Prolungata la sospensione per i russi

29 Ottobre 2017
(3 Voti)
Author :  

Una decisione, quella finale sulla partecipazione delle squadre russe alle prossime Olimpiadi PyeongChang sarà presa solo in dicembre. Nel frattempo la commissione Oswald ascolterà molte altre persone per essere sicuri del verdetto.

 

Su invito del Comitato Olimpico Internazionale (CIO), i principali rappresentanti del Movimento Olimpico si sono riuniti ieri a Losanna per il sesto vertice olimpico. Fra i numerosi argomenti all'ordine del giorno, è stato nuovamente trattato l'argomento che da quasi 3 anni sta tenendo i russi in ansia.

I partecipanti al vertice olimpico sono stati informati sulle ultime indagini condotte dalle Commissioni Schmid e Oswald. Tenuto conto della natura e della complessità dei casi, il dottor Denis Oswald, ha spiegato che una metodologia legalmente valida doveva essere applicata specificamente per effettuare le analisi scientifiche necessarie per tutti i casi sotto la giurisdizione della commissione. Questo vasto, approfondito e molto lungo processo ha richiesto diversi mesi e ha richiesto la collaborazione di diversi esperti scientifici esterni.

I partecipanti al vertice hanno osservato che le conclusioni delle analisi scientifiche della relazione McLaren non potevano essere utilizzate per intraprendere un'azione legale individuale perché il metodo utilizzato dal professor McLaren non era stato progettato per stabilire casi specifici di violazioni delle regole doping. Questo non era parte del mandato del professor McLaren e lui lo ha detto molto chiaramente in molte occasioni. È per questo che la commissione Oswald ha dovuto ricorrere a un nuovo metodo più preciso che, dopo una vasta ricerca, è stato sviluppato da esperti dell'Università di Losanna.

Di conseguenza, il CIO non è stato in grado di intervenire, ad eccezione dell'avvio di procedimenti disciplinari contro 28 atleti, prima che il metodo venisse convalidato e prodotto i primi risultati.

Per quanto riguarda i Giochi Olimpici Invernali 2014 di Sochi, la Commissione Oswald non solo ha esaminato i casi dei 28 atleti russi menzionati nella relazione McLaren, ma ha anche intrapreso una rianalisi dei campioni di tutti gli atleti russi. Questa nuova analisi ha due obiettivi: prima di riesaminare i campioni per dimostrare il doping e, in secondo luogo, per determinare se i campioni stessi sono stati manipolati.

 

Il CIO ha inoltre riesaminato tutti i campioni di atleti russi dei Giochi Olimpici Invernali di Vancouver 2010 e dei Giochi Olimpici di Londra 2012.

I partecipanti al vertice olimpico hanno apprezzato che le indagini della Commissione di Oswald continuino oltre le conclusioni e il mandato della relazione McLaren.

La Commissione di Oswald ha annunciato che tutte le audizioni per atleti attivi che si qualificheranno per i Giochi Olimpici Invernali di PyeongChang del 2018 saranno completati entro la fine di novembre.

Secondo il codice antidoping mondiale, la riservatezza deve essere rispettata nell'interesse degli atleti interessati. Lo scopo di questo lavoro è quello di garantire che gli IF dispongano degli strumenti necessari per proteggere i concorsi per la qualificazione.

I risultati delle audizioni saranno comunicati il ​​più presto possibile dopo ogni singola audizione. Questo permetterà agli IF di seguire immediatamente le loro audizioni disciplinari e di rimuovere rapidamente gli atleti interessati dal processo di qualificazione.

I partecipanti al vertice sono stati anche informati della prosecuzione delle audizioni della commissione Schmid e della regolarità della procedura seguita. La commissione riferirà nelle prossime settimane.

 

I partecipanti al vertice hanno votato a favore della proposta presentata e si saprà solo a fine dicembre quindi se la partecipazione degli atleti russi ai Giochi invernali olimpici di PyeongChang sarà possibile o meno.

Articolo tratto da ski-nordique.com

 

Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…