Redazione

Redazione

Suspendisse at libero porttitor nisi aliquet vulputate vitae at velit. Aliquam eget arcu magna, vel congue dui. Nunc auctor mauris tempor leo aliquam vel porta ante sodales. Nulla facilisi. In accumsan mattis odio vel luctus.

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Predazzo si prepara ad ospitare la serata-evento “Fai un salto per Matteo”, l’iniziativa benefica organizzata a favore di Matteo Antico, un ragazzo del posto vittima un anno fa di un grave incidente con il parapendio per il quale un’intera comunità si sta mobilitando per offrirgli un aiuto concreto nel suo difficile percorso riabilitativo. L’appuntamento, al quale sono invitati residenti e ospiti, è per martedì 13 agosto, a partire dalle ore 16:00, presso lo Stadio del Salto di Predazzo. L’iniziativa, nata grazie all’impegno degli amici di Matteo e al supporto dell’Unione Sportiva Dolomitica, del Comune di Predazzo, di Nordic Ski Fiemme World Cup e di tantissimi volontari, sarà incentrata sulla disciplina del salto con gli sci, sport che Matteo Antico ha praticato a livello agonistico fin da ragazzo e che ha continuato ad esercitare con passione fra i master fino a poco prima dell’incidente con il parapendio.

L’entrata sarà ad offerta libera e tutto il ricavato delle numerose attività organizzate verrà versato sul conto corrente IT 28 K 08184 35280 000000093213 / US Dolomitica Fai un Salto per Matteo, messo a disposizione dalla Cassa Rurale Val di Fiemme.

Sarà possibile partecipare alle visite guidate dello “Stadio del Salto G. Dal Ben”; un’occasione unica per scoprire da punti di vista solitamente inaccessibili gli spettacolari trampolini di Predazzo, già tre volte iridati (1991/2003/2013) e nel 2026 addirittura “a cinque cerchi”! Prenotazioni al numero 334 – 1124196.

Spazio anche al gusto, con la golosa Merenda Olimpica a base di torte e fortaie di Ospitalità Tridentina, giochi per i più piccoli sui gonfiabili e prove di salto sul trampolino di legno montato per l’occasione nel parterre dello stadio per far provare a tutti l’ebrezza del salto con gli sci. Previsto anche un interessante Talk Show, moderato dallo speaker del Giro d’Italia e del Tour de Ski Paolo Mei, dedicato al tema “Olimpiadi ieri, oggi e… domani Milano-Cortina 2026” al quale parteciperà, fra gli altri, anche il campione di combinata nordica Alessandro Pittin.

Alle ore 17:45 verrà inaugurato il nuovo trampolino HS66, l’ultimo gioiello dello Stadio del Salto di Predazzo, l’anello di congiunzione ideale che permette agli atleti il giusto e graduale avvicinamento ai trampolini più “grandi” come l’HS106 o l’HS134. A seguire si alza il volume con l’Aperitivo Olimpico, foods&drinks, DJ set e musica dal vivo con i MarketOne in concerto.

A partire dalle ore 20:00 e fino alle 23:00 sarà operativo anche il trenino di Predazzo che collegherà il paese con il Centro del Salto (fermate presso Hotel Liz – Piazza SS. Apostoli – Hotel Vinella).

Gran finale a partire dalle ore 20:45 con la gara-esibizione di salto speciale su tutti i trampolini dello Stadio del Salto, con la partecipazione degli atleti della Nazionale Italiana di salto e combinata nordica maschile e femminile unita ad un momento particolare riservato a Matteo ed alla sua storia con qualche sorpresa da non perdere. Completerà la serata l’estrazione di ricchi premi estratti tra i presenti alla manifestazione e ritirabili subito, premi gentilmente forniti da diverse aziende della Val di Fiemme.

 

Per il Presidente dell’US Dolomitica di Predazzo, Roberto Brigadoi, “la serata di “FAI UN SALTO PER MATTEO” nasce dalla volontà della nostra Società, ed in particolare del settore Salto e Combinata nordica, di promuovere la recente assegnazione al Centro del Salto di Predazzo del ruolo di struttura per i Giochi Olimpici 2026 e contemporaneamente di aiutare un proprio ex atleta agonista nel suo percorso di recupero dopo l’incidente dell’anno scorso. Siamo molto contenti di come la nostra comunità si sia unita intorno alla nostra idea e stia dando una mano oltre le aspettative. Ci attendiamo di vedere tantissima gente allo stadio di Predazzo martedì sera a vivere con noi questo grande evento dell’estate 2019”. 

Ci sarà l’inedita sprint in classico e la Final Climb mass start con due spettacolari bonus

In gara per la prima volta anche Pellegrino, sicuro nella sprint, ma forse anche sulla “salitissima”

Tour de force per il comitato fiemmese con un full weekend successivo anche in vista olimpica

 

In Val di Fiemme c’è stato poco tempo per festeggiare l’assegnazione delle Olimpiadi invernali 2026, che già i dirigenti del comitato Fiemme Ski World Cup sono stati chiamati attorno ad un tavolo dalla FIS.

Oggi infatti è svolta l’ispezione in vista delle gare del Tour de Ski del prossimo gennaio. Non è stata la classica riunione di routine, ma una giornata di lavoro particolare perché il Tour de Ski nella sua 14.a edizione proporrà un finale inedito in Val di Fiemme, che è e rimane l’unica località ad aver ospitato tutte e 14 le edizioni. L’edizione 2020 in Val di Fiemme si aprirà venerdì 3 gennaio con la tradizionale mass start, 10 km femminile e 15 km maschile in tecnica classica, poi sabato toccherà alla gara sprint, anch’essa in tecnica classica, sulla pista collaudata in occasione dei Mondiali 2013, quindi domenica la Final Climb in tecnica libera, ma non più con partenza ad inseguimento (pursuit), bensì una inedita - per l’Alpe Cermis – partenza mass start con due bonus sprint, uno al km 2,5 all’interno del Stadio di Lago di Tesero ed un secondo sulle rampe della Final Climb.

Per la FIS era presente al sopralluogo Sandra Spitz (Cross-Country Event Coordinator) che nel portare i saluti della Federazione Internazionale ha fatto anche le congratulazioni per l’assegnazione olimpica.

I lavori sono stati aperti dal presidente del comitato fiemmese Bruno Felicetti, il quale ha voluto ribadire la soddisfazione dell’aggiunta della terza giornata di gare per il Tour de Ski, un fatto che sicuramente porterà un incremento di interesse da parte degli atleti, dei team ed in particolare degli appassionati dello sci nordico.

Presente all’incontro anche lo staff di Infront, la società che detiene i diritti TV e che si occupa della produzione. Cambierà regista il prossimo Tour de Ski, con Luigi Catalfamo supportato dallo svedese Anders Yttergard nuovo consulente internazionale. Infront ed i tecnici del comitato fiemmese hanno affrontato a piedi tutto il tracciato, studiando una nuova predisposizione delle tante telecamere per dare maggior impulso alle immagini. Altra novità per la Final Climb sarà l’uso dell’elicottero per seguire con maggior enfasi le fasi salienti di gara, con gli atleti ad affrontare la salita non più col distacco maturato nelle giornate precedenti, ma tutti insieme. Insomma, una gara con maggior suspense e con tanta, tanta adrenalina in più. Da sempre la prova finale sul Cermis è quella che ha il maggior numero di ascolti in assoluto.

Marica Defrancesco con lo staff del marketing sta definendo i dettagli per gli eventi di contorno. Ovvio che il clou sarà domenica 5 gennaio col Tour del Gusto, confermati anche gli eventi di contorno a Lago di Tesero in tema di musica, ma sono allo studio per i fans tante altre iniziative.

Il Tour de Ski in triplice giornata in Trentino vedrà gareggiare anche il campione valdostano Federico Pellegrino, che punterà alla gara sprint ma che, con tutta probabilità, si esibirà anche nella Final Climb, perseguendo l’obiettivo che i dirigenti FIS si sono proposti, ovvero portare tutti i migliori atleti in gara nel Tour evitando così che gli sprinter abbandonino dopo le prime giornate. Ovvio che conterà molto anche la situazione di Coppa del Mondo in quel periodo, visto che il weekend successivo ci sarà la sprint di Dresda.

Già decisi, di massima, anche gli orari delle tre giornate di competizioni. Venerdì 3 gennaio la mass start in classico con le donne al via alle 13.15 e gli uomini alle 15.15. Sabato 4 la sprint con le qualifiche alle 8.50 e la rassegna finale alle 11.25, infine domenica - dopo la Rampa con i Campioni delle ore 10, gara open per tutti i fondisti – scatterà la Final Climb con orario fotocopia di venerdì, le donne alle 13.15 e gli uomini alle 15.15.

Ma gli impegni degli organizzatori della Val di Fiemme non si fermeranno al weekend pre-Befana, quello successivo ritorna la kermesse di Coppa del Mondo di Combinata Nordica e Salto Speciale, per una tre giorni, quattro in verità con le qualifiche, di grande spettacolo. Anche questi appuntamenti per lo staff ed i volontari del presidente Bruno Felicetti saranno un ‘collaudo’ in vista degli eventi olimpici del 2026.

RODA: "UN LAVORO DI SQUADRA IMPECCABILE"

 

Vince l'Italia, vince Milano-Cortina. La 134esima Sessione CIO tenutasi allo Swiss Tech Convention Center di Losanna ha assegnato alla nostra nazione la XXVa edizione delle Olimpiadi Invernali. Un successo netto, con 47 voti contro i 34 di Are-Stoccolma, in una giornata in cui ora dopo ora è emersa la differenza di peso delle due candidature, con la spedizione italiana a far leva sul prestigio del progetto e della grande tradizione sportiva invernale, sulle tre edizioni dei Giochi già organizzate (Cortina 1956, Roma 1960 e Torino 2006), sull'appoggio di gran parte della popolazione e sulle garanzie fornite dal Governo, presente nella città svizzera con il premier, Giuseppe Conte (e il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, tramite un video messaggio).   

Tanti i campioni olimpici e paralimpici erano presenti Armin Zoeggeler, Federico Pellegrino, Michela Moioli, Sofia Goggia, Elisa Confortola, Arianna Fontana, Giacomo Bertagnolli, Manuela Di Centa e Francesca Porcellato in rappresentanza delle discipline invernali, mentre Carlo Mornati, Antonio Rossi, Giuseppe Abbagnale, Aldo Montano, Alessandra Sensini e Diana Bianchedi quelle estive. Ben 66 medaglie olimpiche e paralimpiche, fra cui 24 d'oro, 17 d'argento e 25 di bronzo. In loro compagnia il Presidente del CONI Giovanni Malagò, il Presidente FISI Flavio Roda, il Presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana, il Presidente della Regione Veneto Luca Zaia, il sindaco di Milano Giuseppe Sala e il sindaco di Cortina Gianpietro Ghedina.

Nelle parole del Presidente Flavio Roda la soddisfazione per un grande obiettivo raggiunto dall'Italia intera. "La giornata odierna dimostra che ha veramente funzionato il lavoro di squadra messo insieme da Governo, Coni, Regioni, Comuni, Federazioni, abbiamo colto una grande opportunità per tutta la nazione e per i nostri sport. La presentazione è stata eccezionale, curata in ogni particolare. Complimenti a chi ha seguito tutta questa parte, anche l'ultimo filmato è stato emozionale, ha colpito tantissimo i membri del CIO e tutti noi. Queste cose danno la conferma del prodotto che è valido, dobbiamo essere orgogliosi, adesso insieme dovremo continuare a lavorare nella stessa direzione come è stato fatto in questi mesi".

Pellegrino, De Fabiani e compagni prima a Castello di Fiemme e poi ad Anterselva. Under 23 a Predazzo

 

La squadra di Coppa del mondo con Federico Pellegrino, Francesco De Fabiani, Maicol Rastelli, Elisa Brocard, Greta Laurent, Giandomenico Salvadori, Stefan Zelger, Lucia Scardoni, Caterina Ganz e Anna Comarella è impegnata a Castello di Fiemme fino a venerdì 28 giugno con il direttore tecnico Marco Selle e gli alllenatori Sterfano Saracco, Simone Paredi, Francois Ronc Cella. Il raduno si sposterà successivamente sulla pista di skiroll di Anterselva (Bz) fino a venerdì 5 luglio. 

Impegnato in Trentino pure il team under 23, convocato a Predazzo (Tn) fino a sabato 29 giugno con Lorenzo Romano, Stefano Dellagiacoma, Simone Da Prà, Luca Del Fabbro, Davide Graz, Paolo Ventura, Martin Coradazzi, Cristina Pittin, Martina bellini, Rebecca Bergagnin, Francesca Franchi con l'allenatore responsabile Pietro Piller Cottrer e i tecnici Renato Pasini e Luciano Cardini.

Doppio appuntamento con la Coppa Italia ad Alfedena,

 

Si è svolto a Cascina Bianca ad Alfedena (Aq) un doppio appuntamento con la Coppa Italia. Nella sprint d'apertura i successi sono andati a Francesco Becchis (Ski Avis Borgo Libertas) e Lisa Bolzan (Sci Club Orsago) nella categoria seniores, con becchis che ha approfittato al meglio dell'assenza Emanuele Becchis e Alessio Berlanda per precedere sul traguardo della finalissima per il primo posto Matteo Tanel (Robinson Ski Team), terzo posto per Federico Scanzi (Sci Club Gromo) che nella finalina di consolazione ha avuto la meglio su Marco Corradin. Bolzan invece si è tolta la soddisfazione di battere Chiara Becchis (CS Carabinieri) ed Elisa Sordello (Ski Avis Borgo Libertas). Nella categoria Children le vittorie sono andate a Sabrina Borettaz (Amis de Verrayes) e Marco Gaudenzio (Bachmann Tarvisio), tra i master si è imposto Silvano Berlanda, mentre tra i giovanissimi hanno vinto Katia Micheluzzi (Valdobbiadene) e Tommaso Tozzi (Winter Sport Subiaco).

Stessi vincitori anche nella mass start della seconda giornata, su un percorso misto che dal comune di Scontrone, dopo aver attraversato Alfedena, giungeva sulle alture del comune. Becchis ha rintuzzato l'attacco di Enrico Nizzi a 2 km dal traguardo, arrivando sotto lo striscione d'arrivo ancora davanti a Metto Tanel e allo stesso Nizzi, così come Bolzan ha preceduto nuovamente Chiara Becchis ed Elisa Sordello. La classifica generale di Coppa Italia vede nettamente al comando Lisa Bolzan fra le donne con 300 punti, mentre al maschile Matteo Tanel è l'uomo da battere. Appuntamento sul Carso per il prossimo weekend dove saranno in programma una sprint di Coppa Italia e il Campionato Italiano in piano.

 

 

Il bilancio di questa seconda tappa di Coppa Italia è positivo e gli atleti hanno domostrato di essere già in piena forma in vista delle prossime tappe. Il calore dell'organizzazione sci club Alfedena ha coinvolto tutti i partecipanti che si sono sentiti accolti e supportati nella logistica.

Appuntamento sul Carso per il prossimo weekend dove saranno in programma una sprint di Coppa Italia e il Campionato italiano in piano.

DOWNLOAD ALLEGATI:

Marcialonga il 26 gennaio 2020 in Trentino

Chi succederà a Michela Delvai? Elezione il 30 luglio a Tesero

Marcialonga Coop di corsa il 1° settembre con ‘esordio’ della nuova Soreghina

Borsa di studio donata ai più meritevoli delle Valli di Fiemme e Fassa

 

Bella, brava, preparata. La Soreghina rappresenta le caratteristiche di Marcialonga, e la ski-marathon che si è aggiudicata il titolo di miglior gara del pianeta per la seconda annata consecutiva è alla ricerca della sua nuova madrina. Soreghina è colei che ha il non facile compito di rappresentare Marcialonga nel corso degli appuntamenti sportivi di sci di fondo, ciclismo (Craft) e corsa (Coop), l’ultimo della Combinata Punto3 Craft ancora da disputarsi, dove la nuova Soreghina farà il proprio ingresso in scena.

Quella della “Figlia del Sol” è una storia triste, ma grazie a Marcialonga la Soreghina rivive e trova l’affetto di tutti, con tanti appassionati che ogni anno si precipitano a salutarla. L’iniziativa è nata nel 2002 con Carlotta Nemela quale prima eletta, proseguita poi con Elisa Sardagna, Sara Tonini, Eleonora Detomas, Martina Bernard, Giovanna Zeni, Barbara Vanzo, Francesca Braito, Veronica Lorenz, Elisa Varesco, Elisa Zanon, Arianna Iori, Valentina Monsorno, Giulia Pastore, Gessica Defrancesco, Camilla Canclini, Eleonora Dellantonio, sino ad arrivare alla più recente, Michela Delvai, la quale ha svolto egregiamente il proprio compito ed ora consegnerà la ‘fascia’ ad un’altra brava ragazza delle Valli di Fiemme e Fassa, che sosterrà gli atleti e li incoronerà al traguardo, trasmettendo i valori delle belle vallate trentine: “Un anno di emozioni in un ambiente internazionale, a contatto con lo staff, i volontari, gli atleti e i tanti appassionati di Marcialonga. Non perdere l’occasione di vivere un’esperienza unica ed irripetibile, manda la tua candidatura”, è l’invito del Comitato. E per presentarla basterà inviare il curriculum a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., avere tra i 18 e i 30 anni ed essere residente nelle Valli di Fiemme e Fassa, specificando il percorso di studio, nello sport e nel volontariato, prima di partecipare all’elezione che si terrà in Piazza Nuova a Tesero martedì 30 luglio, con la prescelta che indosserà l’abito caratteristico in occasione della prossima Marcialonga Coop del 1° settembre. ITAS metterà in palio un premio in denaro mentre la Magnifica Comunità di Fiemme donerà la fascia e un gioiello.

Marcialonga spinge sempre a dare il meglio di sé stessi, e così sarà anche con una borsa di studio del valore di 1.000 euro donata agli studenti meritevoli degli istituiti Rosa Bianca di Cavalese, Scuola Ladina di Fassa e CFP Enaip.

GRAN FONDO VAL CASIES E MONDIALI DI ANTERSELVA - SINERGIA TRA I DUE COMITATI E PACCHETTO UNICO

Gran Fondo Val Casies il 15 e 16 febbraio 2020 - Aperte le iscrizioni online alla 37.a edizione 

 

La contemporaneità della 37.a Gran Fondo Val Casies del 15 e 16 febbraio e dei Campionati del Mondo di Biathlon ad Anterselva, in Alto Adige,  ha ‘unito’ i comitati dei due prestigiosi eventi con delle offerte speciali previste per tutti gli ospiti delle due manifestazioni. Ecco così il ‘biglietto unico’ Gran Fondo Val Casies & Campionati del Mondo di Biathlon (settore percorso) acquistabile dai concorrenti della ski-marathon per le giornate di giovedì 13 febbraio, venerdì 14 febbraio o per entrambe le date. I possessori di biglietto dei Campionati del Mondo di Biathlon potranno invece partecipare alla gara classic della Gran Fondo in programma sabato 15 febbraio. L’offerta (prenotazioni a partire dal 10 giugno) include il noleggio gratuito di sci e scarpe e il trasferimento con bus-navetta dalla stazione di Monguelfo ad Anterselva. Il comitato della Val Casies ha da poco aperto le iscrizioni per partecipare alla 37.a edizione che si disputerà, come di consueto, in tecnica classica il sabato e in tecnica libera la domenica. 

 

Per info: www.valcasies.com     

 

 

Il dt Selle: "Grazie a Gressoney per l'accoglienza"

Prosegue il secondo raduno stagionale (dopo quello atletico effettuato in Sardegna) delle squadre di Coppa del mondo e under 23 nella località valdostana di Gressoney St. Jean, questa volta sulla neve, grazie alle abbondanti nevicate dell'ultimo periodo che consentono di sciare nei pressi del rifugio Gabiet, dove è stato approntato un anello di fondo. Al lavoro, che si concluderà domenica 9 giugno, partecipano Greta Laurent, Lucia Scardoni, Caterina Ganz, Elisa Brocard, Anna Comarella, Federico Pellegrino, Francesco De Fabiani, Giandomenico Salvadori, Maicol Rastelli e Stefan Zelger, assistiti dai tecnici Paolo Riva, Stefano Saracco, Simone Paredi, Marco Brocard e Francois Ronc Cella. 

In loro compagnia anche i giovani Lorenzo Romano, Stefano Dellagiacoma, Simone Daprà, Luca Del Fabbro, Davide Graz, Paolo Ventura, Martin Coradazzi, Cristina Pittin, Martina Bellini Rebecca Bergagnin e Francesca Franchi, con i tecnici Pietro Piller Cottrer, Renato Pasini, Luciano Cardini, Claudio Saba e Stefano Zampieri. "Dobbiamo ringraziare gli addetti agli impianti che aprono appositamente per noi gli impianti di risalita al mattino e ci consentono di scendere in paese a fine sciata - spiega il direttore tecnico Marco Selle -, e anche il residence Ruetoreif che ospita la squadra e permette al nostro team di utilizzare la cucina".

Pagina 1 di 527
Top