Redazione

Redazione

Suspendisse at libero porttitor nisi aliquet vulputate vitae at velit. Aliquam eget arcu magna, vel congue dui. Nunc auctor mauris tempor leo aliquam vel porta ante sodales. Nulla facilisi. In accumsan mattis odio vel luctus.

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il periodo natalizio è sinonimo di regali, tuttavia l’ansia da dono a tutti i costi spesso fa acquistare oggetti inutili o privi di significato, perché dunque non approfittarne adagiando sotto l’albero “La Marcialonga”? Regalandosi benessere, attività fisica, manifestazioni esemplarmente organizzate, oppure gadget utili a rendere unica la propria quotidianità e performance sportiva.

Il “pacchetto sport” mette sotto l’albero a 30 euro la sesta edizione della Marcialonga Story del 27 gennaio, riservata agli sciatori amanti della nostalgia con attrezzatura e abbigliamento d'epoca, a 35 euro la dodicesima Marcialonga Craft del 27 maggio, granfondo ciclistica di 80 o 135 km fra caratteristici paesi di montagna e vibranti passi dolomitici, e a 30 euro la sedicesima edizione della Marcialonga Coop del 2 settembre, lungo il torrente Avisio, i verdi pascoli ed i boschi delle Valli di Fiemme e Fassa, in Trentino. E, sia chiaro, il regalo potrà anche essere più d’uno!

Per quanto riguarda il materiale tecnico sono a disposizione la t-shirt finisher 2018 con la stampa personalizzata del tempo gara che certificherà la prestazione sportiva tra gli eventi Marcialonga skiing, Marcialonga Craft o Marcialonga Coop, il libro ed il filmato Marcialonga Legends dedicato ai Senatori che hanno partecipato a tutte le 44 edizioni finora disputate della ski-marathon invernale, praticamente una vita spesa assieme alla storica manifestazione trentina sugli sci stretti. Completeranno l’offerta le borse shopper e gli accessori, grazie al progetto in collaborazione con Fiemme Ski World Cup e REDO upcycling, marchio di design sostenibile promosso dalla A.L.P.I., la cooperativa sociale trentina specializzata nel riciclo creativo. In coerenza con la politica “green” delle Valli di Fiemme e Fassa, con striscioni pubblicitari riciclati è stata realizzata la borsa shopper dall’elevata robustezza e dalla lunga durata, con i pettorali delle passate edizioni della Marcialonga sono stati creati l’astuccio e l’originale borsa portascarpe, derivante dai banner pubblicitari, infine, il portatessere in tessuto mesh.

Pensieri originali e sostenibili, all’insegna del design e dell’ambiente, un’offerta a disposizione su richiesta entro domenica 17 dicembre.

Per info: www.marcialonga.it

Coppa del Mondo di sci di fondo a Dobbiaco (BZ)

Sabato 16 e domenica 17 dicembre gare di 10 e 15 km in skating e classico

L’altoatesino Dietmar Nöckler ci racconta le proprie impressioni in vista della tappa di CdM

 

Tra i 200 atleti presenti alla Coppa del Mondo di sci di fondo che si terrà a Dobbiaco (BZ) sabato 16 e domenica 17 dicembre ci sarà anche il fondista altoatesino Dietmar Nöckler, il quale ci ha raccontato le proprie impressioni in vista di uno degli appuntamenti più sentiti della stagione agonistica.

Dietmar, come valuti quest’avvio di stagione? “L’avvio di stagione sicuramente non è stato proprio buono. Ma comunque non avevo troppe aspettative sapendo di non partire in un grande stato di forma. Sono abbastanza contento della gara in classico a Kuusamo, dove mi sono difeso bene anche con una tenuta non ottimale”.

Sei tra i convocati per Dobbiaco, aspettative? La gara ha un format particolare… “Ho saltato le gare la scorsa settimana proprio per prepararmi per le gare di Dobbiaco, sperando di presentarmi al cancelletto in buona condizione. L’obiettivo mio è sicuramente di difendermi al meglio sabato in pattinaggio per fare una buona prova domenica nell’inseguimento. Questo format a me piace molto, ma sarà fondamentale non perdere troppo in skating”.

Come valuti il nuovo tratto di pista? L’hai già testato? Quali sono le difficoltà insite nel percorso? “La nuova pista presenta due salite molto dure e lunghe con un dislivello di 180 metri su un giro da 5 km. Dobbiaco ha fatto un ottimo lavoro e sono sicuro che verrà apprezzato da tutti. In questi giorni mi sto allenando proprio su queste piste”.

E per quanto riguarda la location, ti piace gareggiare alla Nordic Arena? Sarai l’unico altoatesino in gara… “Sì, è sempre bello per me correre vicino a casa mia. È uno stadio molto bello che offre tutto quello che un fondista desidera. Le piste sono sempre preparate perfettamente, e oltre al giro agonistico ci sono tanti km di piste innevate anche artificialmente”.

Aspettative per il futuro? Pensi che la tappa dobbiachese possa esaltare le tue caratteristiche e fungere da “lancio” per il proseguo? “Dobbiaco è il mio primo vero obiettivo di stagione e spero che mi lasci buone sensazioni, soprattutto in vista del Tour de Ski e il resto della stagione”.

Dove trovi le motivazioni per mantenere sempre alta la tensione? “La mia vita è lo sport. Grazie alle Fiamme Oro sono riuscito a fare della mia passione di sciare una professione. Nei momenti dove viene a mancare un po’ la motivazione penso agli obiettivi che mi sono posto, e questo mi aiuta a dare il 100% anche nelle giornate dove la voglia manca”.

Sulla Nordic Arena la neve è scesa in abbondanza, ed ora non resta che aspettare sabato con lo start delle sfide di 10 km TL femminile (ore 11) e 15 km TL maschile (ore 13.30), per poi concludere domenica 17 con la pursuit, 10 km TC femminile (ore 11.30) e 15 km TC maschile (ore 13.30).

Per quanto riguarda l’Italia, la tappa altoatesina di Coppa del Mondo verrà trasmessa in diretta Rai Sport ed Eurosport.

Info: www.worldcup-dobbiaco.it

Dopo la riunione del Comitato Olimpico Russo di martedì, c'è la possibilità che 200 atleti russi possano partecipare ai Giochi Olimpici a Pyeongchang.

All'incontro erano presenti i rappresentanti dell'hockey su ghiaccio, del pattinaggio artistico, del pattinaggio su ghiaccio e di altri numerosi sport.

Il Comitato olimpico internazionale (CIO), la scorsa settimana, ha deciso di vietare la partecipazione della Russia alle Olimpiadi invernali, perchè si hanno prove certe che i russi, durante le Olimpiadi 2014, hanno sistematicamente modificato le regole sul doping.

Dopo questa dura decisione, molti atleti russi non coinvolti nel doping si sono proposti per gareggiare come professionisti indipendenti.

"Più di 200 atleti sono in grado di qualificarsi", ha dichiarato il presidente del Comitato Olimpico russo Alexander Zjukov. L'unico requisito per poter partecipare è quello di non essere mai stato condannato o sospettato dell'uso di doping.

Quattordici campioni presenti alla due giorni di Dobbiaco

Distance in pattinaggio sabato e inseguimento stile Gundersen (finalmente è tornato) domenica in calssico.

Ultima tappa di Coppa del Mondo prima del Tour de Ski, che non vedrà iscritto Johannes Høsflot Klæbo.

La gestione del fuoriclasse norvegese che in Italia potrebbe infilare la 7a vittoria consecutiva in coppa, inizierà qiundi dopo Dobbiaco e lo spettacolo è garantito!

Anche a livello femminile sono attese risposte da Bjoergen e Weng che Ragnild Hagae Oestberg hanno messo in fila nelle ultime prove.

 

 

Squadra femminile
BJØRGEN Marit (1980)
ØSTBERG Ingvild Flugstad (1990)
MURUD Thea Krokan (1994)
JACOBSEN Astrid Uhrenholdt (1987)
HAGA Ragnhild (1991)
HARSEM Kathrine (1989)
WENG Heid (1991)

Squadra maschile
KLÆBO Johannes Høsflot (1996)
HOLUND Hans Christer (1989)
KRÜGER Simen Hegstad (1993)
DYRHAUG Niklas (1987)
RØTHE Sjur (1988)
KROGH Finn Hågen (1990)
SUNDBY Martin Johnsrud (1984)

Campionato Italiano Assoluto a Fiera di Primiero (TN)

RAI Sport trasmetterà l’evento in differita dalle ore 22.45 alle ore 24

Sfide di scena a partire dalle ore 14 con le qualifiche Young

 

Lo spettacolo, sia esso teatrale, cinematografico o musicale, è per definizione una rappresentazione a beneficio di un pubblico. Ma anche lo sport, in quanto capace di richiamare masse di spettatori, è considerato “spettacolo”, esaltato e messo in bella vista dai mezzi di comunicazione quali televisione e media digitali. La quindicesima edizione della Ski Sprint Primiero Energia del 26 dicembre avrà così il risalto che merita grazie ai canali di RAI Sport, apoteosi fondistica all’imbrunire che metterà in mostra la località di Fiera di Primiero (TN) addobbata a festa ed il lavoro encomiabile dello staff dell’Unione Sportiva Primiero, “aiutato” anche dalla neve scesa in abbondanza in questi giorni.

A dare il via alle danze nel giorno festivo dedicato a Santo Stefano ci saranno le qualifiche della Ski Sprint Young (ore 14) e le batterie della Team Sprint (ore 15). Finali delle gare giovanili in scena alle ore 16.45, mentre alle ore 17.30 ci sarà il gran finale femminile della Team Sprint, seguito qualche istante più tardi dalla sfida più attesa, la finale maschile valevole anch’essa per il Campionato Italiano Assoluto Team Sprint. Gli appassionati di fondo potranno prima “scendere in campo” nel cuore di Fiera di Primiero, e poi sedersi sul divano di casa gustandosi la differita RAI Sport dalle ore 22.45 alle ore 24.

La neve è già pronta per essere stesa, solitamente aspettando le ultime ore per rendere la pista immacolata. I concorrenti, molti dei quali in pausa dalla Coppa del Mondo, potranno partire al cospetto della Torre Civica e a ridosso della Chiesa della Madonna dell’Aiuto, proseguendo sul tracciato ad anello di 400 metri che sfilerà lungo il centro di Fiera passando per Via Fiume, Via Guadagnini e Via Terrabugio, linea di confine di una contesa capace di infiammare ed esaltare il Campionato Italiano Assoluto.

I corpi sportivi militari non rinunciano mai alla Ski Sprint, e l’US Primiero può così vantarsi di ospitare gli atleti più quotati del panorama nazionale, quali Federico Pellegrino e Dietmar Noeckler, in cerca di rivalsa dopo la sfortunata defaillance dello scorso anno, o i “padroni di casa” Ilaria Debertolis e Giandomenico Salvadori, primierotti DOC desiderosi di mettersi alla prova su un terreno sportivo che conoscono molto bene.

La Ski Sprint è anche un invito per gli spettatori a scendere in campo e godersi lo “spettacolo”; performance sensazionali alla pari di una Prima al Teatro alla Scala, solo sugli sci stretti.

Info: www.skisprint.usprimiero.com

 

La coppa del mondo di sci di fondo approda sulla pista di Dobbiaco per una due giorni di gare importanti valevoli. Il programma prevede sabato 16 dicembre una 15 km a tecnica libera maschile (ore 13.30) e una 10 km a tecnica libera femminile (ore 11), seguita domenica 17 dicembre a due gare sulla stessa distanza, ma in tecnica classica (donne alle 11.30, uomini alle 13.30). La squadra italiana, in qualità di nazione ospitante, potrà schierare un numero maggiore di atleti, per cui il capo allenatore Giuseppe Chenetti ha convocato in campo maschile Dietmar Noeckler, Francesco De Fabiani, Giandomenico Salvadori, Maicol Rastelli, Stefano Gardener, Mirco Bertolina, Fabio Pasini, Sergio Rigoni, Paolo Fanton e Claudio Muller, turno di riposo per Federico Pellegrino. Fra le donne toccherà a Ilaria Debertolis, Caterina Ganz, Anna Comarella, Elisa Brocard, Lucia Scardoni, Giulia Stuerz, Virginia De Martin Topranin e Sara Pellegrini. L'Italia vanta due soli podi sulla distanza nella località altoatesina: il terzo posto di Roland Clara nella pursuti del 2015 e il secondo posto di Silvio Fauner nella 15 km del 1993.

Coppa del Mondo di sci di fondo a Dobbiaco (BZ)

Sabato 16 e domenica 17 dicembre gare di 10 e 15 km in skating e classico

Nordic Arena “sommersa” di neve ed in attesa dei campioni

Gare in diretta in tutto il mondo, Rai Sport ed Eurosport per l’Italia

 

La neve è scesa copiosa sul manto già innevato di Dobbiaco (BZ), la Nordic Arena ora è un gioiello d’agonismo e leggiadria fisica, ove i fuoriclasse di Coppa del Mondo potranno sfogare tutta la propria tenacia negli appuntamenti di Coppa del Mondo di sabato 16 e domenica 17 prossimi. Le piste sono un vanto per la famiglia Santer, punto di riferimento imprescindibile per lo sci di fondo a Dobbiaco, e proprio in Alto Adige la ricetta vincente sarà costituita da 10 km per le donne e 15 per gli uomini, da percorrere in skating nella prima giornata con partenze “interval start” e in classico (pursuit/inseguimento) nella giornata successiva. Un programma che è una chicca, con Dobbiaco incaricata di riproporre la formula vincente dello skating il sabato e dell’inseguimento in classico la domenica, da tempo mancante nello sci di fondo che conta.

“Nathalie” è da prendere con le pinze, difficile da “domare”, una che ama l’avventura e lo sport, ma “Nathalie” non sarà una delle atlete in gara, bensì la pista dove si svolgeranno le competizioni, un percorso rinnovato con una difficoltosa salita con punti al 18% di pendenza, quasi a ricordare che l’anno prossimo Dobbiaco sarà scenario d’apertura del ‘famigerato’ Tour de Ski. Quest’anno, invece, la “porta sulle Dolomiti” farà da preludio alle sette sfide del Tour che prende spunto dal “de France” ciclistico, con partenza elvetica a Lenzerheide.

A Dobbiaco 200 atleti e 29 nazioni daranno il via ad una cavalcata epica, con le nevi altoatesine ad alzarsi come dopo il passaggio di una mandria di bufali provenienti dal Selvaggio West. Nulla di confermato per quanto riguarda i nomi presenti, come sempre accade in questi casi dietro ogni fondista ci sono molti dettagli da prendere in considerazione, ovvero valutare le condizioni fisiche dello stesso, se la prova faccia o meno al caso dell’atleta, se riposare per recuperare energie in vista di una lunga stagione, per questo i nominativi seguenti potranno essere confermati o sostituiti poco prima delle gare. I contest di Davos hanno lasciato sul terreno parecchi indizi, dal francese Maurice Manificat, ai russi Ustiugov e Bolshunov, e ancora Krueger, Cologna, Hellner, mentre al femminile Oestberg, Haga, Weng potranno essere un osso duro per tutti, capitanate dalla fenomenale Bjoergen il cui “sole di carriera” non pare tramontare mai. Kalla e Nilsson diranno la loro per quanto riguarda la Svezia, con i russi incognite da tenere sott’occhio dopo il “polverone” doping. La truppa azzurra non vorrà essere da meno, non ci sarà il velocista Pellegrino, la nazionale italiana punta così su Dietmar Nöckler, Francesco De Fabiani, Maicol Rastelli, Giandomenico Salvadori, Mirco Bertolina, Stefano Gardener, Fabio Pasini, Sergio Rigoni, Paolo Fanton e Claudio Muller.

Il capo allenatore Giuseppe “Sepp” Chenetti al femminile ha convocato invece Ilaria Debertolis, Anna Comarella, Caterina Ganz, Lucia Scardoni, Giulia Stürz, Virginia De Martin Topranin, Elisa Brocard e Sara Pellegrini. Attenzione anche ai “soliti noti” Niklas Dyrhaug, Finn Haagen Krogh, Martin Johnsrud Sundby, meno brillante del solito ma sempre da temere, Sjur Roethe e Didrik Toenseth per quanto riguarda i norvegesi, Calle Halfvarsson fra gli svedesi, Sergey Ustiugov, vincitore dello scorso Tour de Ski, fra i russi, e a Jessica Diggins del Team USA.

Mezzo mondo assisterà collegato in diretta ai prodigi dobbiachesi sugli sci stretti, con diretta RAI Sport sabato alle ore 11 (donne) ed alle ore 13.30 (maschi), mentre domenica il via sarà dato alle 11.30 (donne) e alle 13.30 (maschi). Il commento tecnico RAI spetterà a Franco Bragagna, e a Silvano Gadin per quanto riguarda Eurosport. Dobbiaco è pronta e attende le sue stelle.

Info: www.worldcup-dobbiaco.it

 

09.12.2017 Al via a Forni Avoltri la Coppa Italia Fiocchi 2017-18

 

Si apre con una sprint alla Carnia Arena di Forni Avoltri la stagione della Coppa Italia Fiocchi 2017-18 con qualche centimetro di neve caduta durante la notte e cielo coperto.

 

Rientro alle competizioni dopo la maternità per Karin Oberhofer (CS Esercito) che con 23’32.7 e 0-1 al poligono precede la carabiniera locale Eleonora Fauner di oltre 1’30 (0-1 anche per Lei). Terzo gradino del podio nella categoria Junior – Senior Femminile per la poliziotta gardenese Carmen Runggaldier.

 

In campo maschile vittoria per Pietro Dutto (Fiamme Oro) sugli alpini Rudy Zini e Michael Durand, primo a sua volta nella categoria juniores. Peter Tumler (Esercito) e Simon Leitgeb (Carabinieri) completano il podio juniores.

 

Cambia la categoria, da Aspiranti a Giovani, ma la valdostana aggregata al CS Esercito, Beatrice Trabucchi leader finale della Coppa Italia Fiocchi dello scorso anno, continua a vincere. Ottima prestazione nella categoria giovani femminile sui 7,5km per Martina Vigna (Entraque), seconda al traguardo e per Selina Gurschler (Martello).

 

Grande bagarre nella categoria giovani maschile dove il carabiniere David Zingerle vince su Iacopo Leonesio (Brusson) che a sua volta, grazie ad un percorso netto al poligono, ha la meglio per pochissimi secondi sull’alpino Kevin Gontel che invece fa 3 al poligono.  

 

Podio tutto targato Anterselva per le aspiranti femminili: Hannah Auchentaller (Carabinieri) sul gradino più alto, Magdalena Wierer al secondo posto e Rebecca Passler (Carabinieri) al terzo.

 

Categoria molto numerosa quella degli aspiranti maschili con ben 46 partenti. Ma anche in questo caso è sempre la Valle di Anterselva la provenienza del vincitore: Daniel Oberegger  vince precedendo sul traguardo un veloce Stefano Canavese (Entraque) che nonostante 5 errori complessivi al poligono, riesce a raggiungere il secondo posto davanti al padrone di casa Fabio Cappellari.

 

 

 

Pagina 1 di 457
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…