Dalle stelle alle stalle: Italia ai piedi del podio nella staffetta di Canmore

08 Febbraio 2019
(3 Voti)
Author :  

L'Italia del biathlon fa sognare prima di arrendersi a Germania, Norvegia e Francia. Lisa Vittozzi, Nicole Gontier, Dorothea Wierer e Federica Sanfilippo terminano al 4o posto la staffetta femminile di Canmore dopo essere state per tre quarti di prova al comando. Il "dream team" non riesce a bissare il successo ottenuto ad inizio stagione ad Hochfilzen e raccoglie un amaro piazzamento dopo aver avuto in pugno le redini della gara.

Prima frazione stratosferica di Lisa Vittozzi, pulita e veloce come spesso accade ultimamente, che passa il testimone a Nicole Gontier con un margine superiore ai 20" sulle più immediate inseguitrici, prima fra tutte la Francia. Nei secondi 6,6 chilometri l'aostana dell'esercito riscatta le brutte prestazioni di Oberhof e Ruhpolding rendendosi protagonista della miglior prova in carriera nella gara a squadre. Una performance che risolleva sicuramente il morale di Nicole, biathleta ritrovata nell'arco della stagione e capace di un passo sugli sci da prime della classe. Il terzo tassello azzurro risponde al nome di Dorothea Wierer, sola al comando dopo aver ricevuto il cambio con mezzo minuto di vantaggio. La leader della classifica generale è subito rapida e precisa nella serie a terra, fattore in cui riesce addirittura a fare la differenza guadagnando ulteriori secondi. Tuttavia, un secondo giro sugli sci a ritmo non forsennato ed un poligono in piedi con due bersagli mancati e poi recuperati favoriscono il rientro di una scatenata Denise Herrmann, vera e propria mattatrice di giornata. Tre sole ricariche utilizzate dalla teutonica, in stagione ben più fallosa, ed un passo nel fondo senza eguali permettono alla Germania di lanciare in ultima frazione la fuoriclasse Laura Dahlmeier addirittura dalla prima posizione, con l'Italia che perde le code di sciatrici al momento inavvicinabili per le nostre portacolori. Federica Sanfilippo, con il podio che sembra ormai in saccoccia, amministra lo sforzo cercando di non andare fuori giri. Giri che, col passare dei minuti, vedono sbucare dalle retrovie una formazione che sembrava troppo lontana dai giochi viste le diverse difficoltà iniziali: la Norvegia. Come per gli uomini, anche le donne scandinave stanno attraversando un momento di forma eccezionale e la rimonta portata a termine da Tandrevold, Eckhoff e Olsbu-Roeiseland, dopo il disastroso lancio di Kalkenberg, ne è l'esempio. Al traguardo la compagine del Nord è addirittura seconda davanti alla Francia, ripresa e superata a velocità doppia all'interno dell'ultimo chilometro. E L'Italia? un ultimo giro da dimenticare di Sanfilippo, costretta al giro di penalità, non permette al nostro quartetto di conquistare un podio che pareva più difficile da perdere che da portare a casa. 

CLASSIFICA

1 3 GERMANY GER 0+7 1+5 1+12 1:10:16.3
    HINZ Vanessa   0+1 0+0 0+1 17:11.3
    HILDEBRAND Franziska   0+2 0+1 0+3 34:53.4
    HERRMANN Denise   0+2 0+1 0+3 51:39.3
    DAHLMEIER Laura   0+2 1+3 1+5 1:10:16.3
2 4 NORWAY NOR 0+0 2+7 2+7 +30.2
    KALKENBERG Emilie Aagheim   0+0 2+3 2+3 +2:16.6
    TANDREVOLD Ingrid Landmark   0+0 0+1 0+1 +2:03.6
    ECKHOFF Tiril   0+0 0+1 0+1 +1:26.9
    ROEISELAND Marte Olsbu   0+0 0+2 0+2 +30.2
3 1 FRANCE FRA 0+6 0+6 0+12 +41.6
    CHEVALIER Anais   0+2 0+1 0+3 +24.2
    BRAISAZ Justine   0+0 0+1 0+1 +34.3
    BESCOND Anais   0+1 0+3 0+4 +57.1
    SIMON Julia   0+3 0+1 0+4 +41.6
4 6 ITALY ITA 0+2 1+6 1+8 +1:40.5
    VITTOZZI Lisa   0+0 0+0 0+0 0.0
    GONTIER Nicole   0+0 0+1 0+1 0.0
    WIERER Dorothea   0+0 0+2 0+2 +3.0
    SANFILIPPO Federica   0+2 1+3 1+5 +1:40.5
5 10 SWITZERLAND SUI 0+3 2+7 2+10 +2:24.6
    GASPARIN Aita   0+1 0+1 0+2 +1:06.9
    GASPARIN Elisa   0+0 0+0 0+0 +1:08.1
    MEINEN Susanna   0+1 0+3 0+4 +2:26.5
    HAECKI Lena   0+1 2+3 2+4 +2:24.6
Top