ultime due prove.

Le prossime sfide per gli atleti di combinata nordica saranno tre trittici intervallati da un appuntamento singolo. Si comincerà domani, dal 19 al 21 febbraio a Lahti in Finlandia, per restare in terra finnica sino al 23 febbraio ed affrontare la gara di Kuopio, prima di giungere in Val di Fiemme per un altro trittico dal 26 al 28 febbraio, e concludere in Germania il calendario di Coppa del Mondo, dal 4 al 6 marzo a Schonach; si tratta di un ‘recupero’ in quest’ultimo caso, per gli appuntamenti saltati in precedenza a causa delle condizioni meteorologiche avverse.

In Val di Fiemme ci sarà spazio anche per iniziative e momenti di divertimento a contorno delle gare di combinata nordica, sabato e domenica mattina colazione gratuita per tutti i presenti con l’iniziativa “Jump in the Breakfast”, mentre sabato sera spazio al divertimento con la Winterfest a Predazzo e le note musicali della Dolomiten Bier Band.

Info: www.fiemmeworldcup.com

Ultimo giorno di Coppa del Mondo di combinata nordica in Val di Fiemme (TN)

Eric Frenzel (GER) è il vincitore per la quarta stagione consecutiva

In terra trentina si celebra il vincitore assoluto nonostante non sia l’ultima tappa di CdM

 

«Wenn du denkst dass du etwas bist, hast du aufgehört etwas zu werden», letteralmente: “Se pensi di essere qualcuno, hai già rinunciato a diventarlo”, è una citazione di Socrate, la preferita dell’atleta tedesco Eric Frenzel, per la quarta volta consecutiva sul trono di Coppa del Mondo: “Si, forse il mio segreto può essere riassunto in questo motto, è sempre importante lavorare con costanza per migliorarsi; questo è il mio obiettivo, ciò che cerco di fare ogni anno e devo dire che fino ad ora ha funzionato davvero bene!”. Un ingresso dalla porta principale nell’olimpo dei migliori di sempre.

Nell’ultima gara della tre giorni di Coppa di combinata nordica in Val di Fiemme (TN) il successo di giornata è invece andato al norvegese Magnus Krog, oggi più forte anche delle bizze meteorologiche, degli imprevisti, di qualsiasi altro atleta nell’ultimo appuntamento fiemmese, in una difficoltosa giornata di pioggia e neve che ha vanamente tentato di minare il regolare svolgimento dell’evento condotto con maestria dal comitato organizzatore Nordic Ski Fiemme. A concludere il podio ci hanno pensato l’altro “norge” Jørgen Graabak ed il germanico Fabian Riessle, ora distante solamente 50 lunghezze dal secondo piazzamento in graduatoria generale.

Un’incessante pioggia ha caratterizzato le sfide di salto disputatesi allo Stadio del Salto di Predazzo in mattinata dopo la neve della notte, le quali hanno visto tutti i migliori saltatori in difficoltà e il giapponese Akito Watabe nuovamente fuori dai giochi a causa di un virus intestinale. Anche il salto di Eric Frenzel avrebbe potuto non essere brillante come da consuetudine, ma il tedesco dall’aura imbattibile, nonostante l’aspetto di prim’acchito tutt’altro che combattivo, ha sfoderato l’ennesima “perla” della propria annata, che gli ha garantito il poker di ‘Crystal Globe’ nella Coppa del Mondo di Combinata Nordica.

Frenzel ha fatto registrate un punteggio di 116.3 coprendo una distanza di 120.5 metri, quindi seconda posizione per l’inaspettata performance di un altro germanico, Tobias Simon (110.2), giovane di belle speranze. Terzo il fenomenale saltatore norvegese Haavard Klemetsen (104.6), abile a sbucare come un pesce nel mare di pioggia nel cielo fiemmese, ma assai meno versatile quando si tratta di indossare gli sci stretti.

In difficoltà tutti gli altri migliori saltatori, Lukas Klapfer (91.8) è tredicesimo, Fabian Riessle una posizione più addietro (91.1), Graabak quindicesimo (91.0), Jan Schmid diciottesimo (89.1), Johannes Rydzek ventitreesimo (85.9), e il vincitore dell’Individual Gundersen di ieri Bernhard Gruber conclude trentaquattresimo la propria gara al salto.

Piccola grande ingenuità per l’azzurro Samuel Costa, che indossa il pettorale sbagliato e viene squalificato dal giudice di gara, un errore costato caro di cui si è accorto, protestando, il combinatista austriaco Wilhelm Denifl.

Eric Frenzel ha nel proprio DNA la combinata nordica, il padre l’ha introdotto nella disciplina sin dai primi passi. Ha iniziato a sciare ad appena due anni d’età e sfoderando a soli sei anni di vita il primo salto della propria carriera. Dalla stagione 2011 la svolta, con una serie di vittorie che ben presto lo portarono ad essere considerato come un pericoloso contender per il titolo e, negli anni a seguire, uno dei migliori atleti di combinata nordica che abbiano mai calcato i palcoscenici internazionali, cui vi assiste, più consapevolmente da qualche anno a questa parte, il giovane figlioletto Philipp, dato alla luce dalla moglie Laura conosciuta alla Elite School of Winter Sports di Oberwiesenthal.

Alla partenza della 10 km, al Centro del Fondo di Lago di Tesero, Eric Frenzel è già campione, ma il suo volto è concentrato alla ricerca del successo, incurante della situazione di Coppa del Mondo. Il germanico parte subito forte conscio del fatto che alle proprie spalle “soffierà” il norvegese Magnus Krog, partito con un distacco di 1’04”. Krog e Wilhelm Denifl procedono appaiati nell’inseguimento, quando Frenzel scollina e transita in posizione raccolta sul traguardo fiemmese al termine del primo giro, ma pare visibilmente “sulle gambe” ed inizia a perdere terreno. Nelle retrovie, Graabak è tredicesimo ma nessuno dà per “spacciato” il norvegese, abile fondista, mentre il connazionale Krog si stacca dall’austriaco Denifl e “vede” Frenzel. Distanziati, il giapponese Watanabe, Klemetsen, Fritz e Fabian Riessle, in rimonta.

La sorpresa di stamane al salto, Tobias Simon, si ferma a causa di un problema fisico, mentre Krog ha ora completato il recupero portandosi in testa, con Frenzel a tentare di rimanere a contatto. Al terzo giro la gara si fa palpitante, anche grazie alle rimonte poderose di Riessle prima, e di Graabak poi.

Dai 9/10 che separavano Krog da Frenzel, lo svantaggio del tedesco nei confronti del norvegese passa rapidamente a cinque secondi, con il quartetto alternato composto da Norvegia, Germania, Norvegia, Germania, a dettar legge.

Graabak si avventa su Frenzel, passando da quindicesimo alla partenza a secondo all’arrivo. Riessle e Klapfer proseguono il proprio testa a testa in maniera forse troppo sostenuta, e alla curva che precede di poche centinaia di metri l’arrivo scivolano finendo a terra. Ciò porta Frenzel ad incalzare l’austriaco e a terminare quarto la propria gara da vincitore della Coppa del Mondo. Davanti a sé l’amico Riessle, terzo.

Giornata senza troppi acuti per gli italiani, anche a causa della mancata partenza di Samuel Costa, conclusasi con il 27° posto di Armin Bauer, il 30° di Lukas Runggaldier, 32° Raffaele Buzzi, 37° Mattia Runggaldier e 38° Manuel Maierhofer.

Al termine delle celebrazioni per il podio è tempo di festeggiare il campione, Eric Frenzel stappa lo spumante Trento DOC Altemasi assieme al figlio, bagnando i presenti in un tripudio di gioia per il campione.

Info: www.fiemmeworldcup.com

Download immagini TV:

www.broadcaster.it

 

Individual Gundersen LH/10 km

1 Krog Magnus NOR 31:33.5; 2 Graabak Joergen NOR +5.8; 3 Riessle Fabian GER +18.4; 4 Frenzel Eric GER +28.1; 5 Klapfer Lukas AUT +30.9; 6 Schmid Jan NOR +34.4; 7 Nagai Hideaki JPN +44.9; 8 Orter Philipp AUT +49.6; 9 Denifl Wilhelm AUT +58.7; 10 Fritz Martin AUT +1:07.9

27 Bauer Armin ITA +3:29.1; 30 Runggaldier Lukas ITA +3:43.6; 32 Buzzi Raffaele ITA +5:04.8; 37 Runggaldier Mattia ITA +6:27.5; 38 Maierhofer Manuel ITA +6:54.7

Prime giornate italiane per Lukasz Pawel Kruczek, nuovo allenatore responsabile della squadra maschile di salto. Il 40enne tecnico di Buczkowice ha abbandonato la squadra polacca di Coppa del mondo dopo otto anni in cui ha contribuito ai successi nella classifica assoluta del 2013/2014, il titolo mondiale dal trampolino grande di Predazzo e due ori olimpici a Sochi 2014, tutto con Kamil Stoch. Da oggi darà vita ad un nuovo progetto che intende rilanciare tutto il movimento azzurro. "La situazione del salto italiano non è molto buona - racconta -, ma io amo le sfide, è il motivo per il quale sono diventato tecnico e per il quale ho ricoperto il ruolo di allenatore in Polonia per molti anni. E' bello vivere queste sfide dopo molti anni passati al top". 

La proposta del direttore sportivo Sandro Pertile è arrivata a sorpresa: "Ci trovavamo a Kuopio, il suo invito è stato completamente inaspettato. Sapeva che avrei abbandonato la squadra polacca al termine della stagione, così abbiamo parlato e ho trovato il progetto interessante, mi ha inorgoglito essere messo al centro del rilancio del salto italiano. In passato ho avuto la possibilità di lavorare al fianco di Hannu Lepisto, che fu allenatore della squadra italiana e mi ha raccontato che è stata una bella esperienza lavorare con voi. Adesso dobbiamo lavorare giorno per giorno, passo dopo passo, salto dopo salto. Mi incontrerò con i ragazzi nei prossimi giorni per fare alcuni test ma prima di tutto vorrei far capire loro che niente è impossibile: dobbiamo tirare fuori il massimo, accettare la sfida per migliorare il livello del nostro movimento. Penso che faremo un unico gruppo formato da sette atleti differenti, ci saranno punti di contatto con la squadra femminile ma rimarranno due gruppi distinti. C'è del talento da queste parti, il circuito di salto è come una grande famiglia e per questo motivo conosco i saltatori azzurri, stabiliremo un piano di lavoro, sapendo che dobbiamo ripartire da zero. Cominceremo dalle Fis e dalle Continental Cup per riconquistare posti, portando qualche atleta nella tappa conclusiva del Summer Grand Prix di Klingenthal". La parte iniziale della preparazione in vista del prossimo inverno verrà svolta in Polonia, a Szczyrk: "Voglio creare nuovi stimoli, quindi ci farà bene frequentare posti doversi dal solito, torneremo in Italia in una seconda fase e cercheremo di saltare su trampolini diversi dal solito".   

Il direttore sportivo Pertile accoglie con entusiasmo il nuovo arrivato: "Prima di tutto voglio rivolgere un ringraziamento ai tecnici che hanno lavorato nella passata stagione e che hanno vissuto mesi molto difficili. Per tutta la Federazione questo è un momento importante, perchè l'impegno e la voglia sono quelle di tornare ad un livello molto più elevato e la scelta di questo tecnico è la ferrea volontà di ripartire con un settore che in passato ha regalato buone soddisfazioni alla nostra nazione".

fonte  fisi.org

Il Presidente Flavio Roda ha deliberato le formazioni del salto per la stagione 2016/17. Vengono così ufficializzate le composizioni delle Squadre A Coppa del mondo, delle Squadre A, e delle Squadre B, delle Squadre C e delle Squadre FuturFisi. Ma ecco la lista completa degli atleti e dei responsabili dello staff tecnico:

Direttore Sportivo - Sandro Pertile
Allenatore responsabile Squadra femminile - Janko Zwitter
Allenatore responsabile Squadra maschile - Lukasz Kruczek
Responsabile Settore giovanile salto e combinata nordica - Ivo Pertile
Allenatore Squadra FuturFisi - Roberto Cecon

Squadra A Coppa del mondo

Elena Runggaldier          10/07/1990       GS Fiamme Gialle

Squadra A maschile

Alex Insam                       19/12/1997         SC Gardena Raiffeisen
Sebastian Colloredo      09/09/1987        GS Fiamme Gialle

Squadra A femminile

Manuela Malsiner          15/12/1997         SC Gardena Raiffeisen
Lara Malsiner                 14/04/2000         SC Gardena Raiffeisen

Squadra B maschile

Federico Cecon             11/06/1994         GS Fiamme Gialle
Roberto Dellasega       15/06/1990         GS Fiamme Gialle
Davide Bresadola         10/09/1988         CS Esercito
Daniele Varesco            25/07/1995         GS Fiamme Oro

Squadra B femminile

Veronica Gianmoena    25/10/1995        US Lavazè - Varena

Squadra C maschile

Zeno Di Lenardo           19/10/1995        Sci Cai Monte Lussari
Joy Senoner                   21/08/1997        SC Gardena Raiffeisen

Squadra C femminile

Alice Puntel                    28/09/2000        Sci Cai Monte Lussari

Squadra FuturFisi maschile

Alessio Longo               05/05/1998        US Dolomitica
Kevin Rosenwirth         03/10/1999        Sci Cai Monte Lussari
Francesco Cecon        13/11/2001         Bachmann Cultura e Sport
Giovanni Bresadola     17/02/2001        GS Monteginer

Squadra FuturFisi femminile

Lisa Moreschini            18/05/2001        GS Monteginer

Da domani a domenica tutte le attenzioni concentrate sulla Val di Fiemme (TN)
Oltre 150 atleti di 20 nazioni si sfideranno sugli skiroll
UpHill, Sprint, Team Sprint e Long Distance le gare in programma
Nella Team Sprint si punta su Pellegrino-Nöckler e Vuerich-Stürz
 
 
Ancor prima della cerimonia di apertura, nel primo pomeriggio di domani si partirà subito con l’UpHill in tecnica classica da Ziano di Fiemme a Bellamonte, quale prima competizione dei Campionati del Mondo di Skiroll 2015 di scena dal 24 al 27 in Val di Fiemme (TN). Venerdì e sabato sarà la volta delle gare Sprint e Team Sprint, domenica invece toccherà alla Long Distance con start a Molina di Fiemme ed arrivo a Bellamonte, lungo 25 km e 634 metri di dislivello. Le gare andranno in onda su Rai Sport 1 nella giornata di mercoledì 30 settembre, ma diffonderanno le immagini anche Eurosport, la norvegese NRK e la svedese SVT. 
L’allenatore Giuseppe Chenetti schiererà i fondisti più forti, fra i quali Federico Pellegrino, Dietmar Nöckler, Roland Clara, Gaia Vuerich, Giulia Stürz, Ilaria Debertolis, Virginia De Martin e Lucia Scardoni. 
A completare il quadro degli italiani ci saranno gli skirollisti Alessio Berlanda, tre volte campione del mondo sprint, Emanuele Becchis, Emanuele Sbabo, le gemelle Lisa ed Anna Bolzan, Caterina Ganz, Monica Tomasini, Ilenia Defrancesco, Veronika Broll, Laura Colombo, Alberto Dalla Via, Francesco Becchis, Tommaso Dellagiacoma, Giacomo Gabrielli, Paolo Ventura, Stefan Zelger, Richard Tiraboschi, Jacopo Giardina e Marco Mosele. 
Per gli azzurri i rivali più insidiosi saranno i forti Robin Norum, Ragnar Andresen, Linn Sömskar, Valiantsina Kaminskaya, Ksenia Konohova, Olga Letucheva, Tatiana Chvanova, Marcus Fredriksson, Alfred Buskqvist, assieme agli outsider Nikita Kriukov ed Evgenij Dementiev, campioni olimpici di sci di fondo. 
Domenica 27 oltre alla gara iridata ci sarà anche un evento promozionale aperto a tutti gli appassionati che vorranno cimentarsi nel Cross Country estivo. La giornata sarà in concomitanza con Fiemme Senz’Auto, l’iniziativa che chiude al traffico per un giorno la Statale 48 delle Dolomiti. E per completare la quattro giorni della Val di Fiemme sono in programma anche iniziative di contorno come la Septemberfest di sabato sera.
Info: www.fiemmeworldcup.com
Top