Fondo: nello sprint Sportful vittoria russa e italiana

23 Dicembre 2013
(0 Voti)
Author :  

Serata incredibilmente mite con 8 gradi che hanno messo a dura prova gli organizzatori che non si sono fatti cogliere impreparati ed hanno allestito un campo di gara in Prà del Moro degno di una Coppa del Mondo. Neve perfetta tracciato confermato integralmente ed adeguatamente innevato.

“Ci tenevamo troppo e non potevamo non metterci il massimo per garantire a questi campioni, reduci da una due giorni di Coppa ad Asiago, le migliori condizioni per potersi dar battaglia e dare spettacolo al caloroso pubblico presente sugli spalti”. Questo l’esordio di Giordano Cremonese patron della nona edizione della Team Sprint Internazionale Sportful.

Un’edizione perfetta per l’organizzazione, ma anche per la nutrita presenza di campioni che hanno onorato ancora una volta l’appuntamento feltrino dello sci nordico.

“Non si può mancare a questo appuntamento.” conferma Federico Pellegrino.

Ed i Campioni quest’anno si sono dati una gran battaglia. In campo femminile la coppia formata da Greta Laurent e Gaia Vuerich è riuscita ad imporsi su Ilaria Debertolis e Lucia Scardoni. Del terzo gradino del podio si sono dovute accontentare le due fortissime atlete Ukraine che nulla hanno potuto di fronte al desiderio di imporsi in casa Sportful delle portacolori azzurre.

In campo maschile primo successo Russo alla Team Sprint internazionale con Petukov e Garfanov, che sono riusciti ad imporsi su una volata lunga davanti alla coppia formata da Fabio Pasini e Enrico Nizzi, i forti portacolori dell’esercito sono stati la sorpresa della serata in quanto non hanno nai mollato il passo dei vincitori ed hanno tenuto alta la tensione per tutta la durata della gara.

Ottimo terzo posto per la coppia dei vincitori uscenti dell’edizione dello scorso anno, Federico Pellegrino e Dietmar Noeckler. La coppia dei poliziotti di Moena ha forse risentito della stanchezza degli impegni dell’ultimo periodo ma ha dato gran battaglia.

Bella prestazione della quarta coppia Zorzi/Scola. Per il primo sempre un’ottima condizione mentre per il secondo una buona prestazione che lascia ben sperare dopo tutti i malanni che lo hanno accompagnato nella fase di preparazione della stagione.

Al quinto posto un’abbinata Kazaka che fa tremare i polsi a tutti gli avversari, Poltoranin/Chebotko che forse hanno un po’ pagato la delusione del mattino sulla piana di Asiago e sono arrivati un po’ provati all’appuntamento serale di Prà del Moro.

Un’ulteriore grande edizione di sci da fondo nel cuore della città feltrina che con l’occasione ha inaugurato ufficialmente l’apertura dell’anello di fondo di Prà del Moro, meta di tantissimi appassionati degli sci stretti che grazie al lavoro dell’ENAL Sport Villaga possono godere di un anello sempre perfetto a due passi dalle loro case.

 

Vota questo articolo

Top