Davide Bragagna

Davide Bragagna

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Johannes Høsflot Klæbo vince la 30^ gara di Coppa del Mondo e per il terzo anno consecutivo è il re di Davos. Il risultato odierno gli ha permesso di allungare in Coppa del Mondo viste le eliminazioni di Emil Iversen in semifinale e di Alexander Bolshunov nei quarti. 

E' stato uno straordinario Lucas Chanavat, dopo lo squillo da miglior tempo in qualificazione, a farlo tuttavia tremare fino a pochi centimetri dal traguardo. Il francese ha coltivato l'illusione della prima vittoria in Coppa del Mondo entrando con autorità in testa nel rettilineo finale e se non fosse stato per una piccola indecisione nella pattinata negli ultimi metri, sarebbe potuto riuscire a battere l'assoluto dominatore delle sprint dell'ultimo biennio.

La Norvegia dimostra per l'ennesima volta la profondità del suo movimento portando sul podio in lacrime per la prima volta Håvard Solås Taugbøl, eccellente nel precedere sul traguardo il connazionale Sindre Bjørnestad Skar, il russo Gleb Retivykh e l'americano Simeon Hamilton.

Non è purtroppo arrivato il primo atteso podio stagionale dello sci di fondo azzurro. Federico Pellegrino, dopo un agevole quarto di finale, è giunto quarto dietro Klæbo, Chanavat ed Erik Valnes. Per qualche minuto è rimasto appeso alla possibilità del ripescaggio che ha poi promosso gli atleti dalla seconda semifinale. L'8^ piazza di oggi lo metterà nella condizione di prendersi la rivincita a Planica fra una settimana dove potrebbe formare anche un'inedita coppia nella team sprint con...

E' piaciuto per temperamento il millennial Davide Graz (22°) che, ancora appartenente alla categoria junior, al terzo tentativo fra i grandi è riuscito a entrare fra i primi trenta dopo avercela quasi fatta sia a Cogne sia ai Mondiali di Seefeld 2019. Coraggiosissima la scelta di andare a sfidare mostri come Klæbo e Chanavat in prima batteria. Sarà interessante capire quanto tempo ci vorrà per vederlo ai vertici delle gare brevi ed eventualmente, in futuro neanche troppo lontano, protagonista nelle prove distance.

Clicca qui per la classifica completa

La classifica delle sprint è ovviamente dominata da Klæbo (150) a punteggio pieno davanti a Chanavat (82) e Richard Jouve (69). Domani tornerà in gara anche i big delle distance.

La vincitrice che non ti aspetti. Linn Svahn vince la sprint in skating di Davos precedendo la campionessa del mondo in carica e olimpica di Sochi 2014 Maiken Caspersen Falla e l'americana Sophie Caldwell.

Un finale tutto d'autorità per la svedese che si è messa dietro i mostri sacri della disciplina letteralmente dominando. Non avrà le stimmate della predestinata come la coetanea e conterranea Frida Karlsson, ma Svahn si è presa la soddisfazione di vince per prima in Coppa del Mondo, alla seconda partecipazione dopo l'esordio di Falun del marzo scorso quando fu 19^. 

Lunga attesa per il photofinish fra Falla e Caldwell, vincitrice delle qualificazioni, alle quali è strato attribuito un insolito ex aequo al 2° posto. L'informatica della FIS ha fatto le bizze durante tutta la giornata, ma alla fine il verdetto è stato sancito con il 2° posto attribuito alla norvegese e il 3° all'americana. Ha concluso al 4° posto una Stina Nilsson reduce dai problemi alla schiena e ancora lontana dalla massima forma, convincente la prestazione di Natalia Nepryaeva che ha terminato 5^, sfortunata 6^ Jonna Sundling caduta in avvio.

Tutte eliminate nei quarti di finale le azzurre. La più combattiva è stata Greta Laurent (18^) che ha però confermato la solita tendenza a perdere potenziale dopo le qualificazioni mattutine. In crescita Lucia Scardoni (21^), sempre più a suo agio in skating. Primi punti in carriera per la promettente Francesca Franchi (28^) che deve prendere ancora le misure alla Coppa del Mondo.

Clicca qui per la classifica completa

Nella classifica sprint continua a guidare Falla (130) davanti a Svahn (100) e Nilsson (87). Sempre saldamente in testa nella generale Therese Johaug che tornerà domani in pista nella distance sui 10km.

La Norvegia vince in rimonta la staffetta femminile di Hochfilzen confermando il successo ottenuto meno di una settimana fa a Östersund. Domata una caparbia Russia nel finale, mentre l'affollata sfida per il terzo gradino del podio va ancora alla Svizzera. Altra staffetta negativa per le azzurre che chiudono all'11° posto, ma ecco lo sviluppo della gara.

La prima frazione vede prendersi la scena la figlia d'arte, la madre Anfisa è stata due volte campionessa olimpica e tanto altro, Kristina Reztsova che porta la Russia in testa dopo i primi due poligoni intonsi. Lisa Vittozzi è incredibilmente una delle più imprecise al tiro, con un totale di quattro ricariche, tre delle quali in piedi alle porte del giro di penalità, ma è brava a farsi valere sugli sci e chiudere il divario. L'Italia si accoda alla Russia in prossimità del cambio. Non viene effettuata una grande selezione: al cambio sono ben diciassette le squadre in meno di 40".

La staffetta azzurra mette in pista l'indiscussa numero uno di questo primo lasso di stagione. Dorothea Wierer parte controllata e nel primo giro le si avvicinano subito minacciose tutte le più forti rivali. Dopo il tiro prono, la Russia con Larisa Kuklina in pista conserva il primato, Doro ricorre a un colpo di riserva ed è lì. Precisa la Germania, reduce dalla storica, anzi tragica, gara senza punti di ieri che con Denise Herrmann si riaccoda alle prime. La Norvegia, dopo Karoline Knotten al lancio, con Ingrid Landmark Tandrevold non sbaglia, la Francia cede qualcosa con la ricarica di Justine Braisaz, imbocca due volte l'anello di penalità la Svezia con la piccola Öberg, in contrapposizione all'ottima staffetta dello scorso fine settimana.

E' però il poligono in piedi a devastare la gara. Wierer incappa in un errore ma è veloce a chiudere i bersagli, Kuklina la imita e passa all'intermedio a pochi secondi, chiuderà la frazione in scia all'altoatesina apparsa poco brillante nel finale. Continua il momento nero delle tedesche, Herrmann manca tutti i bersagli e quanto meno ne copre due con le ricariche per un bottino totale di tre giri di penalità. Nel peggio fanno meglio Tandrevold e Braisaz che girano una volta sola ma se la norvegese paga pesantemente dopo il poligono, la transalpina recupera oltre dieci secondi nell'ultimo giro. E' la Svizzera a cambiare in terza posizione a metà gara dopo le buone prove di Elisa e Selina Gasparin che lanciano la sorella minore Aita.

Arriva così il momento della verità. Nicole Gontier deve riaccendere la luce dopo il disastro della settimana scorsa già parzialmente riscattato con una discreta sprint ieri. Il tandem con Svetlana Mironova, reduce dal primo podio individuale in carriera, è funzionale a mantenere un buon ritmo e le due prendono tutti i bersagli a terra tenendo la Svizzera a distanza di 30". La Norvegia recupera qualcosa nonostante la ricarica di Tiril Eckhoff, ma rimane a poco meno di un minuto. Nel mezzo Ucraina, Canada e Stati Uniti.

Mironova accelera e guadagna su tutte meno che Eckhoff, Gontier più controllata perde qualche secondo ma è fondamentale non risvegliare i fantasmi al poligono. L'inferno è vicino dopo i due errori in apertura, ma la valdostana, pur soffrendo, riesce a sfruttare le ricariche. Intanto la Russia, solo una ricarica nell'occasione, scappa seguita a distanza di 25" da un'ottima Svizzera, reduce dal secondo posto di Östersund, con l'Italia al traino. Eckhoff nell'ultimo giro va a riprenderle e le stacca, ricandidando la Norvegia alla vittoria.

E' il momento di Federica Sanfilippo, equivalentemente alla compagna che l'ha preceduta, chiamata a rispondere dopo due gare fra il negativo e il non esaltante. L'altoatesina fatica nel poligono a terra evitando comunque la penalità e perde di vista il podio, mentre Ekaterina YurlovaMarte Røiseland e Lena Häcki sono infallibile e rimangono equidistanti rispetto al cambio.

Il poligono finale spegne definitivamente le ambizioni di podio dell'Italia. Russia e Norvegia utilizzano una sola ricarica e vanno a disputarsi il successo. La Svizzera riapre la porta con il giro di penalità di Häcki e dietro si scatena la bagarre a colpi di errori. L'Italia sprofonda con due giri di penalità, mentre sono gli Stati Uniti a uscire per terzi alla ricerca di uno storico podio ma è ancora tutto da decidere. In successione nello spazio di 10" ci sono anche Ucraina, Svizzera, Canada, Repubblica Ceca e Francia.

Nel giro finale Røiseland mette il Nos e prima raggiunge Yurlova e poi la stacca infliggendole 23" in due chilometri! Opaca al poligono, Häcki scatena tutta la sua potenza e mette in fila le altre squadre confermando una Svizzera sempre più convincente sul podio. Questa volta l'elvetiche scendono di un gradino ma dimostrano di essere ormai candidate affermate per il podio ai Mondiali di Anterselva 2020. In sequenza vengono battute Ucraina, Canada, Repubblica Ceca e Francia, mentre crollano gli Stati Uniti.

Una spenta Sanfilippo nel finale viene anche scavalcata dalla Svezia che si era autoesclusa già dalla prima frazione. Piange ancora la Germania che termina al 12° posto.

Come valutare la prestazione delle azzurre? 1. Vittozzi e Wierer hanno confermato la loro affidabilità 2. Sicuramente qualcosa non è funzionato sugli sci dove tutte le azzurre, tranne la sappadina, che però aveva avversarie più deboli, hanno faticato 3. Gontier merita un plauso per aver retto di testa nel momento più difficile 4. Sanfilippo va recuperata velocemente 5. La staffetta femminile è forse al momento la gara dove l'Italia avrà meno ambizioni alla rassegna iridata casalinga, il tempo scorre e serve trovare una quinta che dia un ventaglio di scelte strategiche più ampio.

Tuttavia la giornata non è finita. Lukas Hofer e Dominik Windisch hanno messo il podio nel mirino nell'inseguimento che si disputerà questo pomeriggio.

 

Classifica staffetta 4x6km femminile

 

1^ NORVEGIA 0+1 1+6 1+7 1:10:04.7

KNOTTEN Karoline Offigstad 0+0 0+10+1+12.3

TANDREVOLD Ingrid Landmark 0+0 1+31+3+1:06.1

ECKHOFF Tiril 0+1 0+10+2+25.7

ROEISELAND Marte Olsbu 0+0 0+10+11:10:04.72

2^ RUSSIA 0+0 0+5 0+5 +8.2

REZTSOVA Kristina 0+0 0+0 0+0 17:54.8

KUKLINA Larisa 0+0 0+10+1+1.0

MIRONOVA Svetlana 0+0 0+30+3 53:03.6

YURLOVA-PERCHT Ekaterina 0+0 0+10+1+8.2

3^ SVIZZERA 0+4 1+5 1+9 +1:04.1

GASPARIN Elisa 0+1 0+1 0+2 +14.8

GASPARIN Selina 0+3 0+1 0+4 +28.1

GASPARIN Aita 0+0 0+0 0+0 +35.8

HAECKI Lena 0+0 1+31+3 +1:04.1

4^ UCRAINA 0+3 0+5 0+8 +1:09.2

SEMERENKO Vita 0+0 0+2 0+2 +19.3

SEMERENKO Valj 0+3 0+1 0+4 +56.0

DZHIMA Yuliia 0+0 0+1 0+1 +1:06.5

PIDHRUSHNA Olena 0+0 0+1 0+1 +1:09.2

5^ CANADA 0+4 0+3 0+7 +1:09.3

BEAUDRY Sarah 0+1 0+0 0+1 +21.2

BANKES Megan 0+2 0+1 0+3 +54.5

MOSER Nadia 0+0 0+0 0+0 +58.5

LUNDER Emma 0+1 0+2 0+3 +1:09.3

6^ REPUBBLICA CECA 1+8 0+4 1 +12 +1:16.1

JISLOVA Jessica 0+1 0+10 +2 +22.2

CHARVATOVA Lucie 1+3 0+1 1+4 +1:05.1

DAVIDOVA Marketa 0+1 0+2 0+3 +1:04.8

KRISTEJN PUSKARCIKOVA Eva 0+3 0+0 0+3 +1:16.1

7^ FRANCIA 0+3 1+11 1+14 +1:18.9

BESCOND Anais 0+0 0+3 0+3 +13.8

BRAISAZ Justine 0+1 1+3 1+4 +44.3

AYMONIER Celia 0+1 0+3 0+4 +1:17.8

SIMON Julia 0+1 0+2 0+3 +1:18.9

8^ STATI UNITI 0+3 0+3 0+6 +1:37.0

REID Joanne 0+2 0+0 0+2 +36.5

DUNKLEE Susan 0+0 0+3 0+3 +49.5

EGAN Clare 0+0 0+0 0+0 +50.2

DREISSIGACKER Emily 0+1 0+0 0+1 +1:37.0

9^ POLONIA 0+7 1+6 1+13 +2:22.4

ZBYLUT Kinga 0+1 0+2 0+3 +24.3

HOJNISZ-STAREGA Monika 0+2 0+1 0+3 +32.6

ZUK Kamila 0+3 0+0 0+3 +41.9

GWIZDON Magdalena 0+1 1+3 1+4 +2:22.4

10^ SVEZIA 2+6 0+4 2+10 +2:53.0

PERSSON Linn 0+2 0+0 0+2 +34.4

OEBERG Elvira 2+3 0+1 2+4 +2:23.6

BRORSSON Mona 0+1 0+2 0+3 +3:14.5

OEBERG Hanna 0+0 0+1 0+1 +2:53.0

11^ ITALIA 0+5 2+10 2+15 +2:57.1

VITTOZZI Lisa 0+1 0+3 0+4 +1.6

WIERER Dorothea 0+1 0+1 0+2 35:27.5

GONTIER Nicole 0+0 0+3 0+3 +35.4

SANFILIPPO Federica 0+3 2+3 2+6 +2:57.1

Il ragazzo impara in fretta. Memore della beffa d'argento dello skiathlon dei Mondiali di Seefeld 2019, quando si dannò l'anima per tenere alta l'andatura in opposizione all'attendismo dei norvegesi e venne superato in volata da Sjur Røthe, Alexander Bolshunov ha cambiato strategia.

Il leader della squadra russa questa volta ha fatto lavorare gli avversari in attesa di piazzare la stoccata finale a pochi metri dal traguardo, centrando l'8° successo in carriera dopo 30km scoppiettanti.

L'andatura della frazione in classico non è mai stata estenuante. Si sono susseguite schermaglie e cambi di ritmo solo per andare a prendere i punti d'abbuono ai traguardi volanti. E' stato così il tracciato di Lillehammer, perfettamente preparato e durissimo a fare la differenza, tanto che a metà del guado si sono presentati al cambio di materiale in soli nove fondisti.

Neanche il tempo di sciogliere le gambe nella transizione classico-skating che Hans Christer Holund ha deciso di prendere in mano le operazioni e imporre un ritmo che avrebbe finito per svelare il volto della gara. Il trentenne campione del mondo in carica della 50km, reduce dalla prima vittoria in Coppa del Mondo a Kuusamo e ormai passato dallo status di gregario di lusso a punta dell'infinita squadra norvegese, ha fatto una rapida selezione che ha finito per ridurre a tre unità il gruppo di testa.

Bolshunov è rimasto in scia e anche Emil Iversen ha dato grandi segnali di forma, rispondendo colpo su colpo. Con l'avvicinarsi del traguardo, i favori del pronostico sembravano indicare la vittoria in volata del più veloce dei due norvegesi davanti, invece è stato Holund a rompere gli indugi con un'azione da passista sull'ultima lunga salita. Iversen ha mollato, Bolshunov ha perso qualche metro dando però l'impressione di essere in controllo.

Sull'ultima breve asperità è arrivata l'azione che ha chiuso la contesa. Bolshunov ha ripreso il generosissimo Holund per gestire il rettilineo finale in surplace. Messi in fila cinque norvegesi, i due sul podio e coloro che si sono combattuti per la quarta piazza finale.

Johannes Høsflot Klæbo ha faticato parecchio, ma da buon erede di Petter Northug ha saputo ottenere il massimo possibile grazie alla volata. Battuti un Martin Johnsrud Sundby in crescita, quinto, e Sjur Røthe, bravo a rientrare sul gruppo dopo essersi staccato in classico, sesto.

In assenza di Calle Halvarsson, i colori svedesi sono stati difesi da Jens Burman settimo, mentre si è rivisto il piccolo russo Denis Spitsov ottavo, che ha superato il connazionale Sergey Ustiugov, decimo. Fra loro, Iivo Niskanen si è inserito al nono posto, meno brillante rispetto alla settimana scorsa.

Klæbo rimane in vetta alla classifica, ma gli avversari stanno crescendo e la strada verso la terza Coppa del Mondo (consecutiva) della carriera è tutto fuorché scritta. Come già detto in settimana, nessun azzurro è stato convocato a Lillehammer per preparare al meglio la prossima tappa di Davos. Domani le staffette.

CLASSIFICA 15+15km skiathlon uomini

1^ A. Bolshunov (RUS) 1h17'42"4
2^ H.C. Holund (NOR) +2"2
3^ E. Iversen (NOR) +7"9
4^ J. Klæbo (NOR) +57"4
5^ M. Sundby (NOR) +57"7
6^ S. Røthe (NOR) +58"8
7^ J. Burman (SWE) +59"4
8^ D. Spitsov (RUS) +1’06"6
9^ I. Niskanen (FIN) +1'09"4
10^ S. Ustiugov (RUS) +1'42"9

Non c'è veramente partita. Il 57° successo in Coppa del Mondo di Therese Johaug ha poco a che vedere con il gobbo della smorfia napoletana: un ritmo ossessivo, una sciata redditizia, un controllo della gara che sta soffocando nella culla qualunque ambizione delle avversarie. Incessante.

Già dall'abbrivio della prima metà in tecnica classica dello skiathlon di Lillehammer, la trentunenne di Røros ha aumentato la cadenza lasciando le altre a duellare per i restanti due gradini del podio. Al cambio di sci e tecnica dei 7,5km, un plotone di nove atlete si è presentato in fila indiana a quasi 40” per disputarsi gli altri due gradini del podio.

E' stata l'americana Jessica Diggins a sveltire subito le pattinate per delineare il podio finale. L'ha subito seguita Heidi Weng, confermatasi nel ruolo di vice-leader della squadra norvegese. Le due coetanee classe 1991 hanno continuato a perdere sensibilmente dalla testa, però il loro ritmo è stato sufficiente a fare la differenza sul resto delle concorrenti.

Mentre Johaug dopo 15km di solitudine tagliava in scioltezza il traguardo vittoriosa, il tandem inseguitore si spezzava. Diggins, a poco meno di un chilometro e mezzo dal traguardo, riusciva a guadagnare qualche metro in salita su Weng. Il ritardo al traguardo è enorme per il 23° podio in carriera: 1'08”3.

Curiosamente si sono confermate sul podio le stesse atlete dell'ultima tappa del Triple di Kuusamo con Weng scesa dal 2° al 3° posto, e Diggins salita viceversa.

Assenti Stina Nilsson e Frida Karlsson per scelta tecnica, mentre Ebba Andersson e la detentrice della sfera di cristallo Ingvild Flugstad Østberg avranno tempi di recupero più lunghi, subito giù dal podio si sono piazzate circa le stesse atlete della settimana scorsa.

La finlandese Krista Pärmäkoski ha vinto la volata per il 4° posto a 1'30"6  davanti ad Astrid Uhrenholdt Jacobsen e Charlotte Kalla. Qualche passo avanti per la veterana della squadra svedese. Quotazioni in crescita anche per l'austriaca figlia d'arte Teresa Stadlober 7^, meno incisiva rispetto a Kuusamo Sadie Bjornsen Maubet 8^, chiudono le prime dieci posizioni la ventunenne svedese Moa Lundgren e una buona Kerttu Niskanen.

Ancora male Natalia Nepryaeva 11^, meno prepotente del previsto l'esordio della 2001 norvegese Helene Marie Fossesholm che, in una gara con diverse assenze, ha colto solo un 18° posto.

Come detto nei giorni scorsi, l'Italia ha saggiamente deciso di sacrificare la tappa di Lillehammer dopo l'esordio difficile di Kuusamo. L'obiettivo è quello di presentarsi la prossima settimana in Svizzera a Davos in concreto crescendo di condizione. A breve la gara maschile.

CLASSIFICA 7,5+7,5km skiathlon donne

1^ T. Johaug (NOR) 42'35"3
2^ J. Diggins (USA) +1'08”3
3^ H. Weng (NOR) +1'19"1
4^ K. Pärmäkoski (FIN) +1'30"6
5^ A. Jacobsen (NOR) +1'31”1
6^ C. Kalla (SWE) +1’31”2
7^ T. Stadlober (AUT) +1’36”8
8^ S. Maubet Bjornsen (USA) +1’43”9
9^ M. Lundgren (SWE) +1'56”1
10^ K. Niskanen (FIN) +2'11”3

Come di consueto, nell'ultima giornata delle corse a tappe dello sci di fondo vengono assegnati due successi, quello finale e quello relativo a chi ottiene il miglior tempo di tappa, il cosiddetto "winner of the day".

Su quattro gare a disposizione, Therese Johaug ne ha portate a casa tre questa settimana. Doppio 2° posto per la connazionale Heidi Weng oggi e primo podio stagionale per Jessica Diggins, secondo per la squadra americana dopo quello di Sadie Bjornsen nella sprint di venerdì. 

Nella 15km gundersen skating, il miglior tempo effettivo è stato ottenuto dall'iridato di Seefeld 2019 nella 50km Hans Christer Holund che ha battuto l'altro campione del mondo in carica Sjur Røthe e Emil Iversen, autore di un doppio podio di giornata.

Nessuno degli azzurri è andato a punti nella tappa odierna.

Classifica complessiva "winner of the day" donne

Classifica complessiva "winner of the day" uomini

Se Johaug ha dominato senza prove di appello, Johannes Høsflot Klæbo si è sì confermato quale faro di riferimento della Coppa del Mondo di sci di fondo ma per vincere è dovuto ricorrere alla sua arma più affilata, la volata.

Il ventitreenne di Trondheim ha elevato le sue statistiche con il 29° successo della carriera in Coppa del Mondo, il 2° stagionale dopo quello d'esordio della sprint, sempre sul podio in questo fine settimana, fatta eccezione per il tempo crudo effettivo della gundersen odierna sui 15km in tecnica libera. Nel weekend finlandese ha sempre conservato il pettorale giallo di leader che si portava dietro dalla scorsa edizione della massima competizione su lunga durata dello sci di fondo.

Il podio finale appariva delineato già dall'avvio visti i distacchi di partenza, ciononostante la battaglia fra i tre di testa è stata viva fino alle ultime centinaia di metri. Emil Iversen e Iivo Niskanen hanno lavorato in tandem a lungo prima di agganciare il battistrada.

Dal canto suo, Klæbo ha prima cercato di tenerli a distanza per poi adottare una volta ripreso una tattica attendistica in previsione del finale, quasi un omaggio al suo antesignano Petter Northug. Al momento dell'accelerazione decisiva, prima Niskanen, 3° al traguardo davanti al suo pubblico dopo il successo in classico di sabato, poi Iversen, 2°, hanno dovuto alzare bandiera bianca.

Il resto della concorrenza non è quindi potuto mai entrare in orbita podio, rimanendo a spartirsi il resto delle posizioni di vertice. Ha destato un'eccellente impressione l'ex (?) sprinter Pål Golberg, che dopo una stagione abbastanza anonima si è ripresentato ai vertici cogliendo un grande 4° posto a 47”9 nel mini-tour di Kuusamo.

Preceduti alla spicciolata Alexander Bolshunov, 5° ma ancora appannato rispetto ai suoi standard, il campione mondiale della 50km Hans Christer Holund, 6° e più veloce atleta in pista quale “winner of the day”, il vincitore della scorsa edizione del Triple Didrik Tønseth 7°, il campione mondiale dello skiathlon Sjur Røthe 8°, lo svedese Calle Halfvarsson 9° e i russi Sergey Ustiugov 10° e Andrey Larkov 11°. Tanta, tantissima Norvegia e Russia al rimorchio.

Dopo l'egregia prestazione nella 15km in classico di ieri, ci si aspettava da Federico Pellegrino una prova da protagonista anche in skating. Il valdostano, partito dalla 10^ piazza, ha cominciato però a pagare a metà gara per chiudere al 19° posto. Niente punti per gli altri azzurri: 32° Francesco De Fabiani, 55° Giandomenico Salvadori, 56° Stefan Zelger, ritirato Maicol Rastelli.

La Coppa del Mondo di sci di fondo tornerà sabato e domenica prossimi con skiathlon e staffette sulle nevi olimpiche di Lillehammer. 

CLASSIFICA TRIPLE DI RUKA-KUUSAMO
1° J. Klæbo (NOR) 35'29”7
2° E. Iversen (NOR) +1"8
3° I. Niskanen (FIN) +11"1
4° P. Golberg (NOR) +47"9
5° A. Bolshunov (RUS) +48"3
6° H.C. Holund (NOR) +52"1
7° D. Tønseth (NOR) +58”8
8° S. Røthe (NOR) +1’16”4
9° C. Halfvarsson (SWE) +1'33”6
10° S. Ustiugov (RUS) +1'39”0

Per consultare la classifica complessiva clicca qui

Dopo la netta affermazione della 10km in classico di ieri, Therese Johaug  ha dominato anche la tappa conclusiva del Triple di Ruka nei pressi di Kuusamo. La trentunenne di Røros ha ottenuto il 55° e 56° successo in Coppa del Mondo, raddoppiando la vittoria del mini-tour con il miglior tempo di giornata nella gundersen in skating sui 10km, distanziando tutte le rivali di ben oltre un minuto.

Mentre la dominatrice del circuito andava a prendersi tutto, incluso il pettorale giallo di leader di Coppa del Mondo, il focus dell'attenzione si è spostato sulla battaglia per le altre posizioni di vertice.

A circa due 2km dal traguardo, è diventato chiaro che il podio sarebbe stato tutto norvegese: una sontuosa Heidi Weng, partita col pettorale 10, e Astrid Uhrenholdt Jacobsen, scattata allo start dalla 5^ piazza, hanno accelerato e messo in difficoltà l'americana Sadie Maubet Bjornsen, 4^ ma partita in giallo per 2^ dopo le ottime gare d'esordio stagionale. Un evidente salto di qualità rispetto allo scorso anno per la trentenne cresciuta sciisticamente e non nello stato di Washington al confine con il Canada.

A rubare l'occhio in Finlandia, dietro l'inarrivabile Norvegia, non è stata la Svezia ma gli Stati Uniti che oltre a Bjornsen hanno messo Jessica Diggins a 5° posto e Rosie Brennan in 10^ posizione. Partiva con ambizioni di podio la padrona di casa Krista Pärmäkoski, 6^ all'arrivo in seguito ad un netto calo in skating rispetto all'ottima impressione destata in classico ieri.

Nonostante un primo fine settimana di gare senza squilli, la migliore delle svedesi è stata Frida Karlsson che al primo Triple della carriera non è andata oltre l'8° posto, superata anche da Tiril Udnes Weng, 7^. Ha terminato al 9° posto la ceca Katerina Razymova, forse l'atleta più sorprendente in questi giorni.

La Svezia ha pagato la scarsa vena di Stina Nilsson e Charlotte Kalla, rispettivamente 11^ e 14^, oltre all'assenza di Ebba Andersson. Merita una menzione il crollo verticale di Natalia Nepryaeva. La russa, 2^ nella generale lo scorso dietro un'altra illustre assente quale Ingvild Flugstad Østberg, è crollata dal 4° posto d'avvio al 18° finale.

Gara incolore per le azzurre. Dopo le eccezionali prestazioni nelle qualificazioni della sprint, nelle gare su distanza non sono arrivati punti di Coppa del Mondo. La migliore alla fine è stata la veronese Lucia Scardoni 41^, mentre Caterina Ganz ha chiuso 43^ e Anna Comarella 55^.

A breve la gara maschile con Federico Pellegrino in cerca di grandi sensazioni anche sulla distanza in skating.

CLASSIFICA TRIPLE DI RUKA-KUUSAMO
1^ T. Johaug (NOR) 25'48”0
2^ H. Weng (NOR) +1'11”3
3^ A. Jacobsen (NOR) +1'13”3
4^ S. Maubet Bjornsen (USA) +1'27”9
4^ J. Diggins (USA) +1'30”9
6^ K. Pärmäkoski (FIN) +1’41”0
7^ T.U. Weng (NOR) +1’52”5
8^ F. Karlsson (SWE) +1’53”9
9^ K. Razymova (CZE) +2'00”1
10^ R. Brennan (USA) +2'15”3
Le Italiane
41^ L. Scardoni +4'28”3
43^ C. Ganz +4'52”0
55^ A. Comarella 5’33”3

Pagina 1 di 127
Top