Biathlon - L'IBU annuncia: "Il divieto all'utilizzo del fluoro rinviato di un anno"

09 Ottobre 2020
(0 Voti)
Author :  

L'International Biathlon Union (IBU) ha annunciato oggi che il divieto all'utilizzo dei prodotti fluorurati sarà introdotto a partire dalla stagione 2021/2022 per consentire più tempo per testare e perfezionare il dispositivo Fluorine Tracker attualmente in fase di sviluppo.

L'IBU ha annunciato attraverso un comunicato stampa pubblicato dopo la riunione del «Working Group Fluorinated Waxes Prohibition, che è stato istituito insieme alla Federazione Internazionale di Sci (FIS) ed è responsabile dello sviluppo del Fluorine Tracker, un dispositivo portatile che rileverà istantaneamente la presenza di cera al fluoro sci. Il gruppo di lavoro aveva l'obiettivo di avere il Tracker pronto per la prossima stagione. Tuttavia, lo sviluppo del prototipo è stato ritardato e il dispositivo necessita di ulteriori test, adattamenti e calibrazione dopo diversi test iniziali. Di conseguenza, per garantire un'applicazione equa e coerente delle regole in tutti gli eventi IBU e per fornire chiarezza sulle regole applicate per la prossima stagione, l'IBU consentirà l'uso di prodotti fluorurati, in linea con i regolamenti dell'UE, nei suoi eventi nella stagione 2020/2021».

Due quindi i passaggi che vanno sottolineati. Il primo riguarda il fatto che sicuramente questo comunicato anticiperà di pochi minuti quello della FIS, in quanto la Federazione Internazionale di Sci ha partecipato assieme all'IBU al piano di divieto dei prodotti fluorurati, cercando di produrre uno strumento in caso di rilevare la presenza di fluoro sotto gli sci, che è in ritardo. La seconda riguarda l'ultima frase, dove è scritto che si consente l'uso di prodotti fluorurati "in linea con i regolamenti dell'UE". Ciò fa pensare che saranno consentiti soltanto i prodotti privi di PFOA, vietati dalla Unione Europea. Non è chiaro come sarò possibile controllare se il fluoro utilizzato conterrà o meno il PFOA.

Il presidente dell'IBU Olle Dahlin ha dichiarato: «L'IBU sostiene pienamente la decisione del "Gruppo di lavoro sul divieto delle cere fluorurate" di introdurre l'interdizione all'uso delle cere al fluoro a partire dalla stagione 2021/2022, a quel punto avremo un Fluorine Tracker in grado di garantire la regolarità delle nostre competizioni che i nostri atleti meritano. Tenendo presente l'apparente rischio per la salute e le preoccupazioni ambientali legate ai prodotti fluorurati, rimaniamo pienamente impegnati ad eliminare completamente i prodotti fluorurati dalle nostre competizioni. Dalla prossima stagione in poi, andremo oltre i requisiti dell'UE e garantiremo il rispetto dei più elevati standard di protezione ambientale, motivo per cui vieteremo completamente le cere al fluoro. Allo stesso modo, abbiamo anche il dovere di proteggere l'integrità delle nostre competizioni e fornire condizioni di parità. Dato il breve tempo che manca all'apertura della stagione, il rilevatore di fluoro nella sua fase attuale non può garantire la precisione e l'affidabilità costanti che richiediamo. Dobbiamo quindi ritardare la sua introduzione».

L'IBU prevede di tenere un seminario con i tecnici delle cere delle Federazioni Nazionali alla fine della stagione 2020/2021 per presentare il nuovo dispositivo a tutte le squadre. Un'ottima notizia perché finalmente si agirebbe con calma e darebbe la possibilità a tutti di avvicinarsi nelle migliori condizioni possibili a questo cambio epocale. Assurdo ci si sia arrivati soltanto a un mese e mezzo dal via della stagione.

Top